DAZIO s.m.

0.1 daš, daci, daši, dacie, dacii, dacio, dašio, dašo, dathio, datii, datio, dazi, dazţ, dazii, dazio, dazj, dazo, dazzii.

0.2 Lat. datio (DELI 2 s.v. dazio).

0.3 Patto Aleppo, 1225 (ven.): 1.

0.4 In testi tosc. e corsi: Doc. sen., 1235; Doc. pist., 1240-50; Doc. prat., 1275; <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>; Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.); Doc. volt., 1329; Doc. aret., 1337; Pietro dei Faitinelli, XIV pm. (lucch.); Doc. cors., XIV.

In testi sett.: Patto Aleppo, 1225 (ven.); Doc. bologn., 1287-1330; Stat. venez., c. 1330; Supplica Fraglia Merzari, 1374 (vicent.).

In testi mediani e merid.: Stat. perug., 1342; Doc. ancon., 1345; Doc. castell., 1361-87; Gloss. lat.-eugub., XIV sm.

0.5 Locuz. e fras. dazio alla stadera 1; dazio della stadera 1.

0.6 N Consulenza di Federigo Bambi.

0.7 1 [Dir.] [Econ./comm.] Imposta sulle merci in entrata o in uscita da un det. territorio. 1.1 Fig. Azione o persona fastidiosa. 1.2 Luogo dove si controlla l'entitÓ della merce in entrata o in uscita per stabilire l'imposta dovuta. 2 [Dir.] Tipo di imposta diretta. 3 Estens. Ogni tipo di imposta.

0.8 Marco Berisso 15.06.2004.

1 [Dir.] [Econ./comm.] Imposta sulle merci in entrata o in uscita da un det. territorio.

[1] Patto Aleppo, 1225 (ven.), pag. 40.18: Cum š˛ fose cosa ke meser Pero ăian, dux de Venexia, avese mandao lo nobel homo Tomasino Foscarino cum soe letere per so mesašo in l'ano sovrascrito a meser *** lo soldan d'Alapo, per tractar e ordenar cum lui ensemble de queli dacie li qual solevano pagar li Veneciani in le soe terre e de altri ordenamenti...

[2] Doc. pist., 1240-50, framm. 1, pag. 60.9: Pagati s. cxij p(er) lo dathio suo, pagoli Vitali Iacopi.

[3] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 9, cap. 22, vol. 4, pag. 352.11: E tutto che fosse grande spenditore del suo avere, sý dee essere guardatore di quello del comune, e salvare e mantenere lo diritto del comune: li dazii, e le giustizie, le signorie, le castella, e le magioni, e ville...

[4] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 29.7, pag. 388: e se Uguccion ti comandasse il dazio, / tu 'l pagaresti senza perentoro.

[5] Doc. volt., 1329, 12, pag. 28.28: Non dichano i ricchi che lo converÓ pagare il dašio, che -l povero pagherÓ nel suo grado.

[6] Doc. bologn., 1287-1330, [1309] 11, pag. 72.21: E che 'l dito comuno meglorarÓ tanto soa conditione et avrÓ tanto de rÚndea che, senša sforšare alchuno so fedelle citaino, containo o seguaxe, de colta, dacio, prestanša o gabella inpore o pagare nÚ afaigare in persone se no in quello e quanto far volese...

[7] Stat. venez., c. 1330, cap. 49, pag. 49.28: Fo preso parte en Gran Conseio che se šonša en lo capitolar deli Camerlengi de Comun che quando quelli che encanta over encanterÓ da mo annanti algun dacio del Comun e no pagerÓ alo termene ordenado, debali enfra tre dý dar p(er) cašudi ali Cataver del Comun.

[8] Doc. aret., 1337, 769, pag. 649.35: E ch'elli e le loro terre e le loro corti sieno im perpetuo exempte da datii, da gabelle e da ogne factione reale e personale, e che in esse possano usare ogne loro rasgione e piena giurisdictione come 'ro piacerÓ.

[9] Stat. perug., 1342, L. 1, cap. 96, par. 1, vol. 1, pag. 319.11: Per lo buono e pacifeco stato del comuno e del popolo de Peroscia statuimo e ordenamo e perpetualmente volemo che s'oserve che da m˛ ennante niuna guerra overo cavalcata per lo comuno de Peroscia contra alcuna citade, castello overo uneversetade overo persona altra, e niuna colta overo datio, enpositione overo prestanša s'enpona per lo comuno de Peroscia...

[10] Doc. ancon., 1345, pag. 235.28: Et similemente promisseno ac furono contenti che li predicti venenti con loro altre merce ac cose ciascheune sý per fortuna de mare sý etiamdio per bono tempo siano liberi ac exempti da ogne datio ac duana ac ciaschesuno altro gravamento de la dicta ciptÓ d'Ancona sý in andare et sý in retornare non discarcando...

