APPÈNDERE v.

0.1 adpennere, apeisa, apeiso, apendano, apende, apender, apendere, apese, apesi, apeso, apisa, apisi, appenda, appende, appender, appendere, appenderêlo, appenderono, appendesse, appendeste, appendette, appendeva, appendi, appendila, appendolo, appendono, appenne, appenneraio, appennere, appenno, appesa, appese, appesi, appesile, appeso, appìserulu, appisa, appisi, appiso, appisu.

0.2 Lat. appendere (LEI s.v. appendere).

0.3 Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.): 1.2.

0.4 In testi tosc.: Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.); Doc. sen., 1277-82; Bestiario toscano, XIII ex. (pis.); Dante, Convivio, 1304-7.

In testi sett.: Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.); Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311.

In testi mediani e merid.: St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.); Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.); Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Stat. cass., XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.).

0.5 Locuz. e fras. appendere alle forche 1.2; appendere in forche 1.2; appendere nelle forche 1.2; appendere in sulle forche 1.2.

0.7 1 Fissare qsa (o qno) a qsa, in modo che vi resti sospeso. 1.1 Mettere in croce, crocifiggere. 1.2 Impiccare (anche pron.). 2 Attaccare, apporre. 3 Attenere, essere pertinente. 4 Fig. Incombere. 5 Fig. Reggere. 6 Fig. Soppesare, valutare.

0.8 Raffaella Pelosini 25.06.1999.

1 Fissare qsa (o qno) a qsa, in modo che vi resti sospeso.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 123, pag. 528: D'Antipatol filosofo audisti unca rasone, / con' la putana en Roma ne fe' derisïone, / q'entr[e] [en] un canestro l'apese ad un balcone?

[2] St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.), pag. 217.16: Ma li romani quelle ke vive piliavano, le faceano scorticare et le capora loro con le treze faceano adpennere.

[3] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 626, pag. 35: Ben se laxaria anço morir, / K'el no me val dir cum manaçe / Nè farla apender per le brace...

[4] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 74, pag. 86.25: unde li cacciatori loro engannano in cotal guisa, cioè che quello portano in uno vasello et appendolo ad uno arbore, sì che li dicti animali vedendolo fannosi ricta per averlo...

[5] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 63.70, pag. 356: Ché ogni carnal delectamento / ê men passa d'un momento: / sotir e longa [è] la trazina, / ché questa vita meschina / per dever star longamente, / ma pû 'la fuze incontenente; / che sì è frage e sotir / ch' è quaxi apeisa per un fir.

[6] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. c. 13.107, vol. 1, pag. 219: «Qui le strascineremo, e per la mesta / selva saranno i nostri corpi appesi, / ciascuno al prun de l'ombra sua molesta».

[7] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 2, cap. 1, pag. 38.12: et priseru chilla gente kistu cerniculu e appìserulu avanti de la porta de la ecclesia...

[8] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 10, pag. 353.19: E inchinato appende l'elmo dell'acciaio nei rami, e le grandi armi si posano nel prato.

[9] Deca prima di Tito Livio, XIV pm. (fior.), L. 10, cap. 2, pag. 374.14: Le prode delle navi e la roba de' ladroni furo appese nel vecchio tempio di Iuno, e ancora sono molti che le videro.

[10] Dom. da Monticchiello, Rime, 1358 (sen.), 3, pag. 44.1: Ansalon vidi appender pe' capelli, po' che fedò la camera paterna; e tutto era infilzato da' quadrelli.

[11] Canzoniere del sec. XIV, a. 1369 (tosc.occ.), 35 [Antonio da Ferrara].30, pag. 74: S[t]ato fusse io porcel<lo> da campanella, / quando tre dai di groppo / mi furo appesi al collo in un borsello...

[12] Diatessaron, a. 1373 (fior.), cap. 95, pag. 273.26: Ma chi scandalizzerà uno di questi parvoli che credono in me, sarebbeli meglio che una macina di soma d'asino gli fosse appesa al collo, e gittato nel profondo del mare.

