ASSIOLO s.m.

0.1 asaiuol, ass´uoli, assiuolo.

0.2 Da lat. axio (LEI s.v. axio/*axius, 3, 2707.41).

0.3 Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.): 1.

0.4 In testi tosc.: Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.); Jacopo Passavanti, Tratt. scienza, c. 1355 (fior.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 [Zool.] Uccello notturno.

0.8 Linda Pagnotta 09.09.1999.

1 [Zool.] Uccello notturno.

[1] Cenne de la Chitarra, XIII ex.-a. 1336 (aret.), 10.5, pag. 431: Di settembre vi do gioielli alquanti: / Ógor'e fusa, cumino e asolieri; / nottol'e chieppe con nibbi lainieri; / archi da lana bistorti e pesanti; / barbagianni, ass´uoli, allocchi tanti / quanti ne son di qui a Monpeslieri; / guanti di lana, borsa da braghieri: / stando cosý a vostre donne davanti.

[2] Jacopo Passavanti, Tratt. scienza, c. 1355 (fior.), pag. 323.6: Ma chi volesse, pel cantare del gallo, o per lo abbaiare del cane, o pel cantare del corbo o del barbagianni o dell'assiuolo in sul comignolo della casa, o per qualunche movimento di uccello o d'altro animale, auguriare pronosticando se lo 'nfermo dovesse morire o guarire...

[3] F Piero de' Crescenzi volg., XIV (fior.), L. 10, cap. 16: Vivono [[i gufi]] d'ogni carne, e massimamente di topi e d'assiuoli. || Sorio, Tratt. Agr., vol. III, p. 224.

[4] Sacchetti, Rime, XIV sm. (fior.), 64.88, pag. 56: Alor fa il gallo cucuric¨, / l'asaiuol chi¨ chi¨, / il cucul cu cu...

[u.r. 26.04.2018]