BAGNARE v.

0.1 bagna, bagnâ, bagnada, bagnade, bagnadho, bagnado, bagnai, bagnale, bagnalle, bagnalo, bagnammo, bagnamo, bagnan, bagnando, bagnandogli, bagnandola, bagnandoli, bagnandolle, bagnandolo, bagnandose, bagnandosi, bagnandovi, bagnano, bagnante, bagnao, bagnar, bagnâr, bagnarà , bagnarci, bagnare, bagnari, bagnarla, bagnarlo, bagnarmi, bagnaro, bagnarommi, bagnarono, bagnarse, bagnarsi, bagnarte, bagnaru, bagnase, bagnasi, bagnasse, bagnassero, bagnassi, bagnassimo, bagnasti, bagnata, bagnate, bagnatelo, bagnatesi, bagnatevi, bagnati, bagnato, bagnatoli, bagnatovi, bagnatu, bagnau, bagnauli, bagnava, bagnavam, bagnavan, bagnavano, bagnavanu, bagnavaro, bagnavasi, bagnavavisi, bagne, bagnerà , bagnerae, bagnerai, bagneranno, bagnera'ti, bagneren', bagnerete, bagnerò, bagneròllo, bagni, bagnia, bagnià , bagniamo, bagniare, bagniarlo, bagniarsi, bagniasse, bagniate, bagniato, bagniava, bagniavano, bagnino, bagniò, bagnisene, bagni-sse, bagno, bagnò, bagnoe, bagnòe, bagnosi, bagnosse, bagnossi, balgnialo, bangese, bangia, bangna, bangnala, bangnare, bangnarmi, bangnarsse, bangnata, bangnato, bangnavano, bangne, bangni, bangnia, bangniare, bangniarono, bangniarsi, bangniata, bangniato, bangninsi, bangnò, bania, vagnao, vagnaose, vagnasse, vagnato, vagniando, vangnialo.

0.2 Lat. volg. *baneare (LEI s.v. balneare/*baneare).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 2.

0.4 In testi tosc.: Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Distr. Troia, XIII ex. (fior.); Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.); Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi); Simintendi, a. 1333 (prat.); Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.).

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.); Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Mussato, a. 1329 (padov.); Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.).

In testi mediani e merid.: Regimen Sanitatis, XIII (napol.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Stat. perug., 1342; Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.7 1 Cospargere d'acqua (o di altro liquido), inumidire; immergere, spruzzare. 1.1 [Detto di un mare, di un lago, di un corso d'acqua]: toccare, lambire. 1.2 Inumidire col pianto. 1.3 Infracidare, sciupare? 2 Fare il bagno; immergersi per abluzioni; lavarsi. 2.1 [Come atto rituale:] consacrare, investire. 3 Fig. Pervadere, riempire. 4 Toccare, colpire. 5 Sost.

0.8 Niccolò Scaffai 04.01.2001.

1 Cospargere d'acqua (o di altro liquido), inumidire; immergere, spruzzare.

[1] Uguccione da Lodi, Libro, XIII in. (crem.), 439, pag. 615: Quel cui el à servidho, no è adormençadho: / sì tosto con' lo spirito è dal corpo sevradho, / un laz li çet' al colo sì l'à encatenadho, / entro l'infern lo porta o' el fi aspetadho; / mai unca no serà ni onto ni bagnadho; / mai anc s'el fosse pur o batud o scovadho, / elo crerïa esser un re encoronadho...

[2] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Venus], pag. 35.5: e lo corente pesse sì fi preso per arte soto le onde del'aigua, e lo omo core per arte su per lo mare en tal mainera q'elo no se bagna li pei.

[3] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 4, pag. 30.12: Non contenta de' termini questa femmina, i quali dal marito aveva avuti, allotta solo combattitore, e per cinquanta anni accattati, Etiopia vinta per battaglia, di sangue bagnata, v' aggiunse.

