BIACCA s.f.

0.1 biacca, biaccha, biacha, blacha.

0.2 Longob. *blaich (DELI 2 s.v. biacca).

0.3 <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>: 1.

0.4 In testi tosc.: <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Stat. sen., 1301-1303; Stat. pis., 1322-51; Doc. pist., 1354; Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.).

In testi sett.: Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.); Ricette bologn., XIV pm.

0.5 Locuz. e fras. biacca cruda 1; biacca della treccia 1; biacca mezzana 1; biacca sottile 1.

0.7 1 Carbonato di piombo basico: sostanza utilizzata per tingere di bianco (nella pittura, nella cosmesi, ecc.) e per fini terapeutici.

0.8 Raffaella Pelosini 16.11.2001.

1 Carbonato di piombo basico: sostanza utilizzata per tingere di bianco (nella pittura, nella cosmesi, ecc.) e per fini terapeutici.

[1] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 1, cap. 18, pag. 153.21: L'uno il quale Ŕ detto fardo, per lo quale le femmine si dipingono vermiglie o bianche, cioŔ bambagello o biacca...

[2] Stat. sen., 1301-1303, cap. 17, pag. 16.6: La soma de la biacca e de li specchi, soldo J kabella; et passagio J soldo.

[3] Dante, Commedia, a. 1321, Purg. 7.73, vol. 2, pag. 113: Oro e argento fine, cocco e biacca, / indaco, legno lucido e sereno, / fresco smeraldo in l'ora che si fiacca...

[4] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 379.30: Biacca si fa di piombo, e vuol essere bianca e non livida, in colore di piombo, e suoi panellini vogliono essere sani e none spezzati; e quanto Ŕ pi¨ salda e pi¨ bianchi i suoi panellini, tanto Ŕ migliore per vendere e per travasare d'un paese in altro.

[5] Ricette bologn., XIV pm., pag. 264.4: Toi sugo de piantagene, mucillagene, psillio de šascaduno unša meša e olio violaceo unše ij, aceto unša meša, cera, biacha che basti e fašasse lo ceroto e cosase tanto che llo sugo e l'aceto se consumi. Uno altro a š˛.

[6] Piero Ubertino da Brescia, p. 1361 (tosc.), pag. 20, col. 2.7: et poni insulla fronte e tempie carta banbagina forata a minuto e ispargivi suso biaccha trita e albume d'uovo intriso come a cci˛ si conviene, e Ŕ fine cura, exprovato.

[7] Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.), pag. 39.8: - Tolgli IJ once d'olio d'uliva; e quando chomincia a bolire, mettevi due once di biacha, e bolla pocho...

- Locuz. nom. Biacca della treccia. || Cfr. Evans, Pegolotti. Pratica, s.v. biacca.

[8] Zibaldone da Canal, 1310/30 (venez.), pag. 78.16: Item la blacha de la dreša sý Ŕ la mior blacha che sia.

[9] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 293, col. 2.16: Bambagio filato tinto Balsimo Biacca mezzana Biacca della treccia Bituro fresco...

- Locuz. nom. Biacca cruda.

[10] Doc. pist., 1354, pag. 57.17: Item demo a Riciardo spetiale per libre octo e oncie due di biachacruda a soldi tre denari sey la libra...

- Locuz. nom. Biacca mezzana.

[11] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 208.8: Biacca mezzana, chi vende soldi 8 del barile.

- Locuz, nom. Biacca sottile.

[12] Pegolotti, Pratica, XIV pm. (fior.), pag. 208.7: Biacca sottile, chi vende soldi 8 del barile.

[u.r. 24.04.2019]