CORREGGIA (1) s.f.

0.1 choreša, chorecie, chorešie, chorege, choregia, choriegie, coreša, corešša, coreše, corege, coregge, coreggia, coreggie, coregia, coregie, coreza, correša, correge, corregge, correggia, correggie, corregia, corregie, correia, correie, correz, correza, correze, corria, corriga, corrige, corrigi, corrigia, corriia, currigi, currigia.

0.2 Lat. corrigia (DELI 2 s.v. correggia 1).

0.3 Doc. sen., 1263: 1.

0.4 In testi tosc.: Doc. sen., 1263; Doc. fior., 1286-90, [1286]; Doc. fior., 1281-87; Doc. prat., 1296-1305; Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.); Doc. pist., XIV in.; Stat. volt., 1348; Stat. lucch., XIV pm.; Stat. castell., XIV pm; Doc. amiat., 1375.

In testi sett.: Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Cronica deli imperadori, 1301 (venez.); Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.); Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Passione genovese, c. 1353.

In testi mediani e merid.:St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.); Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.); Gloss. lat.-eugub., XIV sm.

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.).

0.5 Locuz. e fras. far corregge d'altrui cuoio 1; levare una correggia 4; perdere la correggia 1.3.1.

0.7 1 Striscia (gen. di cuoio) indossata per lo pi¨ intorno alla vita a scopo ornamentale o per sorreggere o far aderire gli indumenti (usata anche per riporvi oggetti); cintura, cinghia. 1.1 Estens. Il punto del corpo intorno a cui si mette la cintura, vita. 1.2 Striscia di cuoio usata per reggere, fermare, legare insieme oggetti. 1.3 Parte dei finimenti del cavallo. 2 Striscia di cuoio portata intorno al collo come segno di umiltÓ e sottomissione. 3 Striscia di cuoio usata per infliggere punizioni; sferza, frusta. 4 Lembo di pelle (umana). Fras. Levare una correggia: scorticare.

0.8 Milena Piermaria 10.10.2004.

1 Striscia (gen. di cuoio) indossata per lo pi¨ intorno alla vita a scopo ornamentale o per sorreggere o far aderire gli indumenti (usata anche per riporvi oggetti); cintura, cinghia.

[1] Doc. sen., 1263, pag. 352.1: die dare xxvii li. (e) xvi s. di p(ro)ve. nela fiera di Bari in sesagiesimo primo, (e)d avene letera del diano (e) del provosto di Bari, (e)d avene una choregia d'arie[n]to in guagio.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Vita beati Alexii, 6, pag. 290: A soa demandason trea milia fang haveva, / K'avean correz dorae e vestiment de sedha...

[3] Doc. fior., 1286-90, [1286], pag. 146.34: anke per una fibbia de la coreggia di Benuccio, d. iij.

[4] Stat. sen., 1305, cap. 5, pag. 9.6: Anco, che ciascuno frate del detto Spedale sia tenuto e debbia portare a lato a la coreggia o ver centura uno coltellino senza p˛nta a talliare el pane e l'altre cose da mangiare...

[5] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 205.9: le calze de quelli era pendente in fina alle cadechie, alli lazi dele correze, de qua e de lÓ pendando ligade.

[6] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 7, pag. 61.33: Unde nÚ lo correggiaio sa fare le corregge, nÚ lo costore le gonnelle, nÚ li giudici l'officio del giudicare.

[7] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 97.29: onde Dio comand˛ ad Aaron, ch'era prete e vescovo, che tutti suoi figliuoli fossero vestiti di cotte line, e cinti di sopra di corregge bianche di lino.

[8] Armannino, Fiorita (14), p. 1325 (abruzz.), pag. 379, col. 3.14: et mantello sempre usava de portare; cento andava molto in gi¨, con coregia molto larga et forte...

[9] Vita di S. Petronio, 1287-1330 (bologn.), cap. 3, pag. 21.10: Puosa t˛sse l'imperadore una coreša e but˛sella al collo e and˛sseno a l'arcevescovo Ambroxo, digando...

[10] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 27, pag. 130.6: [12] Hi speal hi cimiterij gli atrij hi monumenti hi carnar le chiostre hi monester hi loghi religiosi son tuti memorial ordenai da Spirito Sancto a far cognosser De' e per innamorar gle annime de Cristo, chomo per aregordar-se d'alcuna cosa l'omo se farÓ un gropo a la correša o qualche altro segno chi ghe sia innance a gli oggi.