[4] Guido Cavalcanti (ed. Contini), 1270-1300 (fior.), 46..6, pag. 555: [di]scalza, di rugiada era bagnata; / cantava come fosse 'namorata...

[5] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 2, pag. 18.15: Della nave corporale addiviene questo: che avengna ch'ella si bagni di fuori dall'acqua, perché dentro n'entri un pogo non però s'impedisce lo suo corso, anti per l'acqua che la bagna di fuora perviene più tosto al porto.

[6] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), pag. 192.47: Li baroni ch'erano dinanzi a la bara ne la portaro dentro a sua camera e la posero sopra uno ricco letto, poi le bagnaro la faccia e lo viso d'acqua rosada.

[7] Mussato, a. 1329 (padov.), 4, pag. 140: Fora volaro dy spirti y valore / [....] / per la fiumana vostra che fé mene / bagnar non raro lor de la sua rore.

[8] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 5, vol. 1, pag. 197.12: Tuttavia la non vana punta si ficcò nella fronte di Reto; lo quale poi che fu caduto, e 'l ferro fue divelto dell'osso, percuote la terra co' piedi, e bagna le poste mense col suo sangue.

[9] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 3, pag. 613.32: Pensa come gli angeli laudavano in cielo e in aere quello il quale gli uomini ignoravano in terra; come il Figliuol di Dio si fasciava, lattava e bagnava; come egli piagneva a modo di fanciullo...

[10] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 4, cap. 30, pag. 154.9: Patri Abraham, preguti, manda Lazaru' - unu poveru homo, ke era stato in quisto mundo poviro di cosi e richu di gratia - ; prigava adunca lu ricco, ki kistu poveru si bagnassi lu digitu piczulu jn l'acqua, e sculassilu a la [sua] lingua, ca illu era arsu in killa flamma di focu di lu jnfernu'.

[11] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 1, cap. 29, pag. 35.22: E penano a nascere XXX dì; e poi per XV dì si pascano di farinata d'orzo ben rifrigerata, e di verno la bagna col vino.

[12] Andrea Cappellano volg., a. 1372 (fior.), L. 1, pag. 119.16: li rivi, li quali per li loro canali passavano ordinatamente per lo detto luogo dell'amenità, in questa seconda parte spandevano senza modo e bagnavano sì questo luogo d'umidità, che l'erba con l'acqua insieme pareva siccome nel tempo della primavera suole parere quando piove.

[13] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 117, pag. 245.30: la cura dicta ène d(e) tanta efficatia, ch(e) se lu c. patesse alcuna i(n)fermitate, p(er) la q(u)ale abenesse i(n) grande p(er)iculu i(n) nill'acq(u)a voi bang(na)re lu loco dove è la i(n)fermitate, ungnase lu loco d(e) la i(n)fe(r)mitate d(e) l'u(n)g(u)ento, lu quale se pone(r)à in sucta...

[14] Bibbia (01), XIV-XV (tosc.), Es 29, vol. 1, pag. 399.17: [21] E quando averai tolto del sangue ch'è sopra l'altare, e dell'olio dell'unzione, bagnerai Aaron e le sue vestimenta, e i suoi figliuoli e li vestimenti loro...

- Bagnarsi la bocca, la lingua: bere.

[15] Cecco Angiolieri, XIII ex. (sen.), 75.8, pag. 193: Ché la mattina, quando son levato, / el corpo pien di sal mi par avere; / adunque, dì: chi se poria tenere / di non bagnarsi la lingua e 'l palato?

[16] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 33.108, vol. 3, pag. 554: Omai sarà più corta mia favella, / pur a quel ch'io ricordo, che d'un fante / che bagni ancor la lingua a la mammella.

[17] Boccaccio, Decameron, c. 1370, VIII, 7, pag. 551.5: E se tu questa grazia non mi vuoi fare, almeno un bicchier d'acqua mi fa venire che io possa bagnarmi la bocca, alla quale non bastano le mie lagrime, tanta è l'asciugaggine e l'arsura la quale io v'ho dentro.».

