AVO s.m.

0.1 avi, avo, avu, avy.

0.2 Lat. avus (LEI s.v. avus).

0.3 St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.): 1.

0.4 In testi tosc.: Simintendi, a. 1333 (tosc.); Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.).

In testi sett.: Doc. venez., 1300 (4); Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.).

In testi mediani e merid.: St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.); Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Destr. de Troya, XIV (napol.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.).

0.7 1 Padre di un genitore, nonno. 2 Progenitore, antenato; plur.: gli antenati.

0.8 Pietro G. Beltrami 10.03.1998.

1 Padre di un genitore, nonno.

[1] St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.), pag. 72.20: Et una die gio in Albam civitate e co lo lardo occise Amulio, suo zio, et fece rennere lo regno ad Munitorem suo avo.

[2] Doc. venez., 1300 (4), 21, pag. 27.20: Questo sì è tuto quello che ave Mafeo per i(n)promessa da Madalena la qual li dè ser Çan(e) dela Barcha de s(en) Çane Bragola so avo lo qual fo comesario de Marin Tasso.

[3] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 28, 7-21, pag. 662, col. 1.16: Qui toca la quinta e l'ultima bataia; ... de la qual è da savere che Coradino fiiolo che fo del re Corado, figliolo legittimo dello imperadore Federigo preditto, odando che le amistà del so avo erano malmenade per li Pasturi della Chesia in le parte d'Ytalia, ... sí se mise cum so guarnimento a venire; e venne per le terre di soi amisi, e venne a Verona...

[4] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 13, vol. 3, pag. 136.14: Ma noi abiamo fatta sola quella cosa che ci fu licita per li fati, acciò che Acis ricevesse le forze dell'avo.

[5] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 2, cap. 8, pag. 48.10: alcunj malvasj pirsunj, pir invidia la qualj sì aviano de lu beni ky Deu operava per sanctu Benedictu, lu qualj beni illj non fachìano, displachìalj ky si fachissi pir autru; spicialimenti fu unu, chi era previti de una ecclesia ky era vichina illà, et avia nome, kystu previti, Florenciu; lu qualj era statu avu de unu iuvenj chi era subdiaconu et stava cum sanctu Gregoriu.

[6] Cost. Egid., 1357 (umbro-romagn.), L. IV, cap. 35, pag. 666.14: e similmente possa vetare che 'l no offenda patre, avo, adscendenti suoi o descendenti o altri chi demorasseno in sua famiglia...

[7] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 1002, pag. 230: Io so che quella villa si fo fondamentata / Per nostri nantenati, fo facta et ordinata; / Nostro avo et trabisavo sempre la hebeno amata: / Ciò che li petìo Aquila per loro li fo data.

[8] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 10, pag. 62.12: Abbe questo re un sio figlio lo quale fu duca de Calavria. Fu omo moito iustiziale e diceva: «Lo re Carlo, nuostro visavo, acquistao e mantenne questo reame per prodezze, mio avo per larghezze, mio patre per sapienzia. Dunqua io lo voglio mantenere per iustizia».

[9] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 36, pag. 297.4: Perzò che infine mo' la presente ystoria no ave decto nenti de Pirro, figliolo de Acchille, como li succese poy che fo partuto da Troya, mo' lo vole dicere et narra che Pirro aveva lo re Pelleo suo avo per parte de lo patre...

2 Progenitore, antenato; plur.: gli antenati.

[1] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 27, pag. 33.22: Toncha empensa co de' esser abominabile cosa al cristian questo çogo, per lo qual l'omo perde Dio, perde li parenti e li amisi, perde l'anema e la robba, la qual co gran fadiga è acquistada da li avi e da li soi antecessori.

[2] Fazio degli Uberti, Rime pol., c. 1335-p. 1355 (tosc.), [1335], 5.65, pag. 32: Ahi stirpe rimasa / diversa al buon tuo avo, perché darti / volesti questo impaccio a incoronarti, / togliendo in ciò forse la volta a tale, / ch'aria ben fatto dove tu fai male? / Tu dunque, Giove, perché 'l santo uccello [[...]] / da questo Carlo quarto / imperador non togli e da le mani / de gli altri lurchi moderni Germani [[...]]?

[3] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 6, pag. 89.20: Hector co una face quase vergognosa, respondendo a lo patre, sì disse queste parole: «[[...]] Intre li vuostri figlyoli no nce nd'èy nullo che sia tenuto de volere venyare la morte de li nuostri avi quanto a mene, che so' lo primo nato de lloro, et inperzò deyo essere lo primo a volerende vedere venyanza...

[u.r. 30.03.2018]