ARANCIA s.f.

0.1 arance, naranzie.

0.2 Ar. narang (DELI 2 s.v. arancio).

0.3 Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.): 1.

0.4 In testi tosc.: Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.); Sacchetti, Solian mangiar, XIV sm. (fior.).

In testi sett.: San Brendano ven., XIV.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 [Bot.] Frutto dell'arancio.

0.8 Roberta Manetti 30.12.2004.

1 [Bot.] Frutto dell'arancio.

[1] Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.), 4.6, pag. 425: poi da mangiar abbiate sorbe e pra, / olio di noci vecchio, mane e sera, / per far caldegli, arance e gran cidroni...

[2] San Brendano ven., XIV, pag. 254.16: E de queste cose che nu' trovavemo, s como pome, pere, pigne, uve, naranzie...

[3] Sacchetti, Solian mangiar, XIV sm. (fior.), 25, pag. 5: La nostra gola non si sazia mai, / e poi che inanzi gli ab[b]ino arrostiti, / 'aguz[z]ar gli apititi, / chi vle arance e cchi vl la cipolla...

[u.r. 02.09.2019]