ACCIOCCH╔ cong.

0.1 a cci˛ c', a cci˛ ch', a cci˛ che, a cci˛ ke, a cšo ke, a ci˛ ch', a ci˛ che, a ci˛ ched, a ci˛ k, a ci˛ ke, a ci˛ que, a cioe che, a ciokÚ, a šo ch', a š˛ ch', a šo che, a š˛ che, a šo chi, a šo k', a šo ke, a šo ki, a šoe che, a czo chi, a czo ky, a zi˛ che, a zo ch', a zo che, a z˛ che, a zo chi, a z˛ ke, a zo ki, a zo ky, a z˛ que, acci˛ c', acci˛ ca, acciˇ ch', acci˛ ch', accio che, acci˛ che, ašši˛ che, accio k', acci˛ ke, accioc', acciocch', acciocche, acciocche', acciocchÚ, acciocchŔ, aššiocchÚ, acciochÚ, acciochŔ, acci˛che, accioe ch', acci˛e che, acc˛ ch', acc˛ che, acš˛ ke, acš˛ ki, aši˛ ch', aci˛ ch', aci˛ che, aši˛ che, aci˛ chi, aci˛ ke, aši˛ qu', aci˛ qu', aciocchÚ, acioch', aciochÚ, aciochŔ, aciok', aciokÚ, aš˛ ca, ac˛ ch', ašo ch', aš˛ ch', ac˛ che, aš˛ che, aš˛ k', aš˛ ke, ašˇ ke, aš˛ q', aš˛ qe, aš˛ qu', ašoch', ašochÚ, ašochŔ, aš˛e ch', ašoe che, aš˛e che, ašoŔ che, acz˛ che, acz˛ chi, acz˛ ki, ad zi˛ che, ad z˛ che, ad z˛ qui, adcci˛ che, adci˛ che, adciochÚ, adciochŔ, adš˛ ch', adšochÚ, adz˛ che, aggi˛ che, az˛ ch', az˛ che, azˇ chel, az˛ k', azˇ k', az˛ ke, azˇ ke, az˛ ked, az˛ ki, azocchÚ, azochÚ, azoe che, azoký.

0.2 Da a, ci˛ e che.

0.3 Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.): 1.

0.4 In testi tosc.: Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.); Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>; Stat. prat., 1295; Stat. sen., 1295; Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.); Stat. pist., 1313; Doc. sang., 1316; Doc. volt., 1322; Stat. cort., a. 1345; Stat. collig., 1345; Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.); Stat. castell., a. 1366; Doc. amiat., 1370 (2).

In testi sett.: Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.); Pamphilus volg., c. 1250 (venez.); Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Lett. ver., 1297; Doc. venez., 1306; Doc. bologn., 1287-1330; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Doc. gen., 1352; Doc. friul., 1360-74; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Poes. an. urbin., XIII; Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Stat. tod., 1305 (?); Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.); Stat. assis., 1329; Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Doc. perug., 1335; Doc. ancon., 1345; Stat. viterb., c. 1345; Stat. casert., XIV pm.; Lett. napol., 1356; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Stat. palerm., 1343; Stat. catan., c. 1344; Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Di solito ha valore finale quando introduce un verbo al cong., e causale quando regge un verbo all'indic. (sull'uso causale cfr. Frenguelli, CausalitÓ , pp. 264, 417). Acci˛ e che possono anche comparire separati in costrutti con iperbato.

0.7 1 [Con valore finale:] affinchÚ, allo scopo che, perchÚ. 2 [Con valore causale:] poichÚ, dal momento che. 3 [Con sfumatura consecutiva:] di modo che. 4 [Con sfumatura concessiva:] benchÚ, malgrado. 5 [Con valore condizionale:] purchÚ, a condizione che.

0.8 Ilde Consales 18.02.2004.

1 [Con valore finale:] affinchÚ, allo scopo che, perchÚ.

[1] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 14 (54), pag. 240.32: denno removere e t(er)minare le podestÓ dando tra sÚ aitorio e (con)selglo aš˛ ch'elli possano cognoscere la veritÓ...

[2] Bonagiunta Orb. (ed. Parducci), XIII m. (lucch.), disc. 1.26, pag. 67: or'Ŕ la stasione / di far messione, / a ci˛ che sia conforto / lo tempo, ch'Ŕ passato...

[3] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Venus], pag. 37.16: dando a lor de bele done e de bele šoie, aš˛ q'eli dibia ala fiada e sempremai reportar bone parole de ti...

[4] Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.), 71, pag. 421: chi Ó fioli li castigi per rasone, / a zo che no li pechi per vostra cassone.

[5] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De falsis excusationibus, 226, pag. 185: tu perdonar devrissi / A quii ke t'ßn offeso, az˛ ke tu po´ssi / Recev in paradiso li tesor...

[6] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 2, cap. 1, pag. 64.19: se dea menare ennanti la bestiallia, a ci˛ cheĚ lla se possano vedere tutta ennanti...

