BASĖLICO (2) agg.

0.1 basilicha; f: basilica, bassilica.

0.2 Lat. basilicum, dal gr. basilikós 'pertinente al re' (DELI 2 s.v. basilico 2). || Per vena basilica č da ipotizzare l'influsso dell'ar. al-basilėq.

0.3 F Libro della cura delle malattie, XIV pi.di. (fior.): 1; Serapiom volg., p. 1390 (padov.): 2.

0.4 Att. unica nel corpus.

0.5 Anche s.f. (basilica).

Locuz. e fras. erba basilica 2; vena basilica 1.

0.6 N L'es. 1.1 [1], cit. a partire da Crusca (4) e passato a TB e GDLI, potrebbe essere un falso del Redi: cfr. Volpi, Le falsificazioni, pp. 66-69.

0.7 1 [Anat.] [Detto della vena superficiale del braccio e dell'avambraccio:] lo stesso che principale. Locuz. nom. Vena basilica. 1.1 [Anat.] S.f. 2 [Bot.] Locuz. nom. Erba basilica: lo stesso che genziana.

0.8 Rossella Mosti; Elena Artale 04.04.2006.

1 [Anat.] [Detto della vena superficiale del braccio e dell'avambraccio:] lo stesso che principale. Locuz. nom. Vena basilica.

[1] F Libro della cura delle malattie, XIV pi.di. (fior.): Cura: primieramente sia fatta signera di vena bassilica del braccio... || Manuzzi, Cura malattie, p. 27.

1.1 [Anat.] S.f.

[1] f Mesue volg., XIV: Sarā d'uopo cavare il sangue dalla vena interna, che per altro nome č detta basilica. || Crusca (4) s.v. bassilica.

2 [Bot.] Locuz. nom. Erba basilica: lo stesso che genziana. || (Ineichen, Serapiom, vol. 2, p. 122, che rinvia ad un lat. mediev. basilica).

[1] Gl Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 359 rubr., pag. 401.3: De la herba basilicha .i. herba imperatoris. Capitolo .ccclviiij.

[u.r. 14.02.2019]