CALCIO (1) s.m.

0.1 caici, calce, calchi, cali, calcio, cauchi, cazi.

0.2 Lat. calx, calcem (DELI 2 s.v. calcio 1).

0.3 Novellino, XIII u.v. (fior.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Novellino, XIII u.v. (fior.).

In testi sett.: Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311.

In testi mediani e merid.: Anonimo Rom., Cronica, XIV; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.).

0.5 Locuz. e fras. dare dei calci al rovaio 1.5; dare un calcio 1.1; gettare calci 1.1; mettere mano a calci 1.4; ricevere calci 1.2; trarre i calci 1.3.

0.6 N L'antrop. Calci(n)ventri att. in un doc. lat. lucch. del 1154: GDT, p. 131, s.v. calcio.

0.7 1 Colpo scagliato con il piede o sferrato con la zampa. 1.1 Fras. Dare un calcio, gettare calci. 1.2 Fras. Ricevere calci. 1.3 Fras. Trarre i calci. 1.4 Fras. Mettere mano a calci: iniziare a scalciare. 1.5 Fras. Dare dei calci al rovaio: venire impiccato.

0.8 Paolo Squillacioti 28.09.2001.

1 Colpo scagliato con il piede o sferrato con la zampa.

[1] Stat. sen./umbr., 1314/16, cap. [64], pag. 29.21: E se alcuno percoter alcuna altra persona con pungno, mano, gotata overo calce ne la faccia, overo dal guo in su con efusione di sangue, sia punito per ciascheduno et per ciascheduna volta et per ongne pungno, calce o percussione overo boccata, in VI lb. de denari cortonesi.

[2] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), cap. 36, pag. 597.4: Fannusi multi e diversi suprossi in li gambi di lu cavallu per diversi caxuni, li quali veninu a ll'ossu di li gambi a la fiata pir caxuni di firita di cavallu, altru di calchi, et a la fiata quandu da calchi in alcunu duru locu...

[3] Giannozzo Sacchetti (ed. Sacchetti), a. 1379 (fior.), Mentr'io d'amor pensava, 55, pag. 88: O messer Moro, - dov' Saccomanno? / Egli ha 'l malanno - d'un calcio di cavallo.

[4] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 102, pag. 217.5: se lesion di la fala ne p(er) urtatura d(e) duro loco, voi p(er) calce, radace tucto lu loco d(e) lu tumore...

[5] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 108, pag. 224.17: Fase ancora i(n) de le gambe dellu c. m(u)lti sup(ra)ossi gn(er)ati p(er) div(er)se accasuni: alcuna fiata se gn(er)a p(er) c(o)lpo d(e) calce, alcuna fiata p(er) feruta, alcuna fiata p(er) opp(re)ssione d(e) alcunu duro loco, alcuna fiata p(er) humor(e) viscuso co(r)rente.

1.1 Fras. Dare un calcio, gettare calci.

[1] Novellino, XIII u.v. (fior.), 94, pag. 338.3: Il lupo si fece sotto e guardava fiso. Il mulo trasse e dielli un calcio tale, che l'uccise.

[2] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 37, pag. 124.31: Adimurandu unu pocu kistu previte in la oratione, killu ki li divia tallare la testa s lu tuccau cum lu pede, danduli unu cauchi, e dxilli: 'Lvate et aginochate in terra, e stendi la testa!'.

[3] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 18, pag. 201.15: Lo cavallo, feruto nello pietto de lancia, iettava caici, e s spesso che, non potennose mantenere a cavallo, cadde per terra.

[4] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 143, S. Leodegario, vol. 3, pag. 1253.5: E 'l cavaliere superbo ed arrogante, quando fu venuto l, grid dando uno calcio al corpo del santo...

1.2 Fras. Ricevere calci.

[1] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), Di la lesiuni..., cap. 29, pag. 593.43: Aveni si la lesiuni oi inflaciuni esti pir ki lu cavallu fera in alcunu locu duru, oi k richipa calchi di alcunu cavallu.

1.3 Fras. Trarre i calci.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 22.12, pag. 204: Z, chi d donca falir / ni trar <li> cazi in contra so Ser?

1.4 Fras. Mettere mano a calci: iniziare a scalciare.

[1] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 10, pag. 186.21: Ma Eneas, videndu zo et incrixenduli aviri tantu adimuratu, strinsisi a la bactagla; et cum sua asta feri in testa di lu cavallu di Mezenciu, per modu ki lu cavallu, non [si] putendu plui regiri, misi manu a cauchi et sbactendu si travirsau supra li autri cavaleri.

1.5 Fras. Dare dei calci al rovaio: venire impiccato.

[1] Boccaccio, Decameron, c. 1370, II, 2, pag. 84.14: Per la qual cosa Rinaldo, Idio e san Giulian ringraziando, mont a cavallo e sano e salvo ritorn a casa sua; e i tre masnadieri il d seguente andaro a dare de' calci a rovaio.

[u.r. 21.09.2022]