BADILE s.m.

0.1 badi', badile, badili, baìli, bair.

0.2 Lat. *batile (LEI s.v. *batile/*vatile).

0.3 Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.): 1.

0.4 In testi tosc.: a Piero de' Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.).

In testi sett.: Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Doc. moden., 1374; Matazone, XIV sm. (lomb.).

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Pala, attrezzo per lo scavo e lo sterro.

0.8 Niccolò Scaffai 31.10.2000.

1 Pala, attrezzo per lo scavo e lo sterro.

[1] Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.), 181, pag. 645: Altri prendo baìli, altri prendo rastegi, / altri stiçon de fogo, altri lançe e cortegi...

[2] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 71.20, pag. 369: Ché, chi à la mente tenta, / rumentosa e porverenta, / dé, per soi vicii punir / de la lengua far bair, / chi zete, per confession, / de for soa abitaciom / ogni po[r]ver de coscientia / per vraxe penitencia...

[3] Doc. moden., 1374, par. 5, pag. 156.1: Anchora: duo badi' grandi da chalcina de fero da la fornaxe da trenta s. mut.

[4] a Piero de' Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.), L. 2, cap. 28, vol. 1, pag. 219.26: Ma come i nuovi fossati si fanno è manifesto, perocchè da ciascuna parte dell'ampiezza si stende un filo ovver funicella, e segnasi: e poi con le vanghe nella terra, e co' marroni nel sabbione si cavano: e la terra trita che rimane, con badili ovver pale si gitta: e le ripe con le zappe, ovvero vanghe e marroni si puliscono.

[5] Matazone, XIV sm. (lomb.), 109, pag. 794: D'un canevazo crudo, / però che naque nudo, / abia braga e camixa / fata a la strania guixa; / cento d'un sogayone, / de dré un rancayone, / lo badile e la vanga / perché la tera franga, / la folca su la spala / per remondar la stala.

[6] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), 16.9: L'arme suo prime son vange e badili / e se non che Fortuna ivi gli agrappa, / più che conili son chiamati vili.

[u.r. 15.01.2019]