ARCIPRETE s.m.

0.1 arcepreiete, arcepreite, aršepreite, arcipreite, arciprete, arcipreti, arciprette, arciprevei.

0.2 Lat. eccles. archipresbyter (LEI s.v. archipresbyter).

0.3 Doc. pist., XII ex.: 1.

0.4 In testi tosc.: Doc. pist., XII ex; Doc. sen., 1277-82; Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.); Doc. pis., 1288-1374, (1295); Doc. volt., 1326; Doc. aret., 1337.

In testi sett.: Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342.

In testi mediani e merid.: Doc. castell., 1261-72; Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Doc. orviet., 1339-68, [1353]; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Anonimo Rom., Cronica, XIV.

0.6 N In doc. lat. la forma arcipreite Ŕ att. fin dal 1157 in una carta del contado fior.: v. GDT p. 43.

0.7 1 [Eccles.] Sacerdote preposto ad uno dei distretti in cui il territorio della diocesi Ŕ diviso.

0.8 Roberta Manetti 04.09.2001.

1 [Eccles.] Sacerdote preposto ad uno dei distretti in cui il territorio della diocesi Ŕ diviso.

[1] Doc. pist., XII ex., pag. 10.27: Gradalone sý fue na(n)ti Bon(us), ke e(ste) aguale ep(iscopu)s de Pisto(r)ia, (e) na(n)ti l'arcip(re)ite Buoso, sý si c(on)cioe c(on) tuti q(ue)sti omini, (e) na(n)ti l'arcip(re)ite, ke este vescovo, (e) na(n)ti Buoso.

[2] Doc. castell., 1261-72, 8.37, pag. 31.10: e Bonoporto ne rog˛ carta de .... die decto, e metemene en tenuta en presentia del'aršepreite de Sa[n] Costanšo...

[3] Doc. sen., 1277-82, 32, pag. 77.32: Ancho VIIII lib. et XIIII sol. minus III den. nel dý da Martinuccio nipote dell'arciprete a vendite in f. ciento trenta et cinque.

[4] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 43, pag. 77.6: fece calonaci e preti e piovani e priori e arcidiacani e arcipreti e proposti e abati e vescovi e arcivescovi e patriarche e cardinali, e dassezzo fece il papa, che di tutti i cherici fosse signore...

[5] Doc. pis., 1288-1374, (1295), pag. 752.19: Paganello Bugarro, Ceuccio Borillo et Becto Granello, consuli dell'arte della Lana della citade di Pisa, per l'universitade de' lanaiuoli citadini della citade di Pisa, et per la dicta arte, comperono da Peruccio di Ciuolo, nipote di messer Petro arcipreite di Pisa della capella di Sancto Sebastiano delle fabriche maggiori, per sŔ et Puccio suo fratello, per lo quale inpromise d'avere fermo et rato, uno pesso di terra con casa solaiata...

[6] Quad. F. de' Cavalcanti, 1290-1324 (fior.), [1319], 11, pag. 32.26: Dierne, che andarono a cho(r)te p(er) l'arcip(re)te, fior. d'or(o) X.

[7] Lett. pist., 1320-22, 5, pag. 41.1: avemo saputto di verro comme messer Bonavollia, lo chalonacho nuovo di Pistoia, che fue costÓ, viene in cortte in servigio di messer l'Arciprette, lo quale Ŕ chiamatto Apostolatto di Pistoia; sýe e' viene su queste ghalee, le quali muovono di qua a dý XXVIII d'Ogosto.

[8] Doc. volt., 1326, 10, pag. 26.1: Ancho, che giÓ Ŕ sei anni o pi¨ l'arciprete di Colle di Valdelsa lo fece stare in pregione pi¨ d'uno anno perci˛ che li fu opposto che ruppe una boctega la quale tenea Piccardo di Guido Capocchi da Colle, posta nel castello di Colle...

[9] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. II cap. 6, pag. 674.17: Alcuni altri prelati sono ordinati sotto il Papa in aiutorio di sÝ grande reggimento, cioŔ di tutta la cristianitade; de' quali alcuni sono chiamati cardinali, alcuni arcivescovi, alcuni vescovi, alcuni patriarchi, alcuni abbati, alcuni arcipreti, alcuni arcidiaconi, alcuni preposti, alcuni piovani, alcuni priori, alcuni rettori, e simili vocaboli, i quali rappresentano prelazione.

[10] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 205.29: La quale sententia ce mand˛ el ditto messer lo Legato per messer Francescho de messer Gratia, arcepreiete de la caloneca de santo Lorenšo, e quisto fo ello ditto millessimo, ditto dý de sopre.

[11] Doc. aret., 1337, 770, pag. 656.9: piaccia al populo de Fiorenša procurare e fare con effecto col papa infra sei mesi ch'el vescovado d'Arešo sia conceduto a messere Bartolomeo da Petramala arciprete d'Arešo e al vescovo ch'Ŕ hora sia proveduto in altro luogo per pi¨ pace e riposo de la citÓ e del contado d'Arešo.

[12] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 27, pag. 130.9: Gli ordin de la gexia, papa cardenal patriarci primati arcivescoi vescoi abbai abbaesse prevosti arciprevei prior priore general...

[13] Guido da Pisa, Fiore di Italia, XIV pm. (pis.), Rubr. 24, pag. 60.19: In questo modo la chiesa di Roma, che pu˛ tutto nelle cose spirituali, Ó ordinato patriarchi e primati arcivescovi vescovi e arcidiaconi e arcipreti ed altri sacerdoti, li quali Ónno a iudicare li levi peccati e di certi gravi...

[14] Doc. orviet., 1339-68, [1353], pag. 127.37: Pietru di Bartuciu mercia(n)te Óne toltu da me Angnilušu di Petru di Loddo, chamorlengu, una chasa nela chondrada di Vingnarchu, neĚ riione di s(an)c(t)a Maria; el quale si chiama el Ciellaiu del'arciprete, da cielu a terra, p(er) preššu d'otto lb. l'anno, p(er) tre anni, inchome[n]šanno l'anno a dý XII di sette[n]bre.

[15] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 402, pag. 92: L'arciprete de Santo Paulo l'altra parte tenea; / Pretati l'ajutaro, cescasuno quanto potea, / Et Matteo de Guillelmo con la compagnia sea; / Marrocco et Bonajonta ad questo soccorrea.

- [In contesto iron.].

[16] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 23, pag. 213.30: In questa terra lo papa non fora signore, non fora iusto arciprete.

[u.r. 09.02.2018]