DANNO s.m.

0.1 dagn, dagni, dagnio, dagno, damni, damno, dampna, dampni, dampno, dampnu, dan, dando, dangnio, dani, dann', danna, danne, danni, dannj, danno, dannora, dannu, danny, dano, danpne, danpno, dapni, dapnno, dapno, dapnu.

0.2 DELI 2 s.v. danno (lat. damnum).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 6.

0.4 In testi tosc. e corsi: Doc. montier., 1219; Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.); Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.); Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Lett. sen., 1262; Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); x Doc. pist., XIII ex.; Doc. prat., 1305; Doc. pist., 1294-1308; Doc. cort., 1315-27; Doc. volt., 1329; Stat. sang., 1334; Doc. lucch., 1332-36; Doc. amiat., 1370; Doc. cors., 1370.

In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Lett. mant., 1282-83 (?); CaducitÓ , XIII (ver.); Doc. venez., 1310; Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Stat. chier., 1321; Lett. zar., 1325; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.); Doc. moden., 1353; Doc. padov., c. 1375; Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

In testi mediani e merid.: Ranieri volg., XIII pm. (viterb.); St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.); Poes. an. urbin., XIII; Regimen Sanitatis, XIII (napol.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Bosone da Gubbio, Duo lumi, p. 1321 (eugub.); Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Doc. castell., 1354; Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.); Anonimo Rom., Cronica, XIV; Gloss. lat.-eugub., XIV sm.; Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Stat. palerm., 1343; Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Locuz. e fras. a pro e a danno 1.4; a prode e a danno 1.4; conservare senza danno 1.2; conservazione senza danno 1.3; danno di avere e di persona 2.1; danno in avere e in persona 2.1; pena del danno 7.1; pena di danno 7.1; ritornare in danno 6.1; tornare a danno 6.1; tornare danno 6.1; tornare in danno 6.1.

0.7 1 Perdita economica (in denaro o in altri beni materiali) subita da una persona o da una associazione commerciale. 1.1 Condizione miserevole, stato di indigenza? 1.2 [Dir.] Fras. Conservare senza danno: risarcire di una perdita economica. 1.3 [Dir.] Fras. Conservazione senza danno: risarcimento di una perdita economica. 1.4 Locuz. avv. A pro(de) e a danno: dividendo in parti uguali profitti e perdite. 2 Perdita di vite umane e distruzioni materiali inflitte in scontri armati. 2.1 Fras. Danno di (in) avere e di (in)persona: perdita di beni materiali e di vite umane. 3 Nocumento alla vita o alla salute fisica di un uomo o di un animale. 3.1 Deperimento della bellezza a causa delle malattie o dell'etÓ. 4 Devastazione subita da un luogo (spec. un terreno coltivato) per calamitÓ naturali o per azione umana o animale; morýa di una popolazione. 5 Nocumento agli interessi di un popolo, una cittÓ, un paese, una istituzione. 6 Attentato all'integritÓ morale o al benessere spirituale di una persona; afflizione; oltraggio, onta. 6.1 Fras. Tornare (a) danno a qno, (ri)tornare in danno di qno: risultare dannoso, volgere in perdita. 7 [Relig.] Pena eterna o destinazione alla stessa o pericolo di incorrervi. 7.1 [Relig.] Locuz. nom. Pena del, di danno. 8 Rottura dell'integritÓ fisica o deterioramento delle qualitÓ di un oggetto. 9 Depauperamento di un bene immateriale.

0.8 Vinicio Pacca 11.10.2004.

1 Perdita economica (in denaro o in altri beni materiali) subita da una persona o da una associazione commerciale.

[1] Patto Aleppo, 1225 (ven.), pag. 41.17: Et si alcun Veneigo faese robaria o maleficio sovra li homini del soldan, li merchaenti de Venexia non deun sofrir alcun danno.

[2] Lett. sen., 1262, pag. 288.6: credo q(ue) ne sieno dolenti pur asai p(er)sone di q(ue)sto paiese, p(er)q(uÚ) n'avarano grande dano...

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 1: Se tu pur prendi dal'amico (et) di nessuno te(m)po drai lui, la sua amistÓ a rragione perdrai, con ci˛ sia cosa che da te pur da(n)no riceva (et) no(n) guada(n)gno...

[4] Doc. venez., 1310, pag. 67.18: i altri deneri dela conpania cusý vadan a queli et siali dato lo pro tuto con intregitade con lo cavedale et se dano Ěde fose et elo se posa trovar tanto deli me' beni in mobele et in stabele, debia eser pagadi...