[13] Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.), cap. 140, pag. 77.11: [1] Pigla una erba ki si chama porchaca et appendila a lu lectu, ki dormirà incontinenti.

[14] Stat. cass., XIV, pag. 73.21: apertene a quisto che i(n)nello sou collo sia appisa una mola asinaria (et) sia negato i(n) p(ro)fu(n)do de lu mare.

[15] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 3, pag. 65.12: e la ymagine de argento se l' appese a lo collo a modo de scuto...

1.1 Mettere in croce, crocifiggere.

[1] Guittone, Rime (ed. Egidi), a. 1294 (tosc.), Canz. 35.69, pag. 98: E giá non fu tuo peccato, / ché non fai che bono o migliore; / ma latrocinio nostro fue, / und'appeso e morto se' tue, / tale nostro e tanto signore.

[2] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 15.26, pag. 117: Vocce currenno / e mo me ce appenno, / che io non possa smarrire, / ca lo fuggire / fariame sparire / ch' io non fora scritto en amore.

[3] Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.), 573, pag. 38: Mercede chiedi ad quillo che in croce poneste, / baptéstelo e legàstelo e poy scì·llu appendeste.

[4] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 6, par. 1, vol. 1, pag. 86.4: scriptu fu ki divia essiri plagatu et mortu tostu, quasi subitu, et appisu cum li larruni, si tu ti arricordi.

- Appendere in croce.

[5] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 1752, pag. 84: Li ladroni ke foro presi / et condempnati e en croce apesi, / non erano ancora morti, / et li [I]uderi fuoro acorti...

- Appendere sul / nel legno.

[6] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 7, vol. 1, pag. 42.19: Noi siamo testimonianza di ogni cosa, che fece Cristo nella contrada di Giudea, e di Gerusalemme, il quale fu appeso nel legno...

[7] Cicerchia, Risurrez., XIV sm. (sen.), cant. 2, ott.91.2, pag. 427: Or qual di queste più simil figura / a Cristo, 'l qual apeso fu sul ligno / per liberare l'umana natura / da' mortal morsi del demon maligno?

1.2 Impiccare (anche pron.).

[1] Raimb. de Vaqueiras, Contrasto, c. 1190 (gen.), 18, pag. 164: Jujar, voi no sei corteso / qe me chaidejai de zo / qe negota no farò. / Ance fossi voi apeso!

[2] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 4.68, pag. 910: Quei ke l'à piegata e torta / sie trainato et appeso; / ne le forke disteso / lo vedess'io ankora!

[3] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Rationes quare Virgo tenetur diligere peccatores, 96, pag. 235: Respond lo desperao a l'olcellat malvax: / «Eo voi ke tu me appendi, ke 'l viver me desplax». / Illora l'olcellato respos al desperao: / «Met la correza in collo se tu voi ess aiao, / E 'l nom dra matre 'd Criste no fia pur anomadho.

[4] Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.), c. 22, pag. 390.11: per lo quale fallo, e più altri falli il giudice Nino il fece appendere.

[5] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 229.28: Ed encontenente come eglie l' avve prese, sì n' apese agl mierogle de la dicta rochca XXXIIIJ uomene e gl dicte Ciuccio e Mascio de Curaggio mandò a Peroscia. Fuoro lo moçço el capo ello Canpo de la battagla el dì de giovedì santo.

[6] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 105 rubr., vol. 2, pag. 156.8: Dua s'apendano glie ladrone e robadore.

[7] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 50, pag. 186.6: E venendo l'altro giorno, Lancialotto fae ordinare sopra delle mura del castello molte forche, per fare appendere tutti gli pregionieri presi.

[8] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 157.24: E mo' prenne uno e mo' prenne un aitro; questo appenne, a questo mozza lo capo senza misericordia.

- Appender, appendersi per la canna, per / per mezzo la gola.

