AVOCARE v.

0.1 avagadi, avoc , avocao, avocati, avocato.

0.2 Lat. avocare (LEI s.v. avocare).

0.3 Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.): 2.

0.4 In testi tosc.: Ricettario Laurenziano, XIV m. (sen.).

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Sam Gregorio in vorg , XIV sm. (lig.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Chiamare (a s). 1.1 Convocare. 1.2 Distogliere. 2 [Dir.] Ordinare a qno di presentarsi davanti a un organo ufficiale (capitolo) o di partecipare a una seduta; convocare. 3 Signif. incerto: richiesto?

0.8 Paolo Squillacioti 30.04.1999. || Seminario di lessicografia.

1 Chiamare (a s).

[1] Sam Gregorio in vorg , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 25, pag. 248.13: E cos adevene che lo d msmo mor ello, e poa infra pochi d lo segu li atri tuti chi in quella 'pistola eram scriti cum seigo; li quai per fum trov scriti de letre d'oro, per che li lor nomi la divina iairea ap de s avoc . || Il testo lat.: quia eorum nomina aput se fixa aeterna claritas habebat (trad. letter. da Cavalca: per che li loro nomi la divina chiaritade aveva appo s: cfr. Cavalca, Dialogo S. Greg., a. 1342 (pis.), L. 4, cap. 19, pag. 254.1) lascia dubbi sull'esatto signif. del contesto.

1.1 Convocare.

[1] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), [1380] 60.142: Misier, co' zuoba fo vegnuda, / la cosa fo compluda, / et ieranghe Benvegnuda e sor Floretta, / madonna Benedetta e Madaluzza, / Fantina, Cataruzza e Flordelise, / et an', s co' se dise, / ende fo homeni ass, / e puo' ve dir / ch'el non se vette m tanti signor' / de le case mazor' avantazadi, / tutti avagadi en campo de sem Polo, / s come dise el golo e Pier Zancani / e ser Nadal Pollani che 'nde iera.

1.2 Distogliere.

[1] Cost. Egid., 1357 (umbro-romagn.), L. II, cap. 16, pag. 567.15: Tutti i cortesani de la corte generale del Rectore della provincia, li quali continuo segueno essa corte, a ci que liberamente, come se dece, possanno servire a la dicta corte e che per alcuni no fiano avocati dal dicto servicio, vogliemmo et ordenemo che, contra suo volere, no siano tracti ad altro judicio o examine in civile o criminale questione, in piatire o deffendendose, se non solamente denani dal udese de la corte generale, et abiano immunitate da carisi e grevea in lo tutto, s come quelli chi sono del collegio nomina' de sopra in la proxima constitutione.

2 [Dir.] Ordinare a qno di presentarsi davanti a un organo ufficiale (capitolo) o di partecipare a una seduta; convocare.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De anima cum corpore, 277, pag. 65: Lo corp ha fag capitulo, le membre el ha avocao, / Tut zo ke g'ha dig l'anima el g'ha arregordao, / Comanda k'el se guardano ni fazan mai peccao, / S k'el al fog dr'inferno no fiza tormentao.

3 Signif. incerto: richiesto?

[1] Ricettario Laurenziano, XIV m. (sen.), 26, pag. 166.21: Lo dente canino et l'occhio de lo lupo, se lo involgerai ne lo suo cuoio et portera'lo teco, sarai avocato in ogni cosa, et sarai gratioso et ricco ad ongni gente. || Cos nel ms.: l'ediz. legge avotato (spiegato con 'fortunato').

[u.r. 30.03.2018]