[5] Stat. chier., 1321, pag. 349.31: E se alchunna persona, qui fossen de colla compagnya o no fussen, deys o feys alchun mal o iniuria en la persona vo en le cosse de col o de coigl que ne voren fer la ditta pax, que colla tal persona quy averea dayt col mal o iniuria sea extrayt semyglant meynt senša dagn per la ditta compagnya e eciamdee conservÓ.

[6] Lett. zar., 1325, pag. 19.10: E quistu posu dir cun oni viritat, qui maistru Nicola nu mi mandÓ lu rumas de li denari ný litera sua, e s'il perdý li denari, so dan, qui e' fe šo qui 'l mi mandÓ pregandu per sua litera.

[7] Doc. lucch., 1332-36, pag. 119.29: Ancho che alchuno non posa nÚ debiasi obrighare la chonpangnia per suoi fatti propii, e se llo facesse sý sia suo lo danno e per ciaschuna volta sý sia tenuto di dare alla chonpangnia lb. cento.

[8] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 3, pag. 11.2: Altri doncha pensan che a l'omo noxa la grande povertae; altri son chi crean che a l'omo noxa lo dagno de la roba o forza o altra rabia o la morte axerba...

[9] Doc. moden., 1353, par. 52, pag. 203.35: E per le predite chaxon lo dito Cichino defenderÓ e conservarÓ mi Benfona' e le mi rexe e tuti li bem li qua' m'em pervenuto in parte e zaschaduno me' bem interamente senša danno.

[10] Doc. castell., 1354, pag. 116.1: E se se co(n)trafacesse p(er) la p(ar)te del comuno d'Ogobbio, ch'esso comune sia tenuto de me(n)da(r)e al comuno dela citÓ de Castello o(n)gni da(n)pno et i(n)t(er)e(ss)e che ne recevesse.

[11] Doc. cors., 1370, 18, pag. 22.14: et anco le predicte citele, li quali Óno iurato che eli se pensano che le predicte cosse siano lo bene de le predicte femene et noe in soe dano.

[12] Gl ? Gloss. lat.-eugub., XIV sm., pag. 107.8: Hec jactura, re id est lo danno.

1.1 Condizione miserevole, stato di indigenza?

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 583, pag. 23: Lo pover, s'el ß fregio, s'el ß dagn temporal, / S'el mor in pat´entia, va in regn celest´al.

1.2 [Dir.] Fras. Conservare senza danno: risarcire di una perdita economica.

[1] Ranieri volg., XIII pm. (viterb.), pag. 226.13: el tu comparatore (e) le sue redi di q(ue)ste cose sý si (con)servi senšia danno...

[2] Doc. bologn., 1295, pag. 191.23: se per alchun tempo per chasone d'alchun debito che fosse fato per cason de la stašone lo dito ser Bertholomeo avesse alchuna greveša o danno, gli prediti miser Uberto, Francesco e Betušo in solido prometono conservare šenša danno lo predito miser Bertholomeo šenš'alchun plado.

[3] Stat. sen., 1280-97, par. 9, pag. 6.2: faccia quella ricolta a quello principale pagare quello debito al creditore, o fermare la ricolta di trarre e conservare lui senza damno, se richiamo ne farÓ a la corte.

[4] Doc. fior., 1281-97, pag. 531.12: sý mi promise Corselino chacaiuolo e fumene malevadore di conservamine sanza dano...

[5] Stat. pist., 1313, cap. 36 rubr., pag. 196.27: Come l'Opera di Santo Jacopo sia cons(er)vata sanša danno.

[6] Stat. pis., 1321, cap. 28, pag. 214.22: Et se li antecessori miei consuli alcuna cosa, u alcuna di quella cosa la quale al loro officio perterrÓ, dei suoi consillieri consiglio farano, se quinde richiamo a me facto fie, u, sensa richiamo, alcuno impedimento u danno pecuniario quinde avesseno; che loro quinde difender˛ et sensa danno conserver˛.

[7] Stat. prat., 1347, cap. 2, pag. 11.6: E se spese overo danno che di quella lite overo quistione uscise, sieno tenuti e debbiano a quello cotale, overo a quelli cotali che avessono sostenuto lo predecto danno, overo spesa, per parte di tuct'i compagni, sanza danno ne li debbino conservare...