1.1 [Detto di un mare, di un lago, di un corso d'acqua]: toccare, lambire.

[1] Brunetto Latini, Tesoretto, a. 1274 (fior.), .966, pag. 209: Gïòn va in Etïopia, / e per la grande copia / d'acqua che 'n esso abonda, / bagna de la sua onda / tutta terra d' Egitto / e l'amolla a diritto / una fïata l' anno / e ristora lo danno / che lo 'Gitto sostene, / che mai pioggia non viene…

[2] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 1, cap. 2, pag. 13.25: E andando molto inverso il ponente fa isola in mezzo di se, chiamata Meroen: al da sezzo piegato inverso il settentrione, e cresciuto di tostani crescimenti, bagna le pianure d'Egitto.

[3] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 3, cap. 2, pag. 7.5: E d'altra parte quand'egli ha in Mauritania grandi piogge e grande neve, che caggiono in questo lago, allora cresce il Nilo, e bagna la terra d'Egitto, e però dicono molti che quel fiume esce di quello lago.

[4] Chiose Selmiane, 1321/37 (sen.), cap. 27, pag. 132.1:La terra a cchui el Savio bagnia el fiancho è Bolognia la grassa, e ancho Ciesena.

[5] Poes. an. perug., c. 1350, 145, pag. 19: Tal fuorono di la grande montangna / che di Raniere ancora porta titulo / e tai de la cità che 'l Tever bangna.

1.2 Inumidire col pianto.

[1] Dante, Vita nuova, c. 1292-93, cap. 23 parr. 1-16, pag. 96.15: Allora cominciai a piangere molto pietosamente; e non solamente piangea ne la imaginazione, ma piangea con li occhi, bagnandoli di vere lagrime.

[2] Onesto da Bologna, XIII sm. (tosc.), 1.22, pag. 26: Pianger li occhi e lacrimar tuttora / e di pianto bagnar tutto 'l meo viso / possono ben, guardando a me conquiso, / e per lo corpo lasso, ove dimora / l'anima mia, per forza sospirare…

[3] Fiore, XIII u.q. (fior.), 14.2, pag. 28: Pietà cominciò poi su' parlamento, / Con lagrime bagnando il su' visag[g]io, / Dicendo: «Schifo, tu faresti oltrag[g]io / Di non far grazia al meo domandamento.

[4] Distr. Troia, XIII ex. (fior.), pag. 184.18: Ai! quante faccie tenere di donne e di donzelle vi si bagnavaro di pietose lagrime!

[5] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 16.307, pag. 192: E cossì, como morta, stava / e passâ de gram dolor; / de lagreme tuta bagnava / la faza de lo me' amor...

[6] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 6, pag. 305.16: Ma, poi che elli vide venire Enea per lo campo, levò le mani a cielo e di lagrime si bagna il viso…

[7] Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.), pag. 454.8: Stando Paris ad Tenedon, secondo che felicemente vi si posò, la reina Elena stava con molta angoscia cogli altri prigioni secondo lo parere dele persone, perciò che continuamente bagnava la faccia e 'l petto di lagrime…

[8] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 1, pag. 11.20: Et in tal modu maniandu plangianu per li navi di loru cumpagnuni, kì non li putianu truvari; et cussì plangendu bagnavanu cum li lagrimi li vidandi ki maniavanu…

[9] Boccaccio, Fiammetta, 1343-44, cap. 5, par. 31, pag. 160.26: E quinci le lagrime dall'intrinseca verità cacciate per forza fuori, mi bagnano il mesto viso, e con tacita voce così con meco medesima dico…

[10] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 65, pag. 5: et ogni umano inteleto se lagne, / tanto che ogni potenza et ogni senso / de doia lagremando sì se bagne.

[11] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 46.6, pag. 591: Poi che fortuna m' è contraria tanto, / quanto vedete aperto, Amor mio caro, / convèn ch' io mora nel martiro amaro, / ch' essa m' ha apparecchiato en ciascun canto, / se non ve prende pietà del mio pianto, / nel qual glie occhie mei triste se bagnaro, / donna, d' allor che turbata lassaro / voi, per cui posso aver tormento e canto.

