INVEZZARE v.

0.1 ambizandu, ambizari, ambizarli, ambizassi, ambizasti, ambizati, ambizau, ambizavanu, ambizzata, ambizzati, enveša, imbezatu, imbiza, imbizari, imbizassiru, imbizatu, imbizau, imbizzari, inbizari, inveša, invezza, invezzalo, invezzano; f: invezzato.

0.2 DEI s.v. invezzare (lat. *invitiare). || Ambrosini, Stratigrafia, p. 84 include fra gli ispanismi la forma sic. imbizari (non senza manifestare dubbi, cfr. p. 38).

0.3 Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.): 1.1.

0.4 In testi tosc.: Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.).

In testi sic.: Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.5 Si sono riportate al lemma le forme del sic. ambizari, intese come frutto di ricostruzione non etimologica dell'atona in aferesi.

0.6 0.7 1 Abituare (anche rifl.). 1.1 Invezzare di: Indurre qno a fare qsa (anche rifl.). 2 Apprendere. 3 Insegnare. 3.1 Rendere edotto, educare.

0.8 Roberta Cella 27.09.1999.

1 Abituare (anche rifl.).

[1] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 1, cap. 4.28, pag. 29: E [[la fanciulla]] ssia nel suo mangiare / Ordinata e cortese, / E bea poco, e quello sia tenperato; / ChŔ como ella s'invezza, / Cosý vuol poi durare: / E quanto che nell'uomo / L'ebriare stia male, / Sta nella donna troppo pi¨ villano.

[2] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), pt. 13, cap. 2.50, pag. 324: Invezzalo [chi] a ddormir colgli occhi chiusi, / E pi¨ ancora se per li giardin dorme; / Per˛ che cierti vidi, / Che llor dormendo gli aciecar gli corbi...

[3] f Storia di Manfredi imperatore di Roma, XIV: Noi credevamo che diventasse un buon uomo, ma tu l'avevi invezzato alli spinelli e a' buoni bocconi ghiotti, sicchÚ non se ne seppe mai rimanere, e innamicossi con una fante e nollo potemmo rimenare. || GDLI s.v. invezzare.

1.1 Invezzare di: Indurre qno a fare qsa (anche rifl.).

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 39, pag. 132.14: Ma, cierto neuno farebbe ma' vendetta, se ogn'uomo guardasse ad quello che ne pu˛ intervenire, et cosý neuno malificio si punirebbe. La qual cosa de' essere, perci˛ che molti beni provengono de la vendetta; perci˛ che' ma'fattori s'uccidono, e gli altri si ne spaventano sý, che giÓ mai non si [invezzano] di far cota' cose.

[2] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 39.17, vol. 1, pag. 265: Lass˛ richeša, grandeša / k'era de grande valore, / e prese aspreša ke sprecša / vanagloria e baldore: / volse besseša k'enveša / de salir a grand'altore. / Per tale via volse gire / ad alto Dio servire: / monaco devenne regulato.

2 Apprendere.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), Proemio, vol. 1, pag. 10.6: Lu prohemiu di lu Valeriu Maximu. [E]u ayu urdinatu di esligiri et disflurari li facti et li dicti di la citadi di Ruma et di l'altra genti furistera li quali su digni da aricurdari, eslitti da nobili auturi, scritti da issi cusý diffusamenti que non se ponnu cannussiri in brevi tempu, a ch˛ que quilli qui li vurannu ambizari non ci travalginu troppu longamenti.

- Imparare attraverso lo studio, assimilare una scienza e farla propria.

[2] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 8, cap. 7, vol. 2, pag. 164.7: Ma Plato, lu quali appi per sua patria Athene et appi per so mastru Socrati, et locu et homu habundantissimu di dutrina, et instruttu eciandeu issu Plato di habundancia di divinu ingeniu, essendu iÓ riputatu lu pl¨ sayu homu di lu mundu de guisa que, si eciandeu issu Jupiter fussi statu dissisu da lu celu, non pariria que issu usassi di pl¨ nobili nýn di pl¨ beata eloquencia, andau in Egyptu ad ambizari da li preveti di quilla genti li multi et diversi numeri di geometria per observancia di celestiali rasuni.

[3] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 8, cap. 7, vol. 2, pag. 166.14: Adonca credenduse [[Socrati]] sempri poviru ad ambizari, issu se fici rikissimu ad insignari.

[4] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 8, cap. 7, vol. 2, pag. 167.5: Eciamdeu a ti, Cleanti, lu quali ambizasti con sý grandi travalyu et insignasti cussý pertinacimenti la tua sapiencia, la divinitati di issa la industria ti sguardau. Con z˛ sia cosa que tu, essendu juvini, guadagnavi con que tu putissi sustentari la vita tua lu jornu ad audiri et ambizari li amagistramen[ti] di Crisippi, lu quali insignau li soy discipuli con attenta sullicitudini fin a li LXXX anni. Ca per dubla fatiga tu occupasti lu spaciu di unu seculu, lassandu in dubiu qual tu fusti melyuri oy discipulu oy mastru.

3 Insegnare.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 6, cap. 9, vol. 2, pag. 101.31: Ma Dyonisiu di Saragusa, con z˛ sia cosa que issu avissi pilyatu pir nomu di hereditati da so patri la tyrannia di li Saragusani et quasi di tucta Sycilia, segnuri di grandissimi rikizi, duca di multi exerciti, rigituri di navilij, putirusu di homini a cavallu, per puvirtati ambizau litiri a li citelli [de Chorinthu]; et in quillu tempu per sua cussý grandi mutaciuni issu amunestau li grandi homini que nullu homu cridissi troppu a la fortuna, ca la fortuna lu gabbau, facendulu di tyrannu mastru di citelli.

3.1 Rendere edotto, educare.

[1] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 1, cap. 6, vol. 1, pag. 41.32: Intandu li mesagi, commu qui avissiru ch˛ que aviannu desiyatu, arenderu gracij a li Epidauri et ambizzati da li sagi di lu cultu et di la reverentia que devianu fari a lu serpenti, se sferaru et parteru da locu cun grandi alegria. Et avutu bonu ventu et prosperu viaiu, poy que issu chicaru ad Attiu, lu serpenti lu quali per tuttu lu viaiu era rimasu a la galea, scurrendu a la ntrata di lu templu circundau una dattulara multu alta qui era loco e stitinci tri iorni; e locu li davanu a maniari commu avianu acustumatu con grandi pagura di li legati nin per aventura issu non vulissi riturnari a la galea.

[u.r. 06.02.2007]