[8] Doc. padov., c. 1375, pag. 46.10: sý promete el dito Zuane p(er) si e p(er) gi soy herey al dito B(er)ton e i soy herey de (con)s(er)varlo senša dano a tuti li soy p(ro)pii p(er)igoli e exspensarie, cu(m) obligaxon de tuti li soy ben en pena de dupio dano (e) i(n)te(r)e(ss)e.

1.3 [Dir.] Fras. Conservazione senza danno: risarcimento di una perdita economica.

[1] Stat. perug., 1342, II.20.3, vol. 1, pag. 383.12: la podestÓ, capetanio overo altre giudece del comuno de Peroscia deggano e siano tenute lo stromento overo estromente de conservagione senša danne, fatte overo le quale se facessero da quegnunque chierco, mandare a executione contra quilla persona overo quille persone la quale avesse recevuta overo recevesse ragione overo actione degl biene de quegnunque chierco, el quale se fosse obigato overo se obigasse, e enstromento de conservagione senša danno fosse fatto overo se facesse da esse medesme persone, le quale ragione overo actione avessero recevute overo recevessero da quegnunque chierco obigato, e cosý a executione siano mandate gle stromenta de le conservagione senša danno contra le dicte persone, le quale l[e] ragione avessero recevute overo recevessero...

1.4 Locuz. avv. A pro(de) e a danno: dividendo in parti uguali profitti e perdite.

[1] Doc. fior., 1262-75, pag. 296.10: po(nemo) ove dovea dare al'atro quadernuccio dela banbasscia, (e)d Ólli da meie a prode, (e) a danno se l'avesse, lo quale Dio li deia loro prode (e) bene.

[2] Doc. pist., 1294-1308, pag. 144.7: Ebbe Buono e Chomucio da me in guardia viij tra pechore ed agnelle ed uno chastrone a mio p(ro)de e da(n)no, a die xxv di sete(n)bre.

[3] Doc. aret., 1335-38, pag. 150.16: Questo dý conparai una cionchola pregnia la q(ua)le diedi en soccio a Michele da Patrignioni a pro e a da(n)no.

[4] Doc. fior., 1372-75, pag. 35.23: E siamo d'acordo tutti e tre sopradetti che sse Idio facesse altro di niuno di noi conpangni, cioŔ il chiamasse a ssŔ, di che Gli piaccia guardarcene, che lle rede di quello tale che venisse meno s'intendano essere e siano et cosý rimanghano conpangni fino finito il detto termine de' tre anni. E chosý s'intendano le rede a pr˛ e a danno chome se 'l principale fosse vivo.

2 Perdita di vite umane e distruzioni materiali inflitte in scontri armati.

[1] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 143.28: E po molta victoria tornando a Rroma recipiero grande dando ne lo mare.

[2] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 5, cap. 8, pag. 291.5: Ma ne' detti malavventurati danni di battaglie, e malavventurati guadagni di vittorie, quanti egli ne periero, duo cotanti ne perdero i vincitori che quelli che fuoro vinti.

[3] Conti di antichi cavalieri, XIII u.q. (aret.), 3, pag. 70.9: Scipione facea stare la gente sua pur dentro da lo stecato, sý che sempre che li Nomanzini veniano a combattere, receveano grande danno con salvezza de la gente de Scipione.

[4] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 242.27: e conz˛ fosse che molto plu paresse esser Sarraxini che Cristiani, in nessun muodo amp˛ se aldegava li Sarrasini choli Cristiani vegnire a batalgia generale, ma, per alguni scaltrimenti, molti senestri o ver danni a quelli faxeva...

[5] Armannino, Fiorita (13), p. 1325 (abruzz.), pag. 12.32: Achille, Aias et Thelamon dicono che melgio Ŕne de far pace poy che Ector facta ebe loro vendeta, multi danni ge Óno facti li grecy per le stasone passate et ben Óne de vendecato loro onta.

[6] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 232.23: se parteo l'oste e pusese presso a la citada d'Areššo [[...]], facendo grande danno de vingne e de case.

[7] Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.), 78, pag. 21: Ungari, Franci e barbar' Allamani / no t'observava treugua ni fidanza, / ma l'un drŔ l'altro, de tri in tri anni, / venia sopra te a guisa d'oste / per rapir e forzare e far to' dampni.

[8] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 19, pag. 90.18: Li Africani rispusiru, excusandusi humilimenti, dichendu chi nullu di la signuria sua divia dubitari chi lu nostru Re non ni mandau per chercari alcuni cursali, li quali fichiru alcunu dampnu in Africa.

