ARROBATORE s.m.

0.1 arobaor, arrobaor, arrobaturi.

0.2 Da arrobare.

0.3 Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311: 1.

0.4 In testi sett.: Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311.

In testi mediani e merid.: Destr. de Troya (ms. Parigi), XIV (napol.).

0.5 Locuz. e fras. arrobatore di strada 1.1.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Chi si impossessa (con la violenza) dell'avere altrui. 1.1 Locuz. nom. Arrobatore di strada: rapinatore dei viaggiatori, brigante.

0.8 Rossella Mosti 02.02.2005.

1 Chi si impossessa (con la violenza) dell'avere altrui.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 14.441, pag. 168: L'altro parese in zo, / chi fa per forza l'altrui so. / In questa peccam li arrobaor...

[2] Destr. de Troya (ms. Parigi), XIV (napol.), L. 32, pag. 279.10: Inde li quali iuorni Dyomedes fece grande prodece de la soa persona et occise multi delli nemici delli Troyani, e multi nde prese, e quanta nde potea prendere mantenente li facea appiccare tutti alle alte forche, s commo piessimi latroni et arrobaturi...

1.1 Locuz. nom. Arrobatore di strada: rapinatore dei viaggiatori, brigante.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 14.454, pag. 168: Chi a li soi procura dano / no segnor, ma tirano: / assai son pezor in veritae / che li arrobaor de strae.

[2] Tratao peccai mortali, XIII ex.-XIV m. (gen.), De la rapina, vol. 1, pag. 99.27: Li t(er)i som arobaorde le strae, chi arobam ly rom e lli mercanti e ogni persone chi vegnam in lor maym.

[u.r. 10.09.2008]