[11] Stat. volt., 1348, cap. 23, pag. 42.19: che niuno si debba mettere o adoperare o vero tochare la cappa l'uno dell'altro senza la licentia di colui che Ŕ la cappa, ne' la correggia o 'l segno de l'altrui cappa levare...

[12] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), Prologo, pag. 142.17: alla fiata, alquante indeviene incantaresse false blastema e priega male alle mallate che gle viene alle mane, toiando la sua correza o la binda o lla starlera o brage.

[13] Stat. castell., XIV pm., pag. 210.9: Bende et legature de seta non usino, et avere debiano pelli solamente aineline, borscie de coio et coregie senpicimente semša seta cuscite...

[14] Doc. amiat., 1375, pag. 116.23: ci fu tolta a Sien(a) una n(ost)ra co(r)regia d'a(r)gento, et i(n) Sien(a) non potemo trova(r)e di ci˛ rascione.

[15] Framm. Queste Saint Graal, XIV (ven.), pag. 480.21: De le renge de la spada eli se meraveiava molto forte perchŔ una tal spada aveva cotal renge, šoŔ cotal choreša, ch'ela era de stopa de chanevo...

[16] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 54.27: Quelli sollati della compagnia fuoro tutti derobati. Perdiero arme e cavalli. Io ne viddi venire de questi bene da doiciento cinquanta a pede. Tale avea speroni alla correia...

[17] Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.), cap. 5, pag. 9.15: [10] Item la currigia di lu coyru di lu lupu, mentri si porta chinta, quillu ki pati la infirmitati non l'avirÓ.

[18] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 14, pag. 48.26: e disse a la fante: źToi la toa coreša e metigel' al colo del dragone e no avere alcuna paura!

[19] Gl Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 116.5: Hec šona, ne id est la coreggia.

[20] Bibbia (01), XIV-XV (tosc.), Lv 16, vol. 1, pag. 529.14: [4] Egli si vestirÓ della tunica di lino, e porrassi le brache di lino per coprir quelle parti; e cingerassi di correggia di lino, e uno panno di lino si porrÓ in capo...

- [In partic.:] cintura portata intorno ai fianchi per riporvi i denari.

[21] Doc. fior., 1281-87, pag. 19.18: (E) anke de dare s. vij (e) d. vj, i quali diede inn una coreggia che ssi mand˛ a s(er) Iacopo a Roma.

[22] Doc. pist., XIV in., pag. 311.15: Sappie che Bottolo mi dilma(n)da ognia die se tuo li Ói ma(n)data la choregia e la borsa: se no l'Ói ma(n)data, sie la ci ma(n)da lo piuo tosto che tuo puo'...

[23] Fiore, XIII u.q. (fior.), 175.8, pag. 352: źE al pelar convien aver maniera [[...]] Ma faccia sý la madre, o ciamberiera, / Od altri in cui fidar ben si potesse, / Che ciascuna di lor sý gli chiedesse / Paternostri o coreg[g]ia od amoniera.

[24] Stat. fior., 1356 (Lancia, Ordinamenti), pag. 430.19: o poscia quandunque infra sei mesi, porti o mandi o doni o dea, o dare o donare faccia, alcuno velo o borsa o cintura o scarsella o coreggia...

- Fras. Far corregge d'altrui cuoio: essere generosi con la roba degli altri.

[25] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 61.35: come fanno quelle persone che fanno lor limosine di ci˛ ch'elli hanno di rapina, o d'usura, o per altra malvagia maniera, e fanno sovente d'altrui cuoio larghe coreggie...

1.1 Estens. Il punto del corpo intorno a cui si mette la cintura, vita.

[1] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 19, 10-30, pag. 475, col. 1.12: et era et Ŕ sÝ massiša, che nella sua grosseza si Ŕ forami, in li quai s'entra per di sovra, e in quilli entra 'l prete batizatore, e sta llÝ entro fin'a la correza...

[2] Framm. Milione, XIV p.m. (emil.), 10, pag. 510.11: E questo fano per mostrare che elle siano grosse dala coreša in šoxo; e questo Ŕ reputÓ grande beleša in dona in quella contrada.