[7] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De doctrina, cap. 3: Et Salam˛n disse: no(n) riprehendere lo schiernitore acci˛ che elli no(n) t'abbia in odio...

[8] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 1, cap. 5, pag. 10.24: Unde il filosofo dice: che acci˛ che l'uomo sia iusto, non basta solamente che elli faccia le opere della iustizia...

[9] Stat. prat., 1295, pag. 451.10: l rectore sia tenuto di fare celebrare [[...]] una messa spetiale p(er) l'anime di coloro che [[...]] sono stati di questa Compag(ni)a, acci˛ che (Ges¨) (Cristo) faccia loro grande mis(er)icordia.

[10] Stat. sen., 1295, cap. 38, pag. 30.18: debba pregare e' frategli che vadano a la casa de la detta Compagnia, acci˛ che ella si mantenga e cresca di bene in meglio.

[11] Lett. ver., 1297, pag. 537.14: vui debiay [[...]] far sÝ che la vexenda che vui savÝ debia naro ' affecto aš˛ che possa entraro en cassa mia.

[12] Poes. an. urbin., XIII, 30.7, pag. 605: Avevame formato a sSua similla / per gran benegnetate, / acš˛ ke fosse de la Sua familla...

[13] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 41.18, pag. 145: Acci˛ che ella avesse en che essercetare, / tutte le creature, per lei volse creare...

[14] Stat. tod., 1305 (?), pag. 280.16: degano essere correcti secondo como ad lui parrÓ: e ad ci˛ che nui siamo firmi e constanti...

[15] Doc. venez., 1306, pag. 45.31: e farli quelo che elo li deveva far aš˛ che elo podese andar a vadagnar e far ben.

[16] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 24.13, pag. 383: i' le ricevo e questo don ti faccio, / acci˛ che le tue opere sien certe...

[17] Stat. pist., 1313, cap. 9, pag. 184.24: acci˛ ke la reverentia [[...]] si possa p(er) ciascuno tempo obs(er)vare e mantenere, ordiniamo ke...

[18] Doc. sang., 1316, pag. 146.28: a cci˛ che tu non ci oblighi in pi¨ avemo questa lettora facta registrare.

[19] Doc. volt., 1322, 4, pag. 15.6: cosý debbiate provedere, delibberare et stanšiare a cci˛ che cotale forša et iniuria non mi sia facta...

[20] Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.), pag. 384, col. 2.26: Desideravano questoro che Roma avesse mutamento de stato, acz˛ che tollere potesse latrugio.

[21] Stat. assis., 1329, pag. 162.2: Apparve la gratia de Dio nostro salvatore a tucti gl'omine, amaestrante nuy, aci˛ che [[...]] piatosamente viviamo en questo seculo...

[22] Doc. bologn., 1287-1330, [1330] 12, pag. 74.31: a šoe che tute le predite choxe foxeno in luxe a šascaduno [[...]] manefesto che la predita cˇnpara de la predita peša de tera [[...]] veraxemente eio le fei...

[23] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 1578, pag. 394, col. 1: acci˛ che sia tua laude, / per lu meo amore exaude...

[24] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), pt. I, cap. 3, pag. 612.29: E per˛ si volle mostrare visibilmente, acci˛ che noi non avessimo scusa...

[25] Doc. perug., 1335, pag. 26.26: fece bugliare el dicto Corso alla chiana [[...]], acci˛ che il dicto malefitio non se sapesse...

[26] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 1, cap. 8, pag. 22.3: Deu cussý li avi ordinati, lj cosi predestinati, a zo ki vegnano per orationi de li sancti...

[27] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 3, pag. 11.30: E ašoch'ela se possa meglio veše' e cognosse', pigliamo exempio e semeglianza d'altre cosse terrenne e corporal...

[28] Stat. palerm., 1343, cap. 6, pag. 15.9: nin sia scriptu a lu libru di li morti di la nostra cumpangna, az˛ ki di tali homu non sia memoria intra di nui.

[29] Stat. catan., c. 1344, cap. 7, pag. 37.18: sia sollicitu providiri in la casa omni altru urgagnu oy cosa necessaria, aš˛ ki in lu monasteriu si poza fari omni cosa quietamenti...

[30] Stat. cort., a. 1345, cap. 3, pag. 130.8: la loro vita sia buona et honesta, acci˛ che de loro a veruna persona non sia scandalo...

[31] Stat. collig., 1345, cap. 10, pag. 11.29: TS a cci˛ che aĚ rectore dela decta universitÓ pi¨ divota mente sia obedito, [[...]] nel suo officio fare per vigore del suo officio possa...

[32] Doc. ancon., 1345, pag. 234.14: acciochÚ per nigiuno modo neuno scandulu possa nascere, a la infrascripta concordia [[...]] pervennero...

