ASSENTARE (1) v.

0.1 assentare.

0.2 Lat. assentare (LEI s.v. assentare).

0.3 Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.): 1.

0.4 In testi tosc.: Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.).

In testi mediani e merid.: Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.)

0.6 N Cfr. anche la voce acconsentire, per alcune forme in comune.

Doc. esaustiva.

0.7 1 Acconsentire a qsa, seguire le parole, il consiglio. 2 Assol. Manifestare esageratamente il proprio consenso verso qno, adulare.

0.8 Raffaella Pelosini 30.06.2000.

1 Acconsentire a qsa, seguire le parole, il consiglio.

[1] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 2.24, pag. 6: «Conceperai tu figlio, sirà senza semiglio, / si tu assenti al consiglio de questa mia ambasciata». / O Vergen, non tardare al suo detto assentare

2 Assol. Manifestare esageratamente il proprio consenso verso qno, adulare.

[1] Gl Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.), c. 18, pag. 339.6: Dove si dimostra, che il lusinghiere sempre vole passare li termini del vero per compiacere a colui, a cui parla; e [di] questo lusinghiere si è propio assentare, cioè piagentare.

[u.r. 26.03.2018]