APPREZZAMENTO s.m.

0.1 aprešamento, aprezamento.

0.2 Da apprezzare.

0.3 Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi): 1.

0.4 In testi tosc.: Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi).

In testi mediani e merid.: Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Valutazione di un bene in denaro.

0.8 Fabio Romanini 17.11.1999.

1 Valutazione di un bene in denaro.

[1] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 1, cap. 296, vol. 1, pag. 222.20: Et se alcuno cavallo, apprezato da li predetti tre, dipo l'aprezamento sarÓ morto o vero magagnato, sý che con esso servire non possa, cotale cavallo debia essere mendo dal comune di Siena, a colui di cui sarÓ, infino a la quantitÓ de la extima fatta d'esso...

[2] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 844, pag. 62: M anni enante ke venisse / lo filio de Deo en Santa Maria / fo decta questa profetia, / ke de XXX denari d'argento / de' essare facto aprešamento; / et quello preššo se dee dare / enn- uno campo comperare...

[u.r. 21.09.2006]