[9] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 279, pag. 61: Alcuni delli nostri, como bon cavaleri, / Geroci de baruni et de multi scuderi, / Et cursero la terra, non como battalieri, / Ca danno no vi fecero che vallia dui deneri.

[10] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 9, pag. 54.13: Tornao in Milano con triomfo e granne danno; ca, como ditto de sopra Ŕne, quarantaquattro centinara de perzone moriero, senza li aitri pericolati delle ferute.

2.1 Fras. Danno di (in) avere e di (in)persona: perdita di beni materiali e di vite umane.

[1] Doc. montier., 1219, pag. 43.3: Tutti quell'omini ke a questo breve iurano sý iurano di guardare (e) di salvare tutti quell'omini ke in questa compagnia sara(n)no p(er) temporale, nominata mente loro p(er)sone (e) loro avere, se no(n) fusse p(er) sÚ difendendo, (e) non essare in co(n)sillio nÚ in facto nÚ in ordinam(en)to cun alcuna p(er)sona ke ricevano danno nÚ in averein p(er)sona.

[2] Paolino Pieri, Cronica, 1305 c. (fior.), pag. 67.13: Messere Cante [...] riprese la terra, et caccionne fuori i Ghibellini faccendo loro gran danno di persone et d'avere.

[3] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. XII, cap. 121, vol. 3, pag. 240.6: s'aprese fuoco in Portoveneri nella riviera di Genova, e ffu sý impetuoso, che non vi rimase ad ardere casa piccola o grande, salvo i due castelli, overo rocche, che v'hanno i Genovesi, con infinito danno d'avere e di persone...

3 Nocumento alla vita o alla salute fisica di un uomo o di un animale.

[1] Regimen Sanitatis, XIII (napol.), 366, pag. 574: le turture da poi che passan l'anno / nullo l[e] po mangiare senša danno.

[2] Dante da Maiano, XIII ex. (fior.), 13.3, pag. 41: O lasso me, che son preso ad inganno / sý come il pesce ch'Ŕ preso a la lenza, / che 'l pescatore li proffera danno, / e quel lo piglia, e fallaĚi sua credenza...

[3] Cecco d'Ascoli, Acerba, a. 1327 (tosc./ascol.), L. 4, cap. 2.3501, pag. 332: Lungo dormire non fu senza danno / Sotto il suo raggio che la vita scorta, / E fa di gran dolore nuovo affanno, / Corrompe la virt¨ che l'uom nutrica / Per la freddezza, sin che il viso ammorta.

[4] Metaura volg., XIV m. (fior.), L. 2, cap. 8, ch., pag. 234.1: Onde i corpi caldi e porosi hanno maggiore danno dal grande freddo, perchÚ il freddo v'entra pi¨ che non fa ne' corpi freddi ch'hanno pochi e stretti pori, ove il freddo non puote cosý entrare.

[5] Mascalcia G. Ruffo volg., a. 1368 (sic.), cap. 48, pag. 604.25: intagla cun rosineta la ungha appressu la firita, kÝ la ungha nun toki la carni viva, in pirz˛ ki lu primiri, ki la unghia fa a lu firiri di la carni viva, non li Ŕ bona ma li Ŕ dannu, kÝ pir la opiraciuni di la unghia la firita nun p˛ suldari legiamenti.

[6] S. Caterina, Libro div. dottr., 1378 (sen.), cap. 151, pag. 357.3: E unde verrß che l'uomo [[...]] diventarß forte e sano, e veruna cosa parrß che gli sia nociva, che a quello corpo non pare che gli faccia danno pi˙ nÚ freddo nÚ caldo nÚ grossi cibi?

[7] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 129, pag. 257.9: Et lu c. no(n) p˛ stare ricto in pedi, tuctavia iace(re) gle fora troppo i(n)criscim(en)to et fa(r)riali da(n)no.

3.1 Deperimento della bellezza a causa delle malattie o dell'etÓ.

[1] Arte Am. Ovid. (B), a. 1313 (fior.), L. II, pag. 300.11: Quelle tolgono via i danni degl'anni con li lisci e mondezze, e con istudio fanno ch'elle non paiono vecchie...

4 Devastazione subita da un luogo (spec. un terreno coltivato) per calamitÓ naturali o per azione umana o animale; morýa di una popolazione.

[1] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. I, cap. 20, pag. 34.23: giÓ fo veduta profundare la citÓ; e sentonse terremoti piccioli li quali non fanno danno, e giÓ avemo veduto e sentito uscire lo vento da la terra.

