APPIACERE (2) s.m.

0.1 apiacere, apiaser, aplaser, aplasere, aplasir, aplaxeri, appiaccere, appiacere.

0.2 Da piacere 2.

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.): Disciplina Clericalis, XIII ex. (fior.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Doc. venez., 1306.

In testi mediani e merid.: Stat. castell., XIV sm.

0.5 Locuz. e fras. fare appiacere 1.1.

0.7 1 Senso di soddisfazione, appagamento, gioia. 1.1 Locuz. verb. Fare appiacere a qno: comportarsi in modo che qno sia soddisfatto. 2 Ci che d soddisfazione, appagamento, gioia.

0.8 Pietro G. Beltrami 02.11.1999.

1 Senso di soddisfazione, appagamento, gioia.

[1] Tristano Veneto, XIV, cap. 572, pag. 531.37: inperci quello haveva fato vignir l una centildonna de Norgales, la qual ello amava per amor, et per amor de quella dona era choll asembiadi, et elli menava tal apiaser et alegreza come io ve digo...

1.1 Locuz. verb. Fare appiacere a qno: comportarsi in modo che qno sia soddisfatto.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 521, pag. 545: La fem[ena] [fa] a l'omo molte volte aplasere, / no per [amor de l'] [o]mo, mai per torli l'avere: / s'ela [p la] [pecu]nia a si trar e tenire, / se l'om[o] ['nd'] destruto, met-lo a no-calere.

[2] Patto Aleppo, 1207-8 (ven.), pag. 22.11: et eo mando comandando a le doane de quisti Chr(ist)iani [[...]] de farve honor et de farve aplasir se(m)pre, et meglo a voi qe ad aotra gente, et farve honor et aplaser a tuto lo tempo nostro...

[3] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 20, pag. 258.13: Et altro' disse: chi onora 'l padre viver lungo tempo; et chi gli ubidente fa appiaccere ad la madre...

[4] Disciplina Clericalis, XIII ex. (fior.), pag. 75.25: E' fuoro due mercatanti, l'uno fu d'Egitto e l'altro di Baldaccha, e non si conosceano se non per udita e per messaggi, e molto faceano apiacere l'uno al'altro.

[5] Doc. venez., 1306, 35, pag. 46.12: Vuoi sav ben che vui no dev aver mo'; elo no se de' scontar ste libr. DCCC dele libr. M, ani le devevi far aplaser.

- Proferire ('offrire') servizio, aiuto e appiacere.

[6] Stat. castell., XIV sm., pag. 152.6: e proferesscase a quello cotale overo cotali onni servitio e aiutorio e apiacere el quale fare per la fratenita e p(er) li conpanni nostri [se podesse].

2 Ci che d soddisfazione, appagamento, gioia.

[1] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 40, pag. 53.11: Et avengnach'ello avesse tanti aplaxeri en la vita, en la morte fo tropo vituperado, k da un prefeto de Dario el fo afficto sovra una altissima croce.

[u.r. 05.02.2018]