ASCENSIONE s.f.

0.1 ascension, ascens´on, ascensione, ascensioni, ascensionne, ascensiun, ascensiuni, ascenssion, ascentione, ascentiuni, asciensione, asensio, asension, asensione, asensioni, asenssion, assension, assensione, assensioni, assensiuni, assentione, assessione, sansiom, sansion, sension, sensione.

0.2 Lat. ascensio, ascensionem (LEI s.v. ascensio).

0.3 Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.): 1.

0.4 In testi tosc.: Stat. fior., a. 1284; Doc. prat., 1288-90; Laude di Cortona (ed. Contini), XIII sm.; Stat. pis., 1302; Libro Gallerani di Londra, 1305-1308 (sen.); Stat. sang., 1334; Stat. sen., Addizioni 1329-35; Stat. collig., 1345; Stat. lucch., XIV pm.

In testi sett.: Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.); Rainaldo e Lesengr. (Oxford), XIII ex. (ven.); Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Rainaldo e Lesengr. di Bologna, 1303 (bologn.); Preghiera a s. Marco, XIV in. (venez.); Elucidario, XIV in. (mil.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Stat. moden., 1335; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Stat. vicent., 1348; Doc. bellun., XIV m.; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.); Stat. assis., 1329; Stat. perug., 1342; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.).

In testi sic.: Stat. catan., c. 1344.

0.5 Nota la forma asensio (derivante dalla flessione lat. nominativale) in Stat. sen., a. 1338, pag. 17.8: źle pasque s'intendano la NativitÓ, la Resurrezione, l'Asensio e la Pentecoste╗.

Nota il plur. ascentiuni in Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.).

Locuz. e fras. dý dell'Ascensione 1.1.1; festa dell'Ascensione 1.1.2.

0.7 1 [Relig.] Ascesa, salita di Cristo in cielo, dopo la resurrezione. 1.1 [Relig.] FestivitÓ del calendario liturgico che cade quaranta giorni dopo la Pasqua e che celebra l'ascesa di Cristo in cielo. 2 Progressione verso l'alto, salita. 3 [Astr.] Il sorgere (degli astri).

0.8 Raffaella Pelosini 03.09.2008.

1 [Relig.] Ascesa, salita di Cristo in cielo, dopo la resurrezione.

[1] Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.), 1589, pag. 78: Mo ben me par q'el sŰa bon / Pregar con grand aflic´on / Deu per la soa resureccion, / Per la mirabel asension, / Per tron e domenac´on, / DŰa a nui vera pentison / E bona conversac´on / E la soa benedicc´on / Qe nui abiem salvac´on.

[2] Laude di Cortona (ed. Contini), XIII sm., 2.39, pag. 16: Donna, sý fusti cortese, / che null'omo ti riprese / perchÚ Cristo in te discese, / tanto fusti umilissima. / Nell'ascens´on che fece, / Cristo ti lasci˛ in sua vece.

[3] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 1, quaestio 177, pag. 129.2: PerquÚ no mand˛ lo Spirito Sancto a li Soy discipuli incontanente pox la asensione [ms. reserectione], anze induxiÓ x dý?

[4] Legg. Transito della Madonna, XIV in. (abruzz.), 471, pag. 34: Et poy te ne sallisti in cielo veramente / nella ascensione, al Patre omnipotente.

[5] Cavalca, Vite eremiti, 1321-30 (pis.>fior.), cap. 16, pag. 141.36: se dite che v'Ŕ da credere, conciossiacosachÚ ne' predetti libri si contengano molte virt¨ di Cristo, perchÚ considerate pur la contumelia della croce, e non la gloria della Resurrezione e Ascensione, e la virt¨ di sanare gl'infermi e liberare gl'indemoniati e suscitare li morti?

[6] Laudi Battuti di Udine, XIV m. (tosc.-ven.), 21.81, pag. 65: Per la sua santa passion / e santa rexurection / desension et ascension, / ello averÓ pietÓ de nui.

[7] Sposiz. Pass. s. Matteo, 1373 (sic.), cap. 5, par.2, vol. 1, pag. 82.28: cuncordandu in la mia divinitati, in la mia humanitati, in la mia predica, in li mei miraculi, in la mia passiuni, in la mia resurrecciuni, in la mia assensiuni, ký cui vi legi cunucxa ki di mi unu tucti quatru parlati, et di mi unu tucti quatru vi accurdati.

