ATTENEBRATO agg.

0.1 atenebrata, attenebrati; f: attenebrato.

0.2 V. attenebrare.

0.3 Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.): 1.

0.4 In testi tosc.: Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Ottenebrato, avvolto nelle tenebre.

0.8 Pr Larson 23.10.1999.

1 Ottenebrato, avvolto nelle tenebre.

[1] Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.), 20.5, pag. 29: Questo tormento i tradictor tormenta / gi nell'abysso d'inferno serrati, / innudi tucti piangendo ghiacciati / in quella ghiaccia d'ogne bene spenta. / Attenebrati, perduti, gli stenta / la divina giustitia invetriati, / lividi, smorti, co' membri cascati / per la freddura che Lucifer venta.

[2] Canzoniere del sec. XIV, a. 1369 (tosc.occ.), 32.23, pag. 72: D, pensa la bont ond'ella uscio, / perch la stimativa che si volve / scaldar si possa al foco che risolve / la nebbia che la tiene atenebrata.

[3] F Laude pseudoiacoponica trecentesca, O amor di povertate, str. 10: Povertate ciel velato / a chi en terra attenebrato: / chi nel terzo cielo entrato, / ode arcana profonditate. || Tresatti, p. 173 (cfr. Bettarini, p. 408).

[u.r. 26.02.2008]