BAMBAGIA s.f.

0.1 babacia, babaga, babagia, bambace, bambachi, bambacia, bambagia, bambagie, bambagna, bambaxe, bammace, banbaccia, banbace, banbachi, banbagia, banbagie, banbagla, banbago, banbas, banbas', banbasca, banbascia, banbasia, banbasscia, vammace.

0.2 LEI s.v. Bambyce/Bambycius.

0.3 Mattasalà , 1233-43 (sen.): 1.

0.4 In testi tosc.: Mattasalà , 1233-43 (sen.); Doc. fior., 1262-75; Doc. prat., 1275; Doc. lucch., XIII sm; Doc. pist., 1300-1; Stat. pis., 1304; Stat. collig., 1345.

In testi sett.: Doc. bologn., 1366.

In testi mediani e merid.: Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.).

0.7 1 Cotone in fiocchi, scarto della lavorazione del cotone. 1.1 Cotone usato per la fabbricazione di un tipo di carta.

0.8 Niccolò Scaffai 07.07.2005.

1 Cotone in fiocchi, scarto della lavorazione del cotone.

[1] Mattasalà , 1233-43 (sen.), pag. 2r.16: It. xxvij d. che demo nela banbascia del farseto di Matasalà.

[2] Doc. sen., 1298, pag. 109.27:Ancho una materazza e uno chapezzale di bordo, piene di bambagia, istimate VJ lbr.

[3] Doc. lucch., XIII sm., pag. 6.20: e sed elle ebe anco alora una mia benda e acia e bambace che vallesse soldi xx u che valsero al più.

[4] Legg. S. Margherita, XIII ex. (piac.>ver.), 140, pag. 8: Quando i fo aprovo de le', / E Margarita stava en pe' / E sì filava a soa rocha, / No so banbas o lin o stopa.

[5] Doc. pist., 1300-1, pag. 229.2: Diedi ad A(r)righuccio di Va(n)ni Stancholli, p(er) lui a Va(n)ni Graçadiei, p(er) banbacia p(er) j farsecto, dì s(oprascric)to, s. xiiij.

[6] Stat. pis., 1304, cap. 70, pag. 719.23: Et che nulla bambacia tingano li dicti tinctori, pena di soldi X di denari, per ciascuna volta.

[7] Doc. prat., 1296-1305, pag. 242.18: it(em) uno sta(n)tiame(n)to di ba(m)bagia; it(em) uno testame(n)to d'u·llegato di Ba(n)duccio, scritto p(er) s(er) Acco(n)cio…

[8] Zucchero, Santà , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 13, pag. 103.33: E conviene ch'elli tengha banbagia sopra gli ochi e stea cogli ochi e la testa fasciata infino a tanto ch'elli avrae vomito.

[9] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 1, pag. 25.25: Onde nota, che per questo ordine alcune cose sono ordinate al viver dell'uomo, sì come le carni delli animali, frutte ed erbe; alcune al vestire, come cuoio, pelle, lana, lino, bambagia, seta…

[10] Stat. collig., 1345, cap. 13, pag. 12.36: It. statuiro et ordinaro che neuno artefice dela decta università lavori nè lavorare faccia per l'offerta de' ceri dela festa del beato sancto Alberto se non cera nuova e pura e -l locigno de' decti ceri di bambagia nuova e biancha, el quale lucigno non sia stato già altra volta colato.

[11] Stat. fior., 1357, cap. 34, pag. 354.19: Ancora statuto et ordinato è che niuno di questa arte faccia fare alcuno farsetto mischiato di bambagia et di stoppa.

[12] Boccaccio, Decameron, c. 1370, III, 10, pag. 254.5: Così adunque invitando spesso la giovane Rustico e al servigio di Dio confortandolo, sì la bambagia del farsetto tratta gli avea, che egli a tal ora sentiva freddo che un altro sarebbe sudato…

[13] Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.), cap. 24, pag. 35.16: [4] Item lu antimonio, cumfectu cum sucu di taso barbasto et misu cum bambachi, misu supra li morroyde, vali multu specialmenti a quilli ki fussiru umflati.

[14] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 108, S. Domenico, vol. 2, pag. 928.24: La quale, sentendo ancora sensibilemente l'unzione fatta, sì la forbìa con la bambagia con molta riverenzia.

[15] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 141, pag. 278.17: et ponacesse la bambace i(n) de la bocca d(e) la plaga…

1.1 Cotone usato per la fabbricazione di un tipo di carta.

[1] Doc. fior., 1262-75, pag. 296.9: Spinello (e) Guido de' Rabuffati (e) ' loro chonpa(n)gni di Borgho Pedilglioso ci deo(no) dare lb. C dies diecie usscie(n)te dicie(n)b(re) in ffiorini grossi d'arie(n)to, che lli diede p(er) noi Gianni Gherardini (e) ' suoi chonpa(n)gni: po(nemo) ove dovea dare al'atro quadernuccio dela banbasscia, (e)d àlli da meie a prode, (e) a danno se l'avesse, lo quale Dio li deia loro prode (e) bene.

[2] Doc. prat., 1275, pag. 501.2: Ser Acho(n)cio notaio del malificio viiij quaderni di pechora. Ser Acho(n)cio iiij quaderni ( e) meço di ba(n)bagia.

[3] Doc. fior., 1286-90, [1286], pag. 151.4: <It. in due istaia di spelda> It. toglemmo uno quaderno di bambagia per lettere da Bertino a la bottega ke fue di Grifo, s. iiij. It. demmo a Bonuccio, per aguti e per conciatura de la sella dell'asino, d. xij.

[4] Stat. sen., 1301-1303, cap. 10, pag. 11.5: La soma de le carte de la bambagia papiro, IJ soldi kabella; et passagio IJ soldi.

[5] Doc. fior., 1311-13, pag. 88.23: Bettino Frescobaldi dè dare, dì 15 di marzo, per uno quaderno di carta di banbagia che gli mandai a Borgongno s. 1 d. 3 tor. pic.

[6] Libro giallo, 1336-40 (fior.), pag. 35.33: Per uno libro di charte di banbagia che mandamo loro questo dì chostò s. 18 d. 6 a ffior….

[7] Doc. bologn., 1366, pag. 87.44: S'io morisse subito, che dio guardi, questo voglio sia mandà a secutione, et è mia ultima voluntà, e voglio sia dato fede a tuti li conti saldi con li mei compagni, [[…]] no ostando ch'io abia [a] caxa dele carti del merchà de meço che se comp[r]arono da li eredi de frà Domenego da la bambaxe e da li eredi de Pivalino da Seravale…

[u.r. 26.09.2008]