[11] <Doc. ven., 1373 (2)>, pag. 137.1: Et dapuo' passando algun tempo, ne priva de quela usanša, montando li daci et gabelle sovra le nostre merchadandie et altre graveše et novitade, fašando omne dý contra le usanše et libertade antige╗.

[12] Supplica Fraglia Merzari, 1374 (vicent.), pag. 259.41: piaša ala segnoria vostra di far scrivro da vostra parto al vostro capotanio, poestÓ e fatoro de Višenša che no il laxo constrenšro a pagaro al dito conduoro dacio alguno...

[13] Doc. castell., 1361-87, pag. 209.12: Scinga dal'Antierla, dý xxij d'agosto, promis(e) a me el datio d(e) s(an) Fiordo entero, ci˛ septe lbr., bemch(Ŕ) esso rest'a dare mo solam(en)te xlv s. p(er)ch(Ú) madonna Anna pag˛ xlv s.

[14] Doc. cors., XIV, 4, pag. 197.18: Et qual datio li fece, talem cartulam ne testavit in mano de Benedecto procuratore de lo vescovato de Nebio.

[15] Gl Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 127.12: Hoc vetigal, lis id est lo datio.

- Dazio alla, della stadera. || Cfr. Rezasco, p. 1127.

[16] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 2, cap. 23.76, pag. 155: Qui non si ponea dazioa la statera / del pan, del vin, del mulino o del sale, / che disperasse altrui com'or dispera...

[2] Supplica Fraglia Merzari, 1374 (vicent.), pag. 259.34: la qual stamegna da buratelli no pagŔ may dacio alguno al dito conduoro nŔ ay soy predecessori, ma solamente Ó pagÓ el daciodela staera.

1.1 Fig. Azione o persona fastidiosa.

[1] Jacopo da Leona, a. 1277 (tosc.), 1.8, pag. 208: Chi gli averebbe dato questo uficio, / ch'ad ogn'om va pognendo dazo e colta?

[2] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 4.8, pag. 26: conosco 'l tale - che l'alma mi tole, / lora s'avešša - 'l spirito ch'Ŕ vaššo, / se vÚ che sale - a quela ch'Ŕ 'l sole, / no teme, diše, - che donna Ŕ dašo.

[3] Ristoro Canigiani, 1363 (fior.), cap. 39.117, pag. 98: Guardisi ben ciascun dal grande strazio / Di costei, che la fa dell'uomo un porco, / E 'mp˛gli ogni gabella, libbra e dazio.

1.2 Luogo dove si controlla l'entitÓ della merce in entrata o in uscita per stabilire l'imposta dovuta.

[1] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 23, terz. 80, vol. 1, pag. 267: PerocchŔ avia in suo cittadinanza / Giudice di Calavra, e 'l Conte Fazio, / ed il Conte Ugolin fioria la danza, / e 'l Conte Ameri, e 'l Conte Anselmo al dazio / era ciascuno, il Giudice d'Alborea...

2 [Dir.] Tipo di imposta diretta. || (Santanni, p. 57).

[1] Doc. sen., 1235, pag. 91.17: Missere Foršore (e) Buonave(n)tura Acši Fabbri iiii lib. p(er) lo dašio di Subilia Pa(n)dolfi. Pogiese (e) Chastellano (e) Aldobra(n)dino tingnitore loro šio xviii lib..

[2] Doc. prat., 1275, pag. 510.8: Ciuffino di messere Romeo p(er) choma(n)dame(n)to de' chapitani (e) p(er) volo(n)tade di messere Tieri giudice dell'apellagione stette a ffare (e) a rrivedere, chol detto messer Tieri, a vedere tute le ragioni de' daši di tute le porte (e) a(n)che de' richoglitori de' difetti...

3 Estens. Ogni tipo di imposta.

[1] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 141, pag. 532.18: e appresso fa andare il bando per tutti i paesi, che qualunque persona vi volea andare ad abitare, ch'egli fosse salvo e libero d'ogni gabella o vero dazio per X anni.

[2] Pietro dei Faitinelli, XIV pm. (lucch.), 14.8, pag. 434: messo di gabellier pi¨ non mi cita, / nÚ per lo dazio temo di piccone.

[3] A. Pucci, Centiloquio, a. 1388 (fior.), c. 34, terz. 55, vol. 2, pag. 116: Quando il Re Carlo si venne a partire, / gridava il popol, che scemasse il dazio, / mad e' non volle, e non potŔ udire.

[u.r. 23.01.2022]