ASCIOGLIEGIONE s.f.

0.1 ascioglegione, asciogllegione, asoglegione.

0.2 Da asciogliere.

0.3 Stat. perug., 1342: 1.

0.4 Att. solo in Stat. perug., 1342.

0.7 1 [Dir.] Assoluzione (da un'accusa, condanna); esonero (da determinate prescrizioni).

0.8 Raffaella Pelosini 29.09.1999.

1 [Dir.] Assoluzione (da un'accusa, condanna); esonero (da determinate prescrizioni).

[1] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 63, par. 22, vol. 1, pag. 253.13: E che esse buono huomo e notario non consentano, nÚ licentia de scarceratione concedano d'alcuno condannato creminalmente se non la condannagione pagata overo se no ascioglegione overo de condannagione cassagione sosguita.

[2] Stat. perug., 1342, L. 4, cap. 108, par. 3, vol. 2, pag. 469.4: NÚ etiandio egl preditte podestÓ, capetanio, ofitiagle sopre le vie overo egl priore de l'arte overo altro de loro overo de loro overo d'altro de loro ofitiagle contra quille cose, le quale en quisto capitolo se contengono, possano alcuna cosa proponere, nÚ anche m˛ reformare enn- alcuno consegllo del comuno overo del popolo overo adunanša de rettore de l'arte, nÚ de quille cose asciogllegione adomandare.

[3] Stat. perug., 1342, L. 2, cap. 140, par. 7, vol. 2, pag. 509.30: E se le preditte cose el capetanio overo egl priore far fare desprecšeronno, overo suspensione overo asciogllegione de le preditte cose per sÚ overo per altre adomanderonno, cinquecento livere de denare per ciascun de loro per nome de pena pagare siano tenute al comuno de Peroscia.

[u.r. 10.09.2008]