BANCALE s.m.

0.1 bancÓ , bancali, banchal, banchale, bancale.

0.2 Etimo incerto: da banca o banco.

0.3 Conv. papa Clemente, 1308 (?) (fior.): 2.

0.4 In testi tosc.: Conv. papa Clemente, 1308 (?) (fior.); Doc. pist., c. 1350.

In testi sett.: Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Tristano Veneto, XIV.

In testi mediani e merid.: Destr. de Troya, XIV (napol.).

0.7 1 Cassone usato per riporre beni vari, cassapanca. 2 Panno (originariamente destinato a coprire panche o seggi).

0.8 Gian Paolo Codeb˛ 23.04.2001.

1 Cassone usato per riporre beni vari, cassapanca.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 37.41, pag. 228: Ma quando e' ˛ in mi restreito / tuto lo me' e recojeto, / Ŕ ben pim lo me' granÓ / […] / e bem guarnio lo me' bancÓ / de cosse bone da usar, / e specie e confeti assai / per far conduti delicai, / som ormezao da ognucano bem…

2 Panno (originariamente destinato a coprire panche o seggi).

[1] Conv. papa Clemente, 1308 (?) (fior.), pag. 9.28: Poi tuta l'altra sala, coperta di finisimi e grandisimi capoletti, di nuove e diverse storie. E cosý bancali e tapeti sotto i piedi.

[2] Doc. pist., c. 1350, pag. 64.30: Ancho uno banchale nuvo di lungheza di 8 braccia. Ancho panno lino, le toch˛ di messer Rustichello braccia 25.

[3] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 2, pag. 56.17: E cossý insembla miscate, lo re, Iasone et Hercules co la loro famiglya, sý montaro suso lo palazo riale, ove erano camere multo belle e fornite de banchale, dossiere e tappite, a modo riale.

[u.r. 11.02.2019]