[2] Tesoro volg., XIII ex. (fior.), L. 5, cap. 16, pag. 106.10: E sappiate che anitre e oche non potrebbero vivere se non dove avessero acqua o erba, ma molto danno fanno con loro becco alle biade, e molto guastano tutte erbe con loro uscito.

[3] x Doc. pist., XIII ex., pag. 159: It(em) questi sono quelli che-Ó(n)no fatto danno ne-le terre de-lo spidale da-Spathave[n]tto ne-le prata poste a-l'-aiuole da-l'-u.-lato le-terre de-'l com(une) di Brandelglio...

[4] Stat. sen., c. 1303, cap. 23, pag. 88.7: Anco statuto et ordinato Ŕ, che qualunque darÓ danno ad alcuno nel Padule con bestie o senza bestie, o vero in altro modo, sia tenuto di mendare lo danno a cui dato sarÓ; e de la extimazione del detto danno si stia al detto di colui che 'l danno avesse patito...

[5] Doc. cort., 1315-27, pag. 47.2: Ancho dea dare Pavolo v s. e d. vj ... Martino per dani dati al Chasalengo a dý viij de setenbre.

[6] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 1, vol. 1, pag. 23.21: rispondi, idea Temi, con che arte sia da riparare il danno della generazione nosta, e, o umilissima, dÓ aiuto alle tuffate cose.

[7] Lapidario estense, XIV pm. (trevis./friul.), cap. 42, pag. 160.8: S'el viene metuto suso ad alto, el non ge va de stornegli nÚ ocelli per becare nÚ per fare danno.

[8] BonafÚ, Tesoro, 1360 (emil.), 235, pag. 114: E poi ne piglia un poco cun un dito / E ungi bene lo capo de le vite / Disotto dalli ochi ne lo capo novo, / Che li Ŕ di bisogno e li fa luoco; / E le rughe andar su non porano / A li ochi de le vite a ffarli dano.

[9] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 3, cap. 9, pag. 170.2: l'aigua de lo Serchio, lasando lo so leto, li andava derer sý che a lo tuto lo flume muÓ corse e leto, corrando e fašando leto apunto lýe unde Frediam per terra avea tirao lo rastello; e da quela ora inanti no fÚ pu damno a le biave e a le piante como solea.

5 Nocumento agli interessi di un popolo, una cittÓ, un paese, una istituzione.

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 16.3: Et per˛ chi ssi parte da sapienzia e da le vertudi e studia pure in dire le parole, di lui adviene cotale frutto che, per˛ che non sente quel medesimo che dice, conviene che di lui avegna male e danno a ssÚ et al paese...

[2] Doc. prat., 1305, pag. 455.5: Anche sappiate ch'ellino sono stati e stanno co(n)tinuame(n)te i(n) Castillione co(n)tra li ordiname(n)ti del comune di P(ra)to a p(ro)curare e a p(ro)cacciare lo da(n)no (e) lo disnore di questo comune e di questa p(ar)te...

[3] Stat. sen., Addizioni 1298-1309, dist. 8, 9, pag. 308.17: Ed a tˇllare le frode e le cose disoneste si comettano per certe persone dell'Arte de la Lana en danno e pregiudicio delli omini dell'Arte...

[4] Giovanni da Vignano, XIII/XIV (bologn.>ven.), cap. 17, pag. 255.1: E considerando quanto dampno aviti šÓ reševuto e quanto p[er]igolo porave seguere e desensiom per questa descordia, la quale Ŕ nata in questa terra tra li Cercli e li Donati, grande caxom avemo de doverne dolere...

[5] Stat. sang., 1334, 30, pag. 117.23: Ancho ordiniamo che niuno della detta arte debbia fare contra l'arte predetta cosa alcuna che fusse o che potesse essere danno o disnore della arte in alchuno modo.

6 Attentato all'integritÓ morale o al benessere spirituale di una persona; afflizione; oltraggio, onta.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 691, pag. 552: Cotal Ŕ lo so uso, sašate senša engano, / con' lo šardin qe fruita ogna sason de l'ano: / quel om qe plu ne prende, quelo 'nd'Ó mašor dano, / e qi da ese vardase, scampa de grand afano.

[2] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 120, pag. 565: Reo Ŕ esser amigo d'om qe soperbia mena, / q'el s'en traz talf´ada e mal e dan e pena; / d'andar con lui per via i avien tosto grant onta, / c'al˛ fai la mateša, se la soperbia 'g monta.