1.2 Striscia di cuoio usata per reggere, fermare, legare insieme oggetti.

[1] Francesco da Buti, Inf., 1385/95 (pis.), c. 16, 19-27, pag. 429.17: imper˛ che si battevano con le palle del piombo, che pendeano da una correggia che portavano in mano, per percuotere et avvinghiare l'uno l'altro...

[2] Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.), cap. 79, pag. 61.13: A Ěccataru. [1] In prima menti 'tornu lu membru a lu locu so et poi lu liga comu dichi di sucta cum currigi...

- Correggia della chiave, corregia di chiave.

[3] Doc. fior., 1286-90, [1288], pag. 209.5: It. per una coreggia de la chiave de la casa dell'orto...

[4] Doc. prat., 1296-1305, pag. 415.8: It(em) una coreggia di chiave...

- Laccio per chiudere o rilegare libri?

[5] Doc. sen., 1277-82, pag. 256.29: Ancho III lib. et XII sol. i quali demmo a Mariano per fatura i nostri libri et che chostaro le chorege del chuoio et de ligatura de la pechora et le chorege.

- Fig. Legamento (anatomico).

[6] Giordano da Pisa, Pred. Genesi, 1309 (pis.), 7, pag. 83.28: Noi veggiamo in del corpo morto che, stando per dimoransa di tempo, sý ssi dissolve et disgi¨ngensi le membra tutte, per˛ che li panniculi et li nervi che lo tenevano, et cotali correggie picciule che lo teneano, si dissolveno.

1.2.1 [In partic.:] striscia di cuoio usata per chiudere o allacciare; laccio, stringa.

[1] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 20, pag. 104.37: Dicta sta parola, mantanente, sencza ki nullu li tuccassi le corrige de li calczari...

[2] Tristano Veneto, XIV, cap. 291, pag. 263.6: Et quando ello se crete relievar, alora l'Amorato li fiere un'altra fiada per mešo lo elmo sý gran cholpo qu'ello li rompÚ le chorecie e lo elmo li trasse fuora dela testa.

[3] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 81, Nativ. Giovanni Battista, vol. 2, pag. 698.1: Chi di terra Ŕ, di terra parla; ma Cristo che venne dal cielo si Ŕ sopra a tutti╗. Anche dicea: źIo non sono degno di scioglierli la correggia del calzamento suo╗.

[4] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 80, pag. 177.17: Passando uno, che era vestito mezzo bianco e mezzo nero, tutto da capo infino a piede, eziandio coreggia e scarpette; e l'uno disse: źChi Ŕ quello?╗...

[5] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 20, pag. 87.14: ecco colui, del qual eio ve predicava, del qual eio no sum digno desligare la coreša d'i so calšari!...

[6] Bibbia (09), XIV-XV (tosc.), Lc 3, vol. 9, pag. 306.14: [16] rispose Ioanne, e diceva a tutti: io certamente vi battezzo nell'acqua; ma verrÓ il pi¨ forte, la correggia de' cui calzamenti non sono degno da sciogliere...

1.2.2 Estens. Qualsiasi elemento avvolgente usato come rinforzo o come elemento di chiusura.

[1] Doc. sen., 1294-1375, [1346], pag. 217.7: Anco, al maestro Cieffo, operaio sopra a le fonti, per sghonbrare e' lavatoio di fonte Branda de la terra chaduta de l'orto de' frati Predicatori e aconciatura el travito de la ditta fonte, cioŔ ligname, corregie di ferro e magistero e altre cose...

1.3 Parte dei finimenti del cavallo.

[1] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 215.16: E iacea in terra l'anella da longa da le deta e li calšari da longa da li pedi e le ornamenta da longa da lo collo e lo cavallo iacea morto in terra e le correge de lo freno e de la sella da longa iaceano solute in terra.

[2] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), Di la maynera..., pag. 574.2: Et una altra manera di frenu Ŕ dictu a mezu morsu, simiglanti di killu ki Ŕ dictu di supra, cun falci corrigi e plani a lu morsu di lu frenu in modu di anellu fabricatu...

[3] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 34, pag. 79.14: che cavalcava uno cavallo con uno paio di posole di sý smisurata forma, che le loro coregge erano molto bene un quarto di braccio larghe.