[8] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 7, pag. 225.12: E spicialmente nui ve laudemo e sý ve regraciemo de la vostra devocione e della vostra incarnacione, [[...]] e de la vostra resurrecione e della vostra ascensione...

[9] Bibbia (09), XIV-XV (tosc.), At 2, vol. 9, pag. 603.20: 35. insino che io poner˛ li tuoi inimici per scabello de' tuoi piedi (cioŔ a dire, che per la gloria della sua ascensione gli suoi inimici gli sono umiliati e sottoposti).

- Fig. (rif. all'uomo).

[10] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 81.59, pag. 403: Ma deverea l'omo pensar: / źPoi che me vego aproximar / a la santa Ascenssion, / e' vojo ascender como e' don / en gran cormo de vertue; / sý che De' no me refue, / ma in cel me faza ascender, / a quella gloria prender / ch'el'Ó promissa e darß / a cascaun chi la vorÓ, / pinna e fornia d'ogni ben / chi zÓ mai no verÓ men╗.

1.1 [Relig.] FestivitÓ del calendario liturgico che cade quaranta giorni dopo la Pasqua e che celebra l'ascesa di Cristo in cielo.

[1] Stat. fior., a. 1284, I, par. 27, pag. 39.34: Fermiamo e ordiniamo che i capitani di questa Compangnia procurino e ordinino sollicitamente di far fare la vigilia al cierchio [[...]]per tutte le pasque del'anno, cioŔ per lo Natale, per Befanie, per Resurrexio, per l'Assensione, per le Pentecoste...

[2] Doc. prat., 1288-90, pag. 163.19: Ebbi, i quali Noffo paghoe p(er) me a mes(er) Etaccia di Belm(er)cieri, ke lli dovea avere per suoi ghagi i(n)n Alvernia alla Sensione, otta(n)ta otto.

[3] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 200.19: Per quel medesmo tempo san Mamerto veschovo de Vienna clarifica, lo qual tre die dele rogation inanzi l'assension del segnor ordena da esser zezuna.

[4] Libro Gallerani di Londra, 1305-1308 (sen.), pag. 42.29: Ittem 40 lb. sterl., vintotto dý di maršo tre C sei, che dieno avere e' nostri compagni di Corte, che ne promise per loro Paganello di Poggio e conpagni de' Belardi di darneli all'Assensione anno detto...

[5] Stat. assis., 1329, cap. 2, pag. 165.21: etiamdio digiuneno octo dý enante la NativitÓ de Christo, e dui dý enante l'Ascensione, se p˛.

[6] Stat. sang., 1334, pag. 104.22: L'Assensione, la quale Ŕ da Resuresso a XL dý.

[7] Stat. sen., Addizioni 1329-35, (1329/1334), pag. 330.14: Maggio. Sancto Filippo e sancto Iacobo apostolo. - La Invenzione di Sancta Croce. [[...]] - L'Ascensione del nostro Signore Iesu Cristo.

[8] Stat. moden., 1335, cap. 13, pag. 378.6: Ancora ordenemo e per obedientia comandemo a tuti li homini de la nostra compagnia che ugni domenega, le feste de la biada veršene Madona sancta Maria, [[...]] et in la resurectione de Cristo, e in l'asensione soa...

[9] Stat. perug., 1342, L. 3, cap. 45, par. 1, vol. 2, pag. 83.17: AciokÚ se saccia glie quaglie dý sonno feriate en glie malefitie, volemo ke glie dý feriate en glie malefitie siano en tucte glie dý de la domeneca, en la festa de Natale del Segnore, [[...]] en l'Asciensione del Segnore...

[10] Stat. catan., c. 1344, cap. 6, pag. 34.27: ma li noviši si diianu cuminicari in alcuni festi, li quali su kisti, videlicet: in la Cena, Pasca, Ascensiuni, Pinticosta...

[11] Stat. lucch., XIV pm., pag. 75.27: xxviij Quelle feste che ssi debbono guardare. La NativitÓ del Salvatore; [[...]] l'Ascensione del Signore; la Pentecostes con la seconda et la terša feria.

[12] Doc. bellun., XIV m., pag. 166.3: Queste Ŕ le feste e y dý embandidi p(er) iy statuti dela scola de S[...] Martin de iy calegari [...] le qual no se die' lavorar nÚ en le [ve]ye da vespro [[...]]. Ancora Pascha gra(n)da e iy sey dý ch(e) vien drie'. Ancora la Ascension.

[13] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 849, pag. 193: Lo tempo che io vi fui, sci fo le Ascentiuni.