[3] Guido Faba, Parl., c. 1243 (bologn.), 26 (88), pag. 249.8: E p(re)ge(m)mo p(er) lo loro honore quilli che avera(n)no la ve(n)tura d'alešere [[...]], che remosso odio, amore, timore, p(re)go (e) spetiale proe o da(m)pno loro o altrui, allegeno quella p(erson)a la quale illi cred(e)rano milglore...

[4] Guido delle Colonne, XIII pm. (tosc.), 1.4, pag. 97: Pensando l'avenente di mio danno, / in sua merze[de] m'ave riceputo, / e lo sofrire mal m'ha meritato...

[5] Pseudo-Uguccione, Istoria, XIII pm. (lomb.), 1416, pag. 73: E poi se vol molto guardar / E d'avolterio e d'envolar / E de speršur´o e d'engano / QÚ 'l proximo no 'nd'abia dano.

[6] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 1.40, pag. 887: Ag[g]ione pro ch'io ne sono insegnato; / e danno c'amo e non sono amato.

[7] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 1, cap. 5, pag. 28.7: lo guadagno di mala fama, cioŔ che dispiace ad tutti o a magior parte de le gente, Ŕ da reputare per danno.

[8] CaducitÓ , XIII (ver.), 214, pag. 662: Mort'Ŕ ser ăuanno╗. / źDeo,╗ dis la šento, źcomo n'Ŕ gran dampno!╗

[9] Poes. an. urbin., XIII, 26.37, pag. 600: O peccatur' del mondo, non gite pur tardanno, / e dde be[n] retornare non gite indut´anno, / kÚ nnel vostro aspectare pot'essare gran danno, / pote venir la morte e ddarvo gran basseša.

[10] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 46.52, pag. 182: Venite a veder meraveglia, che posso mo el prossimo amare, / e nulla me dÓ mo gravenza poterlo en mio danno portare...

[11] Bosone da Gubbio, Duo lumi, p. 1321 (eugub.), 10, pag. 321: E piangea dunque Manoel Giudeo: / e prima pianga il suo propr´o danno, / poi pianga 'l mal di questo mondo reo; / chÚ sotto 'l sol non fu mai peggior anno.

[12] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 99, pag. 320.25: Se tu avessi perduto un amico, la qual cosa fra tutti i danni Ŕ il maggiore, sý dovresti tu mettere il tuo intendimento, e sollecitudine in avere maggiore allegrezza d'avere avuto l'amico, che cruccio d'averlo perduto.

[13] Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.), Prologo, pag. 607.10: Con ci˛ sia cosa che Dio creasse l'uomo in anima e in corpo, e in anima e in corpo voglia essere servito e onorato e venerato e adorato da noi, non per suo bene, ma per nostro, chÚ 'l nostro bene a lui non Ŕ utile, e 'l nostro male a lui non fia danno...

[14] Stat. palerm., 1343, cap. 14, pag. 24.17: Ancora urdinamu e firmamu, vulendu sicutari la doctrina e lu insingnamentu di li Sancti cuntra lu piccatu di la ingratitudini [[...]]; et a vitari multi inconvenienti e danni ki purrianu intraviniri in la nostra casa per lu tempu ki divi viniri...

[15] Comm. Arte Am. (B), XIV pm. (fior.), ch. 60, pag. 691.19: Dice Nasone in questa lettera che il teatro ha in sÚ danni di casta onestade, per˛ che molte oneste vergini vi si vinceano e prometteano alli solliciti amanti.

[16] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 43.4, pag. 588: Come colui, che per soverchio affanno / non noia sente, nÚ tormento alcuno, / nÚ sa, nÚ p˛i dolerse, onde n´uno / de sua pena s'accorge o de suo danno, / donna, son io, da voi lontano estanno...

[17] Doc. amiat., 1370, pag. 107.9: la gente p(er) noi ricectata, de la quale sc(ri)vete, Ŕ gente cassa, stata a la guerra del prefecto, (et) p(er) certi nosstri bisongni no(n) i(n) dapno nÚ disnore de la singnoria vosstra l'abbiamo sosstenuta e sossteniamo tanto che s'aconci a soldo...

[18] Giovanni dalle Celle, Lettere, 1347/94 (fior.), [1376] 19, pag. 310.23: lo popolo cristiano Ŕ ito pi¨ volte per acquistare il Sepolcro e ogni volta Ŕ tornato con danno e con vergogna.

[19] Deca terza di Tito Livio, XIV (fior.), L. 9, cap. 37, pag. 442.17: sozza quistione, maculando la fama dell'altro con danno della sua, fu fatta.

