AMOREGGIARE v.

0.1 amoreša, amorešava, amorešša, amorišar, amorisare.

0.2 Da amore.

0.3 Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342: 1.

0.4 In testi sett.: Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; <Doc. ven., 1371 (10)>.

0.7 1 Trattare con particolare affetto e benevolenza; amare e infondere amore. 2 Onorare (un potente, per timore o per interesse).

0.8 Rossella Mosti 06.04.2005.

1 Trattare con particolare affetto e benevolenza; amare e infondere amore.

[1] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 20, pag. 93.21: [26] Chiam˛ alquanti poveri homi pescaor e grossi d'inšegno senšša ogne letra, fa-gli habandonar quel pocho ch'egli havevan, fa-sse-gli vegnir apresso e se gli amoreša, dÓ-ghe del so' seno...

[2] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 38.324, pag. 266: Unde eo me argumento anco de dire / et di voller che quei che meco a conto / metuto Ói, che lÓ dove eo sum, vešša / la claritÓ che ˛ da te senša conto; / per˛ che avanti, et cossý ognuno crešša, / che creato fosse il mondo, Padre iusto, / la tua divinitÓ sý me amorešša. / Ma de cognosserte non Ónno il gusto...

2 Onorare (un potente, per timore o per interesse).

[1] <Doc. ven., 1371 (10)>, pag. 115.28: nui, cognoscendo la condicione et la iniquitade delo dito Nicola, perš˛ ca intra tutti li altri baroni de Rassa, avegna che tuti sia falsi et iniqui, esso hŔ lo pešor homo, plui arogante et traditore, de presente mandasemo nostri šintili homeni ambassadori al dito Nicola, siando alle dite contrade a nui visine, ad amorisare cum esso et honorarlo per lo mellor muedo che savessemo et podessemo.

[u.r. 17.06.2007]