[33] Stat. viterb., c. 1345, pag. 158.42: da qualunqua priete si vane a co(n)fessare, che ci deia menare uno oi dui di quelli dela fraternitade acci˛ che ne pošano fare testimonia[n]ša al predecti officiali.

[34] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 37, pag. 3: dime, Raina, quanto [[...]] fo quel dolor ch'el chuor t'avea sý colto; / a zo ch'io posa sempre planzer tiego...

[35] Stat. casert., XIV pm., pag. 61.18: lo dica ad tucti li mastri, overo ad uno, acz˛ chi ip(s)i (et) l'altre fratelle pregano Dio chi lo mande sano et salvo...

[36] Doc. gen., 1352, pag. 23.39: abiando in le terre de lo dito Rey, chi sum a la marinna, aparegiao refrescamento per le nostre garee, az˛ che per defecto de victualia le nostre galee no perdesem lo tempo...

[37] Passione cod. V.E. 477, XIV m. (castell.), 498, pag. 53: Veghiate, dico, e orate, / aš˛ ke voi non entrate / in nulla intentat´one...

[38] Lett. napol., 1356, 4, pag. 128.12: sig(ni)ficarimo ad voy si farimo la via de Melfe o de Troya, acz˛ che p(er) voy (et) nuy se pocza dare bono fine...

[39] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 5, pag. 14.16: et zo fichi quistu Ugu, a zo chi quistu missagiu nunciassi a li soy grechi compagnuni...

[40] Stat. castell., a. 1366, pag. 120.30: Et a cci˛ che noi ne siamo essauditi, diremo devotamente engenochioni uno paternostro et una avemaria.

[41] Doc. amiat., 1370 (2), pag. 106.4: el metter˛ i(n) tenuta d'esso luocho, acci˛ che si veggia l'artacione a voi reportata.

[42] Doc. friul., 1360-74, [1373], pag. 191.27: pan prendi ogno dý azˇ chel no gisisin de lavoro...

[43] Laud. Battuti Modena, a. 1377 (emil.), 4.1.48, pag. 12: A la soa madre nu direm una sal¨, / aš˛ ch'ela prega lo so fiolo per nu.

[44] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 56, pag. 284.6: l'una fei per quelo chi moriva e l'atra per quelli chi remaneam, ac˛ che a quelo l'amaritudem de la morte cosý descunsorÔ purgase...

[45] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 2, pag. 219.13: dibij honorare to pare e toa mare aš˛ che la vita toa sia longa...

[46] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 142bis, pag. 283.18: Acci˛ ch(e) la i(n)flat(i)o(n)e voi lu to(m)more stu(m)medisca [[...]], facci cotale emplasto.

2 [Con valore causale:] poichÚ, dal momento che.

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 23.13: dalla prima, a questi che viveano bestialmente paresser gravi amonimenti di vivere a ragione et ad ordine, acci˛ ch'elli erano liberi e franchi naturalmente e non si voleano mettere a signoraggio...

[2] Novellino, XIII u.v. (fior.), 2, pag. 128.17: Il cavallo conobbi a latte d'asina esser nodrido [[...]], acci˛ ch'io vidi che avea li orecchi chinati, e ci˛ non Ŕ propia natura di cavallo.

3 [Con sfumatura consecutiva:] di modo che.

[1] Ingiurie lucch., 1330-84, 216 [1369], pag. 62.13: che mo(r)to fusse a ghiado chi ti tagli˛ il viso (e) cav˛ti l'occhio che non t'Óe tagliato l'altro lato acci˛ che t'avesse cavato l'altro occhio.

4 [Con sfumatura concessiva:] benchÚ, malgrado. || Pu˛ derivare da un valore causale originario quando la reggente presenta una negazione. Cfr. Elgenius, Concessive, p. 218.

[1] Guittone, Lettere in prosa, a. 1294 (tosc.), 25, pag. 307.28: acciochÚ pluzor sono che solamente a' grandi amaran piacere e de' minore non pregian piacere, non pregio; ma io non dico boni minori nŔ grandi...

[2] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 9, cap. 13, pag. 669.14: tu, cupidezza di vivere, constringesti di spandere lagrime Serse re per la giovanaglia armata di tutta Asia, a ci˛ che morire doveva infra cento anni.

[3] Bibbia (05), XIV-XV (tosc.), Sal 108, vol. 5, pag. 468.4: hanno me circondato con parlari odiosi, e combattuto contra di me senza cagione. [4] Per quello acci˛ che mi amassero, dicevano male di me; ma io orava.

5 [Con valore condizionale:] purchÚ, a condizione che.

[1] Guittone, Lettere in prosa, a. 1294 (tosc.), 25, pag. 305.4: E come dicie Sapiente alcuno: źLicite sono divisie, acciochÚ tre cose vi siano: prima, che giustamente siano accattate...

[u.r. 31.07.2019]