ARCIDIACONATO s.m.

0.1 archidiaconato, archidiaconatu.

0.2 Da arcidiacono.

0.3 Simone da Lentini, 1358 (sirac.): 1.

0.4 In testi tosc.: Laudario Magliabech., XIV sm. (fior.).

In testi sic. : Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 [Eccles.] Ufficio e dignit di arcidiacono.

0.8 Roberta Manetti 16.12.1999.

1 [Eccles.] Ufficio e dignit di arcidiacono.

[1] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 22, pag. 103.20: undi per rasuni foru privati di la sedia catredali di in tuttu et per tuttu, ch non rimasi n archiepiscopatu, n episcopatu, si non archidiaconatu sulamenti.

[2] Laudario Magliabech., XIV sm. (fior.), 58.9, pag. 263: Sancto Systo, presulo beato, / seco in Roma tosto t' menato, / ive ti diede l'archidiaconato; / benn ere degno di s grande honore.

[u.r. 10.09.2008]