AVVENENTEZZA s.f.

0.1 avenanteša, avenanteše, avenanteze, avenantezza, avenantezze, avenentezza, avvenentezza.

0.2 Da avvenente.

0.3 Patto Aleppo, 1207-8 (ven.): 1.

0.4 In testi tosc. e toscanizzati: Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.); Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.).

In testi sett.: Patto Aleppo, 1207-8 (ven.); Memoriali bologn., 1279-1300.

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.).

0.5 Cfr. avvenente.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Grazia, leggiadria.

0.8 Rossella Mosti 15.10.1999.

1 Grazia, leggiadria.

[1] Patto Aleppo, 1207-8 (ven.), pag. 22.5: Eo re aparisente Gasi, lo verer de lo mo(n)do et de liale, padre viturial alij, figlo de lo re viturial Iosep, filius Iop, mantignidor de li comandamenti de li credenti - eĚ nome de Deo, lo poderoso e 'l pietoso - de poi ke fo le face de le avenanteše e lo romanente...

[2] Giacomo da Lentini, c. 1230/50 (tosc.), [canz.] 11.44, pag. 149: E tutto quanto veggio / mi pare avenantezze / [e] somma di bellezze...

[3] Poes. an. urbin., XIII, 20.7, pag. 581: Amor, la Tua belleša, / Amor, l'avenanteša, / Amore, l'adorneša, / Amor, la ginteleša / me tTe fa delectare.

[4] Mazzeo di Ricco (ed. Panvini), XIII sm. (tosc.), 3.46, pag. 210: Da poi c'Amor vi diede ogni belleze / finalemente e tut[t]e avenanteze, / ben so che troveragio in voi pietanza, / per ch'io vivo gioioso 'n allegranza.

[5] Jacopone, Laud. Urbinate, XIII ui.di. (tod.), 4.84, pag. 497: La carne parea a mmeve / una massa de neve; / e ssovr'onne belleša / era l'avenanteša.

[6] Memoriali bologn., 1279-1300, 43.8, pag. 82: conforto me duni e tuto bon valore, / tanto me place vostre avenanteze.

[7] Cino da Pistoia (ed. Marti), a. 1336 (tosc.), 11.7, pag. 451: Quella, che porta pregio di valore, / pi¨ che non fece d'arme Ettor di Troia, / Ŕ di tutt'avenantezza e bellore: / fra tutte l'altre donne al mondo Ŕ gioia.

[8] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 6, cap. 37, vol. 1, pag. 265.28: e il detto conte Guido preso d'amore di lei per la sua avenentezza, e per consiglio del detto Otto imperadore, la si fece a moglie...

[u.r. 10.01.2008]