ASPRO (2) s.m.

0.1 aspre, aspri, aspro.

0.2 Lat. asper (LEI s.v. asper, 3, 1719.48).

0.3 Milione, XIV in. (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Milione, XIV in. (tosc.); Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.).

In testi sett.: Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 [Numism.] Moneta d'argento bizantina, poi turca.

0.8 Raffaella Pelosini 05.11.1999.

1 [Numism.] Moneta d'argento bizantina, poi turca.

[1] Milione, XIV in. (tosc.), cap. 109, pag. 169.17: Attorno questo fiume per la contrada nasce molto zinzibero, e cci tanti uccegli ch' una maraviglia, che v' per uno aspre - ch' com'uno viniziano - IIJ fagiani.

[2] Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.), pag. 70.24: Le bechune se vende a C e pagasse aspri IJ per C de dreto.

[3] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 25.2: Quello che si paga di pesaggio di mercatantia alla Tana Seta, d'ogni libbra 15 aspri.

[u.r. 20.02.2018]