[20] Dondi dall'Orologio, Rime, XIV (padov.), 5.5, pag. 19: GiÓ ne la vaga etade de' primi anni / mi piaque udir et dir tal volta in rima, / ben che chon grosso stile et rude lima; / poy che vestir l'alma de' meglior panni / mi piaque pi¨, perch'io cognovi i danni / dei perssi dý, lasai la via di prima...

[21] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 3, pag. 221.5: Lo quarto sý Ŕ la vanagloria, in la quale caše molte persone che no se contenta de la belleša simpliša che Deo g'Ó daa; gran danno sý Ŕ, ch'el no ge incontra como fe ad Absalon.

[22] Legg. sacre Mgl. XXXVIII.110, XIV sm. (sett.), 3, pag. 4.26: Avene che la fo sposa a un šentil šovene, et aproximando el die de le nocše e siando fato grandenissimo aparechiamento, et ella fo amaistrÓ dal spirito santo, reputando grande danno a si de perdere la soa virginitÓ e dare overa a la carne.

6.1 Fras. Tornare (a) danno a qno, (ri)tornare in danno di qno: risultare dannoso, volgere in perdita.

[1] Federico II (ed. Panvini), a. 1250 (tosc.), 1.33, pag. 158: Da la ria gente aprise / da lor non si stornasse, / che mi tornasse - a danno chi gli ˛ offiso...

[2] Bonagiunta Orb. (ed. Contini), XIII m. (lucch.), ball. 4.15, pag. 267: Molti son che non sanno / ben dir nÚ operare; / sed han buon presio un anno, / non Ŕ da curucciare, / chÚ tutto torna a danno...

[3] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 1, pt. 3, cap. 9, pag. 105.7: se l'uomo Ó tristizia del bene altrui, il quale ne sia degno o non degno non tornandoli a danno, elli Ó un movimento di cuore che 'l filosafo chiama invidia...

[4] Fiore di rett., red. beta, a. 1292 (fior.), cap. 15, pag. 18.3: Item: źNÚ agl'amici torn˛ pro, nÚ danno a' nimici, nÚ 'l comune ne fu consigliato╗.

[5] Stat. sen., 1305, cap. 51, pag. 70.21: E s'esso sentisse alcuna cosa la quale ritornasse in danno, o vero incontra lo onore del Rettore o vero de li frati o vero de le donne del detto Spedale; sia tenuto di dire e di manifestare chella cosa al Rettore al pi¨ tosto che potrÓ a bona fŔ senza frode.

[6] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 41, pag. 56.2: Veramente de cotal ben non Ŕ molto da contristßrsende, pur ch'el no torne en danno della comunanza...

[7] Doc. volt., 1329, 13, pag. 30.4: questo Ŕ honore e stato del nostro Comune e riverenša del decto nostro padrone e difenditore beato sancto Iusto, e non faciendosi torna in disnore e dampno e vituperio nostro...

[8] Stat. perug., 1342, I.24.9, vol. 1, pag. 120.9: alcuna cosa, la quale fosse overo retornasse en danno overo pregiuditio overo diminutione de la ragione overo de la giuriditione del comuno overo del popolo de Peroscia...

[9] Tavola ritonda, XIV pm. (fior.), cap. 93, pag. 359.34: ChŔ io sono troppo caro costato a chi m'Óe allevato in questo mondo: sicchŔ di me io non vorrei fare tale mercato, che mi tornasse danno -.

[10] Stat. venez., 1366, cap. 89, pag. 42.8: se receve molte fiade molti deffecti per li officii de šudegado [[...]], la qual cosa retorna in dampno del Comun e de special persone...

[11] Fazio degli Uberti, Dittamondo, c. 1345-67 (tosc.), L. 2, cap. 19.21, pag. 142: Oh quanto Ŕ fol colui che si fa scede / de le cose di Dio e quanto a lui / dannotorna beffarsi de la Fede!

7 [Relig.] Pena eterna o destinazione alla stessa o pericolo di incorrervi.

[1] Lib. Antichr., XIII t.q. (ven.eug.>umbr.-march.), 147, pag. 109: lo Antichristo, lo falso e 'l renegato, / te vol confundere in morte et in gran dano / entro l'inferno lÓ u' Ŕ 'l calor e 'l planto...

[2] Giacomino da Verona, Babilonia, XIII sm. (ver.), 172, pag. 645: Ogn'om corra al guaagno, / k'el no porta mo 'l tempo k'algun de nui stea endarno; / e ki no g'Ó vegniro, segur sea del malanno, / no se 'n dea meraveia s'el n'Ó cašir en danno╗.

