ASSAPORATO agg./s.m.

0.1 asaporato; f: asavorato, assaporate.

0.2 V. assaporare.

0.3 F Monaldo da Sofena, XIII (tosc.): 1; Nocco di Cenni, XIII sm. (pis.): 3.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.6 N L'es. 2 [1], cit. a partire da Crusca (4), passato a TB e GDLI, un prob. falso del Redi: cfr. Volpi, Le falsificazioni, pp. 73-76; non att. in Manuzzi, Cura malattie.

0.7 1 Ricco di sapore, gustoso. 2 Che assaggiato. 3 Sost. Fig. [Rif. all'amore:] ci che gustato.

0.8 Raffaella Pelosini 15.05.2001.

1 Ricco di sapore, gustoso.

[1] F Monaldo da Sofena, XIII (tosc.): perch, quanto omo pi sofertto languire, / poi ch' al bene tornato, / lgli pi asavorato / e di dolzor lo bene pi compito... || CLPIO, V 194 MoSo 43.

2 Che assaggiato.

[1] f Libro della cura delle malattie: Il che talvolta accade per cagione delle tante medicine assaporate. || Crusca (4).

3 Sost. Fig. [Rif. all'amore:] ci che gustato.

[1] Nocco di Cenni, XIII sm. (pis.), 33, pag. 320: ma poi c'asaporato trova amaro, / vuol lassar, par-li caro / e poi si pente per l'arra c'ha dato, / unde spesso dice...

[2] F Lapo Saltarello, XIII s.m (tosc.): amar m'asenbra dolce asaporato. / Cos m' intravalliato acorta cosa, / Amor... || CLPIO, L 386 LaSa 8.

[u.r. 19.07.2013]