APPLICAMENTO s.m.

0.1 aplicamento; f: applicamento.

0.2 Da applicare.

0.3 Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.): 1.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.6 N L'es. dal Libro della cura delle malattie, cit. a partire da Crusca (4), passato a TB e GDLI, potrebbe essere un falso del Redi: cfr. Volpi, Le falsificazioni, pp. 73-76.

0.7 1 Atto ed effetto dell'applicare, del porre a contatto. 2 Coinvolgimento emotivo, tensione spirituale.

0.8 Fabio Romanini 22.06.1999.

1 Atto ed effetto dell'applicare, del porre a contatto.

[1] f Libro della cura delle malattie: Per lo applicamento dello impiastro, molto mitiga il dolore. || Crusca (4) s.v. applicamento.

2 Coinvolgimento emotivo, tensione spirituale.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 3, pag. 186.24: O ver che tu di'; che l'amor di Dio uno aplicamento grandissimo del cuore, e dell'anima, e de la mente ad amare Domenedio...

[u.r. 13.02.2007]