[9] St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.), pag. 322.21: Et Alexander fo appeso per la canna da lo Exercito de Constantino…

[10] Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.), 920, pag. 49: Dal traito Juda Scariote / Per trenta dinar, ke plu non prese, / Per meço la gola se n'apese.

[11] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 12 argomento, pag. 395.6: La moglie del Re Latino, la quale era appellata per proprio nome Amata, s'appese per la gola, quando vidde che Enea vinceva...

[12] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 814, pag. 61: Alora Iuda traditore / se partìo con grande dolore; / et una fune tosto prese, / et per la gola sì s'apese.

[13] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 49.6: E avenno la mente più a l'avarizia che alla pietate, iettao nello trave de mieso dello tetto, sopra lo sio grano, uno capestro e là, in mieso dello sio grano, se appese per la canna.

- Fras. Appendere alle / in / nelle / in sulle forche.

[14] Rainaldo e Lesengr. (Oxford), XIII ex. (ven.), 131, pag. 820: Ben òe fato tante ofension, / s'eo volese ben trar raxon, / con drito me dovrave lo Lion prendere / sì me dovrave in forche apendere.

[15] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 111, par. 1, vol. 2, pag. 160.22: Se alcuno trovato sirà a rompere la casa overo camora d'alcuno, la podestà e 'l capetanio esso apendere en le forke fare siano tenute.

[16] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 109, par. 1, vol. 2, pag. 159.3: Se alcuno de mala fama alcuno per violentia robberà, e la cosa robata varrà cento solde overo oltra, a le forke sia apeso sì ke muoia.

[17] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), [frott.] 148.244: Per ero e per cantero, / da beffe vien da vero / ch'el cagie entro la trapola: / de mille l'un non scapola / che non sien morti o presi / e 'n su le forche apesi freddi e caldi.

2 Attaccare, apporre.

- Appiccare (detto del fuoco).

[1] Doc. sen., 1277-82, pag. 407.10: Ancho V sol. nel dì i quali diei a Tigo per uno tortizo di ciera che ardemmo di suo quando s'apese el fuocho ne la tore dei Mingnanelli.

- Gettare (detto delle fondamenta).

[2] Dante, Convivio, 1304-7, III cap. 15, pag. 250.11: «Quando Dio apparecchiava li cieli, io era presente; [[...]] quando elli appendeva li fondamenti della terra, con lui e io era...

- Fig. Riporre (detto della speranza).

[3] Poes. an. urbin., XIII, 7.55, pag. 551: Ki appese / in teve la mia sperança / e ki tanto ce lo stese / era sença pïetança...

3 Attenere, essere pertinente.

[1] Libro dei Sette Savi, XIII ex. (tosc.), pag. 82.6: E ella disse il simile a lui. E allora s'accollarono e basciarono, e feciono quello che ad amore appende [sic], come coloro che s'amavano insieme.

[2] Libro del difenditore della pace, 1363 (fior.), diz. 1, cap. 3, par. 3, pag. 18.27: In prociedendo dunque secondo questa maniera noi dovemo e appende a ssapere che comunità civile secondo diverse rigioni e diversi tenpi cominciarono di poco...

4 Fig. Incombere.

[1] Bosone da Gubbio, Avv. Cic., a. 1333 (eugub.>fior.), L. 2, cap. 14, pag. 235.13: Io veggio in parte quanta tempesta di biasimo n'appende a noi...

5 Fig. Reggere.

[1] Gl Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 1, cap. 26, vol. 1, pag. 222.20: nientemeno per modo di attributo diciamo, che il Padre appende, cioè porta, e regge ogni cosa per la sua potenza...

6 Fig. Soppesare, valutare.

[1] Petrarca, Canzoniere, a. 1374, 198.8, pag. 254: dove è chi morte et vita inseme, spesse / volte, in frale bilancia appende et libra...

[u.r. 05.02.2018]