1.1.1 [Relig.] Locuz. nom. dell'Ascensione.

[1] Stat. fior., 1280-98, par. 35, pag. 62.3: Nel MCCLXXXVIIIJ, il die dela Sensione, fue ordinato, per Ventura maestro e Brancha pennaiuolo, capitani, e ser Feo notaio e Cente calšolaio, camarlinghi.

[2] Stat. pis., 1302, cap. 21, pag. 965.16: Ancho, che nullo de la suprascripta arte debbia tendre u far tendre, u pugna u vero ponere faccia, di fuore da la casa, u vero de la bottega, in finestra, alcuno coiame in die domenicale, de la pasqua di Resurrectione, de la NativitÓ di Dio, de la Pentecoste, de l'Ascensione di Dio...

[3] Preghiera a s. Marco, XIV in. (venez.), pag. 75.9: l'om che vegnerÓ a la nostra glexia et a lo vostro co(r)po santissimo averÓ tanta perdonanša quanta grana Ŕ sovra lo mare del mo(n)do, che vegnerÓ a la nostra glexia et a lo vostro corpo in dý de la Sensio(n)...

[4] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 25, pag. 120.1: [1] Lo dý de l'Ascenssion ch'el vegne a star con lor siando a desco e mangi˛ con lor, e ghe disse che gli aspichiassan in Yerusalem finch'el ghe manderave lo Spirito Santo...

[5] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L.10.cap. 128, vol. 5, pag. 171.23: Di questa pace si fece gran festa in Pistoia d'armeggiare e d'altri giuochi, e ancora in Firenze il dý dell'Ascensione appresso si feciono nella piazza di santa Croce ricche e belle giostre...

[6] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 72, pag. 160.22: Uno mio amico veggendo il dý dell'Ascensione all'ordine de' frati del Carmine di Firenze, che ne faceano festa, il nostro Signore su per una corda andare in su verso il tetto...

- Dý della pasqua dell'Ascensione.'

[7] Stat. collig., 1345, cap. 7, pag. 9.18: Ci˛ Ŕ in tucti dý pascali, ci˛ Ŕ dela pasqua dela NativitÓ di Cristo cum due prossimi sequenti dý, nel dý di kalende gennaio, nel dý dell'Epiphania, nel dý dela pasqua della Resurrectione di Cristo cum due dý prossimi sequenti, nel dý dela pasqua dela Pentecosta, dell'Ascensione, del corpo di Cristo...

1.1.2 [Relig.] Locuz. nom. Festa dell'Ascensione.

[1] Rainaldo e Lesengr. (Oxford), XIII ex. (ven.), 1, pag. 815: D'una festa de la Sansion, / che monsignor sire L´on / vol gran cort tenir de so bernašo, / de bestie demesteg[h]e e salvaše...

[2] Rainaldo e Lesengr. di Bologna, 1303 (bologn.), 1, pag. 157: Ad una festa de la Sansiom, / che 'l monsignor sire Lion / gran corte tegnia di so bernašo / e tute bestie di so legnašo, / non Ŕ grande nÚ menore / che tuti no vegna a so segnore...

[3] Stat. vicent., 1348, pag. 17.11: La festa de la ascension del Nostro Signor Jesu Christo.

[4] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 234.9: La fiera di Proino di maggio comincia il martedie avanti la festa dell'Assensione del mese di maggio...

2 Progressione verso l'alto, salita.

[1] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 23, pag. 507.20: Questo Ŕ chiaro; chŔ dice, che 'l viso di Beatrice, per l'ascensione verso Iddio, parea che tutto ardesse...

3 [Astr.] Il sorgere (degli astri).

[1] Zucchero, Sfera, 1313-14 (fior.), Pt. III, cap. 5, pag. 133.18: Ancora dovemo sapere che' 6 segni che ssono dal principio di Cancro per Libra infino a la fine di Sagittario Ónno le loro ascensioni giunte insieme ne la spera obliqua magiori che l'ascensione degli altri 6 segni che ssono dal principio di Capricornio per Ariete infino a la fine di Gemini...

[2] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 1.37-48, pag. 11, col. 2.1: Surge ai mortai, šoŔ che diverse sono le asensioni e li orienti del sole sovra lo emisperio degli abitanti nel mondo.

[3] Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.), c. 20, pag. 367.3: stava in luogo [di] Lunigiana, donde vedeva le ascensioni delle stelle alla marina.

[u.r. 19.02.2018]