ARRICĎGLIERE v.

0.1 arecogem, arecoglie, arecogliere, aricolgirilu, aricolti, aricoltu, ariculgissi, arigolgano, arrecolce, arrecolcesse, arricogliri.

0.2 Da raccogliere.

0.3 Cielo d'Alcamo, Contrasto, 1231/50 (sic.>tosc.): 4.

0.4 In testi sett.: Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.); Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.).

In testi mediani e merid.: Destr. de Troya (ms. Parigi), XIV (napol.).

In testi sic.: Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.7 1 Lo stesso che raccogliere. 2 Lo stesso che radunare. 2.1 Pron. Raccogliersi, convenire in un punto (nello spazio o nel tempo). 3 Lo stesso che accogliere. 4 Raggiungere.

0.8 Niccol˛ Scaffai 01.06.2000.

1 Lo stesso che raccogliere.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 2, vol. 1, pag. 81.12: Luciu Marciu, tribunu di li cavaleri, avendu aricoltu per sua maravilyusa virtuti li reliquij di duy exerciti di Ruma [[...]] incumenzau in quistu modu...

[2] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 18, pag. 85.2: Et ardendu et consumandu omni cosa, non potendu arricogliri in quillu annu nenti, sý chi fu in Sichilia grandi fami.

2 Lo stesso che radunare.

[1] Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.), 425, pag. 863: E li ghibilini, ch'Ŕm piem de folionia, / lo so color Ŕ de tanta malvaxia, / fÚno ambassaduri e Ó-li mandÓ via / per Toscana: / per arecogliere la soa gente vana / a Pixa, a Arešo i Óno fata raunata; / ma la superbia Dio sý l'Ó scašata / del Paradixo.

[2] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 7, cap. 6, vol. 2, pag. 132.3: Quilla citati, z˛ Ruma, la qual fin a quillu tempu avia avuti in fastiyu d'aviri cavaleri arindabili eciandeu di bonu natu, issa medemmi aiustau a lu sou exercitu corpi stratti di celli servili et sclavi aricolti da casi di pegurari commu grandi et precipuu fundamentu di guerra.

2.1 Pron. Raccogliersi, convenire in un punto (nello spazio o nel tempo).

[1] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 33, 82-99, pag. 742, col. 1.16: Or se in cussÝ poco de tempo quant'Ŕ 'un punto' s'arecoglie pi˙ amiratione et alegreša che in 2500 agni, chiaro apare com'Ŕ impossibele a notificarlo nÚ in pensero, nÚ in ditto, nÚ in scritto.

[2] Destr. de Troya (ms. Parigi), XIV (napol.), L. 33, pag. 296.1: E quando fo lo iuorno claro e lluciente ipso se arrecolce a lo suo palazo, insemble co lo re Altenore, et luoco ipso fo reciputo sý como re con grande festa et allegreše.

[3] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 2, cap. 1, pag. 113.13: Ma vegandose Beneto de šo monto onorÓ' e lodar [[...]] ocultamenti fušý da la soa mama e vene a un deserto in la contrÔ de Sublaco, per lo qua correm monte belle e freide aque, le quae inprima s'arecogem in un largo lago e poa, insiando de lý, fan un flume' Ŕ lunši de Roma forsa quaranta migla.

3 Lo stesso che accogliere.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 5, cap. 1, vol. 2, pag. 7.8: 5. Issu medemmi lu Senatu, audendu que Brusia rigi di Bithinia vinnia ad issu, mandau Scipiuni tresureru a Capua et urdenau que fussi lucata per illu una casa, la melyu qui se truvassi, et que se facissiru habundatamenti li spissi non skittu ad issu ma a tutti quilli di sua cumpagna et, ad inscuntrarlu et aricolgirilu, tutta la citati di Ruma aripresentau la fašši di unu sulu amicu.

4 Raggiungere.

[1] Cielo d'Alcamo, Contrasto, 1231/50 (sic.>tosc.), 18, pag. 178: źKe 'l nostro amore aj¨ngasi, non boglio m'atalenti: / se ci ti trova pÓremo cogli altri miei parenti, / guarda non t'ar[i]golgano questi forti cor[r]enti.

[u.r. 10.09.2008]