AVVICINO agg./avv./prep.

0.1 avesin, avexin, avicini, avisin, avixin.

0.2 Da vicino.

0.3 Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.): 2.

0.4 In testi tosc.: A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.).

In testi sett.: Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.).

0.5 Locuz. e fras. avvicino di 3; farsi avvicino 1.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Locuz. verb. Farsi avvicino: avvicinarsi. 2 Avv. Poco lontano (nello spazio), nei pressi. 3 Locuz. prep. Avvicino di: poco lontano (nello spazio), in prossimitÓ.

0.8 Roberto Leporatti 07.11.2000.

1 Locuz. verb. Farsi avvicino: avvicinarsi.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 19, terz. 38, vol. 1, pag. 218: Lasciamo star, che molti Saracini / ebbero a petto, e non mento niente; / e pur passar di Tunisi i confini, / e con molti trabocchi, e manganelle / alla CittÓ si fecero avicini, / e combatterla con ogni cavelle…

2 Avv. Poco lontano (nello spazio), nei pressi.

[1] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 1150, pag. 79: Tanto lo andÓ per la foresta, / Con la scriptura manifesta, / Ch'el venne sul dreto chamin / Ad una villa li avixin, / Che in chavo di quel boscho era.

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 1469, pag. 87: Poy si ve inprometo e si ve šuro, / Ch'a mia possanša v'aseguro / De dar-ve albergo qua avexin, / Sicomo io credo, bon e fin".

3 Locuz. prep. Avvicino di: poco lontano (nello spazio), in prossimitÓ.

[1] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 2702, pag. 120: Sicomo la scriptura desmogna, / Li venne avesin d'un chastello, / Alladi d'un šardin molto bello, / Lo qual tegnia e possedea / Una donna, che de šo vivea. / La elly s'asentÓ comunalmente / Su l'erba verde, tuta quella šente...

[2] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 3675, pag. 146: CossÝ chavalcha plenamente / Con l'oste soa grande e posente / De dy e de notte e de ongny hora, / Che in luogo algun non fe demora, / Passando planure e chanpagne, / Deserti pluxor e montagne, / Ch'el venne men de una šornada / Avexin de Roma in una contrada.

[u.r. 29.02.2008]