AGREZO s.m.

0.1 agrešo, agreggio.

0.2 Da agrezar.

0.3 Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342: 1.

0.4 In testi sett.: Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Gasparo da Verona, XIV (ver.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Stimolo tormentoso; tormento (fisico e morale).

0.8 Rossella Mosti 14.02.2005.

1 Stimolo tormentoso; tormento (fisico e morale).

[1] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 24, pag. 117.25: [13] Grande agrešo daxeva quel gran grešo al dolce Yesu Cristo che tosto el gli menasse al celestial regno a quelle nobel sedie e spiritual maxon tanto dexirae.

[2] Gasparo da Verona, XIV (ver.), 4b.5, pag. 17: Quando doi gran noachier prende ripreggio, / et se consilian per grand'agonia, / l'Ŕ pur chiar segno che nova albasia / vegian in l'aire adversa al suo pareggio. / Et non mi penso che per poco agreggio / franco cor tremi et perda vigoria; / per˛ temo a la crisis, che vi svia, / che la non croli il temo al suo charegio.

[u.r. 13.06.2007]