AUNITO agg.

0.1 anita, aunita, auniti, aunito, hauniti, haunito, huniti, hunito, onita, unidhi, unita, uniti, unito.

0.2 V. aunire.

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.

0.4 In testi tosc.: Guittone, Rime (ed. Contini), a. 1294 (tosc.); Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.); Bind. d. Scelto (ed. Gorra), a. 1322 (sen.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.).

0.5 Locuz. e fras. disonorato e aunito 1.

0.7 1 Privato dell'onore, privo d'onore; disonorato, svergognato.

0.8 Linda Pagnotta 31.12.2004.

1 Privato dell'onore, privo d'onore; disonorato, svergognato.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 301, pag. 536: Per longi tempi stea aunito e recreente / cui cela mal de femena e no 'l dis palesmente; / cui no 'l cela e diselo, saçate veramente / q'el n'ama ni desira lo mal comunamente.

[2] Pietro da Bescapè, 1274 (lomb.), 140, pag. 35: Eva sí á creçuo al serpente, / Lo fructo prende e metel' al dente; / Posa ne dé al conpagnion / Ke Adam sí s'apell'a nom. / Quando illi l'aven mandegao, / Zascaun se ten per inganao, / E killi se videno scrinidhi, / Vergonçiá, grami et unidhi.

[3] Guittone, Rime (ed. Contini), a. 1294 (tosc.), Canz. 7.74, pag. 221: ch'è però tanto mal per te bailito, / che peggio val che morto om vivo aunito, / e morto onrato mei'ch'en vita posa.

[4] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 115, pag. 210.30: Ai, dolze mia figliuola, come noi siemo ora tutti morti e auniti, quando lo conte d'Agippi ee venuto quie con tutta sua giente e ànno messo l'asedio d'intorno ala nostra cittade!

[5] Bind. d. Scelto (ed. Gorra), a. 1322 (sen.), cap. 282, pag. 412.1: Chè la morte è a tutti comune e quelli che muore ad onore, sì è poi suo corpo benedetto e sua anima ne va in molti gran diletti; ma chi è unito in questo secolo, ne l' altro sarà più assai.

[6] Novelle Panciatich., XIV m. (fior.), 143, pag. 158.18: inperciò che sse mai se ne sapesse niente, io sarei il più haunito huomo del mondo, et agevolmente potrei perdere questo mio reame.

- Disonorato e aunito.

[7] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 25.48, pag. 92: "Fiorenza" non pos' dir, ché se' sf[i]orita, / né ragionar che 'n te sia cortisia: / chi chi non s'aomilia, / già sua bontà non puote esser gradita; / non se' più tua, né hai la segnoria, / anzi se' disorata ed aunita, / ed hai perduta vita, / ché messa t'ha ciascuno 'n ischiavonia.

[8] Monte Andrea (ed. Contini), XIII sm. (fior.), tenz. 1, canz. 1.41, pag. 451: così son disorrato ed aunito / per te, Amor, sì m'hai condotto, lasso!

[u.r. 19.05.2015]