[12] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 4, cap. 6.69, pag. 272: Passato Frisso e giunto sopra i rivi, / forte piangendo la bella sorore, / bagnava gli occhi suoi grami e cattivi.

[13] Boccaccio, Decameron, c. 1370, III, 7, pag. 227.17: Guardate che voi diciate; io il vidi morto davanti alla mia porta di più punte di coltello e ebbilo in queste braccia e di molte mie lagrime gli bagnai il morto viso…

1.3 Infracidare, sciupare?

[1] Stat. pis., 1322-51, cap. 12, pag. 484.1: et etiamdio di tutti et ciascheduni presti, cambi, scripte, guadagni, perdite, danni dati u facti, gitti, et cose ritenute u vero guaste, bagniate u vero pigiorate, nauli, conducti, soldi et marinatichi, et stracqui, et cose in mare, u vero a schogli, u altri qualumque luoghi a mare vicini u vero connexi, trovati et trovate, u vero in acque dolce…

2 Fare il bagno; immergersi per abluzioni; lavarsi.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 309, pag. 536: Quand l'om entra en lo bagno, s'elo ben no se bagna / sì q'el sëa ben sacio, no sai per qe se lagna: / de ço ch'ai pres'a dire se ne fese sparagna, / eu perdria la mia ovra com' cel qe l'auro stagna.

[2] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 5, cap. 8, pag. 129.4:E e·lla summità d'uno de quelli monti era uno bagno d'acqua calda e·llo quale noi ne bagnammo, e li nostri capelli li quali stavano e·ll'acqua li se 'mponea petra da torno, come la cera a lo stopino per fare candela.

[3] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 3, cap. 8, pag. 103.13: ed anco può bene avvenire, che dormire e bagnare e altre cotali cose sono rimedio contra dolore e tristizia, ma queste tre, che noi avemo dette, ciessano principalmente il dolore e la tristizia.

[4] Regimen Sanitatis, XIII (napol.), .31, pag. 564: Et ancora descrivote de coitu e bagnare, / lo muodo e tiempo dicote, quando lo dige fare…

[5] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 47, pag. 134.11: k'el è natural cosa k'el se rescalde le legne inprimamente, de le quale nasce lo foco, e ke quella terra primamente se bagna, unde 'l fonte descorre e deriva.

[6] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 92.43, pag. 393: chi ben non sa notare, non se vada a bagnare: / subitamente porrìase annegare.

[7] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 5, cap. 78, vol. 2, pag. 264.31: Anco, statuto et ordinato è, che neuna persona debia pescare o vero fare pescare o vero danno dare in alcuna peschiera d'alcuna persona o vero luogo de la città et contado et giurisditione di Siena, o vero in essa entrare o vero in essa bagnarsi...

[8] Virtù del ramerino, 1310 (fior.), pag. 755.36: XVII. S'alquno sentisse di pazzia, tolgha le foglie de· ramerino grande quantitade e facciale bollire in aqua, e in quell'aqua si bangni e guerrane.

[9] Armannino, Fiorita (12), p. 1325 (abruzz.), pag. 541.8: Più volte novelle andarono a la madre, la quale Angela se chiamava, come suo figliuolo bagnandose in mare era anegato.

[10] Cecco d'Ascoli, Acerba, a. 1327 (tosc./ascol.), L. 3, cap. 15.2917, pag. 301: S'adunan sempre nella Luna nuova; / Ciascun si bagna nello fiume stante; / Chinando il capo, par che fe' lo muova.

[11] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 4, pag. 80.18: «O cara bayla mia, preguti va et minami a mia sochira Anna et dili ki si adasti bagnari lu corpu cum l'acqua di lu flumi et mini cum sì li pecuri et li sacrifici ki illa sapi…

[12] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 9, cap. 5, vol. 2, pag. 212.26: Ca quillu se bagnava in bagnu asparti da lu populu, quistu usava di diversu foru.

