APPARARE (2) v.

0.1 aparar, apparo.

0.2 Da pari 1.

0.3 Guittone (ed. Leonardi), a. 1294 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Guittone (ed. Leonardi), a. 1294 (tosc.).

In testi sett.: Tristano Veneto, XIV.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Essere pari, all'altezza, riuscire. 2 Mettere a confronto.

0.8 Raffaella Pelosini 19.04.1999.

1 Essere pari, all'altezza, riuscire.

[1] Guittone (ed. Leonardi), a. 1294 (tosc.), Son. 65.10, pag. 195: Or non so per ch'eo mai cosa apparasse, / s'eo non apparo a covrir (sý non para) / ci˛ che m'aucideria quando paresse. || Leonardi, p. 196: źse non sono pari a, riesco (o 'imparo', come v. 9?)╗.

2 Mettere a confronto.

[1] Tristano Veneto, XIV, cap. 270, pag. 242.23: Et se lo mio fosse stado tanto demorado et usado in lo regname de Longres chomo have lo so, io saverave aparar lo mio amigo incontra lo so de bontade e de belleše et de cortesie et de chavalarie et de alteše deĚllignacio.

[u.r. 05.02.2018]