1.3.1 Cinghia del freno. Fras. Perdere la correggia: perdere il controllo di sÚ.

[1] Boccaccio, Decameron, c. 1370, VI, 10, pag. 431.18: e avendo la barba grande e nera e unta, gli par sý forte esser bello e piacevole, che egli s'avisa che quante femine il veggano tutte di lui s'innamorino, e, essendo lasciato, a tutte andrebbe dietro perdendo la coreggia.

2 Striscia di cuoio portata intorno al collo come segno di umiltÓ e sottomissione.

[1] Paolino Pieri, Cronica, 1305 c. (fior.), pag. 29.7: In quest'anno li Fiorentini disfecero Poggibonizzi, et vennero li terrazzani prima co le coregge in collo a chiedere mercŔ a' Fiorentini, che nol disfacessero...

[2] Cronaca sen.(1202-1362), c. 1362, pag. 118.23: e molta giente divota andavano schalzi cho' la choregia a la ghola per divozione e per prachare Idio di tanto giudizio.

[3] A. Pucci, Guerra, a. 1388 (fior.), I, ott. 31.4, pag. 197: Il Capitan fe rizzar manganelle, / e con alquante pietre salutollo. / Quando que' dentro sentÝr ta' novelle, / usciron fuor colle coregge in collo, / chieggendo in grazia di campar la pelle, / e 'l Capitan non disse mai, farollo; / mad a Firenze, come quý si canta, / legati ne mand˛ cento cinquanta.

- [In contesto metaf.].

[4] Federico dall'Ambra, XIII ex. (fior.>ven.), 2.14, pag. 234: Dunqua meo core com tanto folleggia / che vole star in sua suggez´one / e del mio greve stato non m'alleggia? / Ma s'el pensasse ben ci˛ che li fe' giÓ / e che presente el fa contra ragione, / mai non si cingerebbe tal coreggia.

3 Striscia di cuoio usata per infliggere punizioni; sferza, frusta.

[1] Novellino, XIII u.v. (fior.), 95, pag. 339.12: źTra'lti╗. Quelli lo si trasse. Rimase ignudo. Li altri discepoli furo intenti con le coregge: lo scoparo per tutta la contrada.

[2] Stat. sen., 1309-10 (Gangalandi), dist. 5, cap. 255, vol. 2, pag. 340.9: et se con scudiscio o vero corregia percoterÓ studiosamente in capo o vero gola o vero collo o vero altra parte de la persona, unde sangue esca, paghi al comune per pena C libre di denari...

[3] Stat. lucch., XIV pm., pag. 73.11: Et se elli serÓ compreso et publicato per certo in quella villa nella quale commetterÓ lo peccato [[...]] con correggie overo verghe durissime sia flagellato et battuto, et sia scacciato da ogni nostra compagnia.

[4] Passione genovese, c. 1353, pag. 35.4: E allaora Cayphas sý fÚ despuglar Criste nuo e sý lo fÚ ligar a una colonna, e sý gue fom de 'ntorno aotri cum correze, aotri cum bastoym, aotri cum channe...

[5] A. Pucci, Tre sonetti, 1362 (fior.), Quando 'l fanciul, 4, pag. 258: Quando 'l fanciul piccolino iscioccheggia / correggil colla scopa e con parole, / e passati i sette anni sý si vole / adoperar la ferza o la coreggia...

[6] Bibbia (08), XIV-XV (tosc.), 2 Mc 7, vol. 8, pag. 588.4: [1] E avvenne che furono pigliati sette fratelli colla madre sua insieme, ed erano costretti dal re contro alla legge di toccar le carni del porco, con percosse e battiture di corregge di pelle di cuoio di bue.

4 Lembo di pelle (umana). Fras. Levare una correggia: scorticare.

[1] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 3, cap. 13, pag. 90.1: Lu re li mandau commandandu ki allu episcupu lu divissi schurchare e levareli una corria de [le] carne, da la testa fine alli pedi, e poy li divissi tallare la testa...

[2] Cavalca, Dialogo S. Greg., a. 1342 (pis.), L. 3, cap. 13, pag. 146.20: Al quale il re crudelissimo comand˛, che al vescovo levasse una coreggia dal capo infino al calcagno e poi gli facesse tagliare la testa...

[3] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 3, cap. 13, pag. 173.25: A lo qua lo re Totila crudelissimo sý comandÓ che a lo vesco si levase inprima una coreša, da la testa tam fin a lo carcagno...

[u.r. 24.12.2020]