BARDELLA s.f.

0.1 bardella.

0.2 Da barda.

0.3Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.).

N Att. solo fior.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Sella ampia, imbottita, con sostegni di legno.

0.8 Massimiliano Chiamenti 09.03.2001.

1 Sella ampia, imbottita, con sostegni di legno.

[1] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 9, cap. 35, vol. 2, pag. 56.13: e' loro cavagli sono piccoli, e mai non bisogna loro ferro in pi, n orzo n altra biada, ma vivono d'erbaggio e di fieno, lasciandogli pascere come pecore; e uno de' Tarteri ne mena seco X o XX o pi de' detti cavagli, secondo ch' possente; e va l'uno dietro a l'altro sanza altra guida; e sono con sottili briglie sanza freno, e povera sella d'una bardella e piccole scaglie incamutate.

[2] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 34, terz. 88, vol. 2, pag. 120: Ciascun, secondoch' possente, mena / venti, o trenta cavalli a tal novella, / e l'un tien dietro all'altro sanza pena. / Con sottil briglia, e con povera sella, / e senza guida vanno, e son segnati / qual nella pelle, e qual nella bardella.

[u.r. 11.02.2008]