[13] Stat. perug., 1342, L. 4, cap. 1, par. 11, vol. 2, pag. 334.32: Comandamo ancoraké nullo ardisca overo presuma en la dicta fonte entrare, né enn essa sé bagnare, né pieie overo gambe overo capo lavare overo con glie pieie sopra el pectorale saglire overo lo volto overo le mano enn essa lavare.

[14] Boccaccio, Decameron, c. 1370, VI, conclusione, pag. 440.12: In questo adunque venute le giovani donne, poi che per tutto riguardato ebbero e molto commendato il luogo, essendo il caldo grande e vedendosi il pelaghetto davanti e senza alcun sospetto d' esser vedute, diliberaron di volersi bagnare.

[15] A. Pucci, Reina, a. 1388 (fior.), III, ott. 47.2, pag. 270: Poi disarmata, disse: - Quando ignudo / bagnar vi vidi, fu' presa d' amore; / onde vo' che vi piaccia, caro drudo, / ch'io sia la donna e voi siate il signore.

2.1 [Come atto rituale:] consacrare, investire.

[1] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 17, pag. 66.33: E venendo al mattino, e Tristano se ne vae nella grande piazza della città, e quivi lo re lo bagna, e quivi Tristano prese lo giuogo e lo nome della cavalleria; cioè, ch'egli s'innóbriga d'essere pro', ardito e sicuro, liale e cortese e giusto, e difendere ogni persona meni possente, allo quale fosse fatto alcuna cosa contra ragione…

[2] Mino Diet., Sonn. Inferno, XIV m. (aret.), 23.6, pag. 30: Clio, Euterpe, Melpomine et Talia, / Pollinia, Errato, Tersicore, Urania / sono octo suore ciascuna compania / insieme sempre non l'una senz'alia; / Caliopè la nona che le balia, / che l'amaestra, conduce et le bania / dentro in la fonte d'Appollo e le stania / di quel tradolce ber che mai non valia.

[3] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 2, pag. 11.25: Anche comenzo io dallo tiempo che questi doi baroni fuoro fatti cavalieri per lo puopolo de Roma, bagnati de acqua rosata per li vintiotto Buoni Uomini in Santa Maria de l'Arucielo a granne onore.

3 Fig. Pervadere, riempire.

[1] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 25, pag. 549.16: O santo Iacopo, dice - Tu mi stillasti, bagnasti la mente con la tua epistola, accrescendo la virtù appresa per la parola di David, sicch'io ne sono pieno di questa virtù, e infondola nelli altri.

[2] Cino da Pistoia (ed. Contini), a. 1336 (tosc.), 35.11, pag. 673: E poi vorrei che nel mezzo surgesse / un'acqua vertudiosa d'amor tanto, / che lor bagnando dolce vita desse…

[3] Teologia Mistica, 1356/67 (sen.), cap. 1, 2, pag. 35, col. 2.6: Non ti bastò, dolcissimo Gesù Cristo, che tu ti inchinasti tanto, che essendo Iddio prendesti l' umanità della nostra carne, e per sollevare le miserie di tutti i mortali sostenesti così dure battiture, ed innumerabili ferite, sì che dalla pianta del piede infino alla sommità del capo non fu membro nel corpo che non si bagnasse del sacratissimo sangue.

4 Toccare, colpire.

[1] Ottimo, Purg., a. 1334 (fior.), c. 22, proemio, pag. 402.13: E qui è un poco da toccare della amistade, o vero amore, per la quale e per lo quale la dile[tta]zione intra le persone trapassa li termini della corporale vita; ed un poco del vizio della prodigalitade, della quale un poco fue bagnato Stazio.

5 Sost.

[1] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 371.33: E vuolsi guardare dal bagnare, però che bagnandosi se non s'asciuga tosto si guasterebbe e diventerebbe nera.

[u.r. 21.03.2019]