[3] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 14.159, pag. 158: Prumeramenti offendi De', / de lo quar traitor tu e'; / poi ti mestesso te condani / a sostener eternar dani.

[4] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 1, cap. 7, pag. 20.26: li fratri da fora de lu monasteriu currianu piriculi de tentationi, et per pocu de guadagno non diviano curriri dampnu de la anima.

[5] Cavalca, Dialogo S. Greg., a. 1342 (pis.), L. 3, cap. 14, pag. 154.12: quella celestiale patria fu confermata quanto alli buoni angeli che si umiliarono, per lo difetto e danno de' rei che insuperbirono e caddero...

[6] Diatessaron, a. 1373 (fior.), cap. 91, pag. 270.15: Che utilitÓ Ŕ all'uomo s'egli guadagnasse tutto il mondo e patisca il danno dell'anima sua?

[7] Atrovare del vivo e del morto, a. 1375 (emil.), I, st. 19.3, pag. 150: De lo to dano me sa gran peccato, / perchÚ in l'inferno tu e' condanado...

[8] San Brendano tosc., XIV (ven.>tosc.), pag. 177.32: Rispuose li dimoni: źCome chiami tu lo nome di Ies¨ Cristo in servigio di costui sappiendo che llo tradý e dapoi in qua Ŕ stato con tanti mali e danni?╗.

7.1 [Relig.] Locuz. nom. Pena del, di danno.

[1] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc.), L. I, pt. 1, cap. 9b, pag. 18.4: lla giustitia di Dio adimanda che sechondo ch'Ŕ doppio pecchato chosý Ŕ doppia pena rispondente ad esso: Ŕ pecchato orriginale e attuale, e cosý Ŕ pena di danno e pena di senso e di cociore; la pena del danno, cioŔ la privatione di vita etterna, Ŕ per lo pecchato orriginale...

[2] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 12, pag. 58.25: Che dunque pena sarÓ questa? Questa sarÓ pena di danno, c'ha perduta la gloria di paradiso. La qual pena sarÓ la pi¨ crudele che sia, e sommamente l'afrigerÓ.

[3] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 23, cap. 5, par. 1, pag. 375.28: Anche Ŕ un'altra pena de' rei, la quale avvegnachÚ non sia pena di sentimento, ella Ŕ somma pena di danno, cioŔ perdere lo vedere d'Iddio.

[4] Teologia Mistica, 1356/67 (sen.), cap. 3, 3, pag. 76, col. 1.12: Questo vermine Ŕ il rimorso della conscienzia, per lo quale merit˛ di correre nella pena sensibile del dolore, e pena del danno, dolendosi in eterno delle cose fatte nel seculo, le quali cose giÓ non possono aiutare...

[5] Leggenda Aurea, XIV sm. (fior.), cap. 46, S. Gregorio, vol. 1, pag. 388.24: Altri sono che dicono che la pena eternale sta in due cose, cioŔ in pena di sentimento e in pena di danno, la quale Ŕ a perdere il vedere di Dio.

8 Rottura dell'integritÓ fisica o deterioramento delle qualitÓ di un oggetto.

[1] Lett. mant., 1282-83 (?), 1, pag. 13.25: pareravo a mi che vui lo fexevo sý covrý che le carmenunši nÚ petenunši non ve ge posa dÓ dan...

[2] Stat. pis., 1304, cap. 67, pag. 709.1: Et quante volte tornasse panno alcuno macchiato per sevo, li consuli siano tenuti di farli mendare lo dampno del panno...

[3] Libro pietre preziose, XIV in. (fior.), pag. 312.5: Et Ŕ sý durissimo questo diamante, che non si pu˛ rompere nŔ domare con fuoco, ma rompesi quando Ŕ scaldato col sangue del becco: ma con danno de l'ancudine, e con grande fatica di coloro che lo spezzano.

[4] Pratica del vino, 1342/48 (fior.), pag. 9.16: Una botte che vi sia istato vino vermiglio no fa forša perchÚ tu vi metessi suso vino bianco: non Ó dano il vino.

9 Depauperamento di un bene immateriale.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 11, pag. 71.8: piango 'l danpno del tempo; perci˛ c'altre pu˛ guadagniare le cose, ma 'l tempo ch'Ŕ perduto non si pu˛ mai racquistare.

[u.r. 11.10.2019]