AVE escl./s.m.

0.1 ave.

0.2 Lat. ave (LEI s.v. ave).

0.3 Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.); Stat. prat., 1295; Stat. fior., 1294-97; Laude di Cortona (ed. Contini), XIII sm.; Poes.an. pis., XIII ex. (4); Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Scritti spirituali ven., XIII; Giacomino da Verona, Ierusalem, XIII sm. (ver.); Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.); Stat.bergam., XIV pm.; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Orazioni abruzzesi, XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Passione cod. V.E.477, XIV m. (castell.).

0.7 1 Antica espressione di saluto (ricorrente all'inizio di molte preghiere della religione cristiana). 1.1 Estens. Il tempo impiegato a pronunciarla; breve istante. 2 [Relig.] Sost. Lo stesso che Ave Maria (in forma abbreviata).

0.8 Fabio Romanini 20.09.2000.

1 Antica espressione di saluto (ricorrente all'inizio di molte preghiere della religione cristiana).

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 1, cap. 7, pag. 38.8: E questo farai aĚ ssimiglanza dell'Angelo Gabriel, quando egli fu mandato da Dio a la beata Vergine Maria, el quale imprima puose la salutazione quando egli disse Ave Maria , cioŔ benedetta se' tu Maria...

[2] Orazioni abruzzesi, XIII, C.1, pag. 106: Ave, dolcissemu Iesu Christo, filiu de Deu Patre, / Verace Deu et perfectu homo natu de la Vergene Matre...

[3] Laude di Cortona (ed. Contini), XIII sm., 2.61, pag. 17: "Ave", disse nel saluto, / "[ma]donna se' grandissima.

[4] Gl Giordano da Pisa, Pred.Genesi, 1309 (pis.), 38, pag. 241.29: Unde l'angelo le disse: "Ave", cioŔ sensa colpa et male.

[3] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 10.40, vol. 2, pag. 160: Giurato si saria ch'el dicesse 'Ave!'...

[4] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), 7, pag. 46: Ave, istella di mare, che meni a porto, / Sanša alchuno lume sana in tenebr[i]a...

[5] Cicerchia, Passione, 1364 (sen.), ott. 149.1, pag. 346: O dolce figliuol mio, Ŕ questo l' "Ave" / che mi facesti dir a Gabr´ello, / che mi fu tanto allor dolce e soave!

[6] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 16.15, pag. 233: Ave, veršene amoroxa, / che de Cristo fusti spoxa, / fusti chiamata recluxa, / piena d'ogni cortexia.

1.1 Estens. Il tempo impiegato a pronunciarla; breve istante.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 84, terz. 97, vol. 4, pag. 109: Quindici n'affogaro in men d'un Ave, / gli altri campßr per grazia dell'Altissimo, / e non senza paura, e pena grave...

2 [Relig.] Sost. Lo stesso che Ave Maria (in forma abbreviata).

[1] Detto d'Amore, XIII u.q. (fior.), 159, pag. 495: E perci˛ non ti credo, / Se ttu dicess'il Credo / E 'l Paternostro e ll'Ave, / Sý poco in te senn'Óve.

[2] Laude cortonesi, XIV (tosc.), 59.21, vol. 1, pag. 448: Sol per adornare la sua gentil persona / se debbono quelle gemme / che de Gierusalemm[me] / fuoron portate colla Ave Maria. / La prima gemma resplende nella Ave / che maledictione cie tolse de Eva / [...] che morte e guai e guerra / recar nel mondo le opare sue prave.

[u.r. 30.03.2018]