AVV╠NCERE (2) v.

0.1 avenše, avenšer˛, avense, aventa, avento, avinse.

0.2 Da vincere.

0.3 Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.).

In testi sett.: Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Avere la meglio in un contesa o una lotta, sopraffare. 1.1 Fig. Essere sopraffatti da un sentimento, non essere pi¨ padroni di se stessi.

0.8 Roberto Leporatti 08.11.2000.

1 Avere la meglio in un contesa o una lotta, sopraffare.

[1] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 3788, pag. 149: Or sapiŔ, ch'ello Ŕ qui vixin / Con soa grande oste senša fin. / De tuta Persia, che ello Ó aventa, / Le clave pe nuy ve aprexenta, / Per so prodeša e per so senno…

[2] Armannino, Fiorita (07), p. 1325 (ven.), pag. 116.22: O laro traditor, anderoio mi solo senša algun aiuto a conbater con quel malvaxo; io l'avenšer˛ con l'aiutorio de Dio e pagerote del tuo mal far.

[3] San Brendano ven., XIV, pag. 142.13: Et eli stagando in parlamento, una altra osiela fo zionta e aveva uno ramo in boca, e como ela fo per mezo la nave, ela gitÓ lo ramo in sen de lo abado e cridava contra l'altra e fe tanto bataia con esa, che ela avense e sý la olzise.

1.1 Fig. Essere sopraffatti da un sentimento, non essere pi¨ padroni di se stessi. || Ma, specie nel secondo es., non si pu˛ escludere che si tratti di avvincere 1.

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 24.6, pag. 89: nonn ho vigor ch'ell'ha: / cosý son di gio' avento.

[2] Cocco, a. 1396 (fior.), 276a.14, pag. 329: Amor ne' mie' dolci anni mi costrinse / per un picciol instante e poi colei, / ch'a ogni animal pon fine, men fe' privo; / e perchÚ del favor son giunto a' piei / del copioso e desidrato rivo, / quetate el duol<o>, vi priego, che m'avinse.

[u.r. 29.02.2008]