BECCHIP┘ZZOLA s.f.

0.1 becchipuzzola, bechipušole; f: bocchipuzzola.

0.2 Da becco 1 e puzzare. || Il termine, espressivo, Ŕ dovuto al becco forte e lungo dell'upupa e al cattivo odore che proviene dal suo nido.

0.3 f Zucchero, Somme le Roi volg., XIV in.: 1; Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.): 1.

0.4 In testi tosc.: Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 [Zool.] Upupa.

0.8 Massimiliano Chiamenti 07.07.2005.

1 [Zool.] Upupa.

[1] f Zucchero, Somme le Roi volg., XIV in.: Sono altresý come la bocchipuzzola, che in lordura di uomo fa suo nido, e si riposa. || Crusca (4) s.v. bocchipuzzola, interpretato 'puzzola'.

[2] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 74.1: Quirin Ŕ una pietra, la quale si truova ne' nidi delle bechipušole.

[3] Boccaccio, Chiose Teseida, 1339/75, L. 4, 54.1, pag. 370.27: Di che quando Tereo s'accorse, correndo loro dietro per ucciderle, Progne divent˛ rondine e Filomena usignuolo, e Iti divent˛ pettorosso e Tereo becchipuzzola.

[u.r. 27.04.2018]