ASSILLO s.m.

0.1 asiglio, assillo.

0.2 Lat. asilus (LEI s.v. asilus).

0.3 Fiore, XIII u.q. (fior.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Fiore, XIII u.q. (fior.); Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.).

0.7 1 Pungiglione, pungolo. 1.1 Fig. Tormento.

0.8 Roberta Manetti 29.06.1999.

1 Pungiglione, pungolo.

[1] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), 30.2: Io t'˛ sempre portato tanto amore, / che Fortuna in noi pogna l'asiglio, / ch'assai per men che d'un granel di miglio / de tua prison dovevi aver timore...

1.1 Fig. Tormento.

[1] Fiore, XIII u.q. (fior.), 36.4, pag. 74: Quand'i' udi' Ragion che 'l su' consiglio / mi dava buon e fin, sanza fallacie, / Dicendo di trovarmi acordo e pace / Con quella che m'avea messo 'n asiglio, / I' le dissi: źRagion, vec[c]o ch'i' piglio!

[2] Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.), 12, pag. 119.2: Giammai il buono non falsarÓ, ma 'l malvagio incontenente si dae a fare la sua volontÓ, che a la fine el fae dolente, e mettelo nell'ordura d'inferno, lÓ ove e' malvagi vanno ad assillo.

[3] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), 95.14: se non che po'[con] un acerbo piglio / detto mi fo: non teme il divin raggio / chi non Ó tema del mortal asiglio.

[u.r. 26.03.2018]