APPIGIONARE v.

0.1 apegionate, apigiona, apigionai, apigionate, apiscionai, appigionare, appigionata, appigionate, appigionato.

0.2 Da pigione.

0.3 Stat. pis., 1304: 1.

0.4 In testi tosc.: Stat. pis., 1304; Doc. fior., a. 1338.

In testi mediani e merid.: Doc. orviet., 1339-68.

0.7 1 Dare in affitto (un immobile).

0.8 Fabio Romanini 18.05.1999.

1 Dare in affitto (un immobile).

[1] Stat. pis., 1304, cap. 41, pag. 679.15: Et se alcuna bottega dell'oste della casa incarata fusse, u vero tolt'ad altrui, che ciascuno sia tenuto di quella non appigionare, n alcuno lavoro di lana in quella fare n far fare, dal die de la 'scita di cului che tenere solea, ad anni tre che quine proximamente verranno et finno compiuti.

[2] Doc. fior., a. 1338, pag. 119.19: E questo d avemo la tenuta. Carta per lo detto ser Nardo. E questo d l'apigionai al detto Gherardo per uno anno, per pregio di fiorini X d'oro l'anno.

[3] Doc. orviet., 1339-68, [1354], pag. 140.39: Mannucciu di Neri di Maffuccio sensale ne a piscione una chasa di quelle dell'uopera, che gliel'apiscionai io Iacovuzzo di Cenne chamorlengo.

[4] Paolo dell'Abbaco, Trattato, a. 1374 (fior.), 92, pag. 78.21: Uno apigiona una sua chaxa a uno maestro per 12 lire l'anno.

[u.r. 17.09.2006]