CACCIARE v.

0.1 caša, caša', cašÓ , cašÓ', cašÔ, cašada, cašade, cašadi, cašado, cašady, cašae, cašÓ-ge, cašai, cašai-e', cašai-lo, cašaine, cašaj-e', cašala, cašalo, cašÓ-lo, cašÓm, cašandelo, cašando, cašandolo, cašano, cašao, cašaolo, cašar, cašarÓ , cašaraili, cašare, cašareli, cašarla, cašarlo, cašaro, cašarolo, cašas, cašase, cašasem, cašasse, cašasti, cašata, cašate, cašati, cašato, cašava, cacša, cašša, caššando, cacšane, cacšar, caššar, caccare, caccari, caššassi, caššavan, cacšatu, cacšatus, cašše, caššendol, cacceno, caccerÓ , caccerÓe, cacceragli, caccerai, cacceran, cacceranno, caccerannogli, caccerannola, caccerÓnnoli, caccerannoti, cacceratti, caccerebbe, caccerebbomi, caccerebbono, cacceremlo, cacceremo, caccerete, caccer˛, caccerol, caccerollo, caccerovvi, caccha, cacchanu, cacchari, cacci, caccia, caššia, cacciaci, cacciagli, cÓcciagli, cacciagliele, cacciai, caccial, cacciala, caccia'-la, cacciale, cacciali, cacciÔlle, caccialli, caccialo, cacciam, cacciami, cacciammo, cacciamo, caccian, cacciando, cacciandoci, cacciandogli, cacciandol, cacciandola, cacciandole, cacciandoli, cacciandolmi, cacciandolo, cacciandolsi, cacciandomi, cacciandone, cacciandosi, cacciandoti, cacciandovela, cacciandovi, cacciane, cacciangli, caccianli, cacciano, cacciÓno, cacciante, caccianti, cacciao, cacciaone, cacciar, caccißr, cacciÔr, cacciarÓ , cacciaran, cacciarannovi, cacciarci, cacciare, caššiare, cacciaremo, cacciargle, cacciargli, cacciargliene, cacciarla, cacciarle, cacciarli, cacciÔrli, caššiarli, cacciarline, cacciarlo, cacciarlu, cacciarmi, cacciarne, cacciarnel, cacciaro, cacciar˛, cacciarogli, cacciarola, cacciÓrola, cacciarolli, cacciarollo, cacciarolo, cacciaron, cacciar˛ne, cacciarongli, cacciaronli, cacciaronlo, cacciaronne, cacciarono, cacciarotti, cacciarselo, cacciarsi, cacciarti, cacciarvi, cacciase, cacciasela, cacciasero, cacciasi, cacciasse, cacciasseno, cacciasser, cacciassero, cacciassesi, cacciassi, cacciassilo, cacciassono, cacciaste, cacciasteli, cacciÓstemi, cacciasti, cacciata, cacciatala, cacciatane, cacciatasi, cacciate, cacciategli, cacciatel, cacciateli, cacciatelo, cacciatemi, cacciateneli, cacciati, cacciatine, cacciatisi, cacciatj, cacciato, cacciatogli, cacciatolo, cacciatone, cacciatosi, cacciava, cacciavan, cacciavanli, cacciavano, cacciavati, cacciavi, cacciavilli, caccie, caccierÓ , caccierai, caccieranno, caccierannogli, caccierano, caccierebbe, caccierebbono, caccierelli, caccieremo, caccierestegli, caccieresti, caccierete, caccier˛, caccier˛llo, caccii, caccila, caccillo, caccilo, caccimi, caccinlo, caccinmi, caccino, caccinsi, caccio, cacci˛, cacciˇ, caccioe, cacci˛e, cacci˛evi, cacciogli, cacci˛gli, cacciogline, caccioli, cacci˛li, cacciolla, cacciolli, cacciollo, cacci˛lo, caccione, cacci˛ne, caccionne, cacci˛nne, caccionnoli, cacciono, cacci˛no, cacciorli, cacciorno, caccioroli, caccioron, cacciorongli, caccioronli, caccioronlo, cacciorono, cacciovi, caccisi, caccivi, cašš˛, caššˇ, cašš˛n, cace, caše, cašÚ, cašemo, cacerÓ , cašerÓ , caceranno, cacer˛, cašer˛, cašese, cacha, cachala, cachamu, cachandu, cachandulu, cachao, cachaonde, cachare, cachari, cacharimu, cacharli, cacharlu, cacharo, cacharu, cachase, cachassi, cachata, cachati, cachato, cachatu, cachau, cachaundi, cachava, cachÓvanulu, cachavi, cachi, cachiatu, cachiatus, cachiava, cachu, caci, cacia, caciÓ , caciamo, caciando, caciano, caciar, cašiar, caciarÓ , caciare, cašiare, caciarete, caciarla, caciarle, caciarne, caciaro, caciarti, caciasse, caciasti, caciata, caciate, caciati, caciatýe, caciato, caciava, caciavala, caciavano, caciavaro, caci˛, cacioe, cacioli, cacionne, cacioron, cašo, caš˛, cašono, caš˛no, cacza, caczanno, caczao, caczaolo, caczare, caczareli, caczaro, caczarolo, caczato, caczava, caczemo, šasado, casciarne, cathari, cathava, catza, catzÓ , catzai, catzar, catzarŔ, catzŔ, catzem, catzen, catzun, caz, caza, cazÓ , cazß, cazadi, cazado, cazando, cazando-li, cazanno, cazao, cazaonde, cazar, cazare, cazarli, cazarlo, cazaro, cazase, cazasene, cazassero, cazassi, cazata, cazate, cazati, cazatilo, cazato, cazava, cazaveno, cazay, cazcano, caze, cazes-tu, cazi, caziare, cazie, cazion, caziono, caz˛, cazˇ, cazorno, cazotone, cazza, cazzarlo, cazzato, ccašao, ccašare, ccašše, ccaccialo, ccacciare, ccacciarla, ccacciarmi, ccacciata, ccacciato, ccaccioe, ccaše, ccachari, ccaciare, cchaccia, cchacciar, cchacciare, cchacci˛, cchaccossi, chaca, chaša, chašÓ , chašadi, chašado, chašali, chašalo, chašando, chašar, chašaranno, chašare, chašar-lo, chašarme, chašaro, chašase, chašasse, chašato, chacca, chašša, chaššar, chaccare, chaccarono, chaccata, chaccate, chaccati, chaccato, chaccavagli, chacci, chaccia, chacciammo, chaccian, chacciando, chacciandoli, chacciandomi, chacciano, chacciare, chacciarli, chacciarlo, chacciarne, chacciaro, chacciarogli, chacciarollo, chacciarono, chacciasi, chacciasse, chacciassono, chacciata, chacciate, chacciati, chacciato, chacciava, chacciavano, chaccier˛, chacci˛, chaccionne, chaccioro, chacciorogli, chacciorolo, chaccioron, chaccioronne, chacciorono, chacciossela, chacciovisi, chacc˛, chaccollo, chaccorono, chaše, chašer˛, chacharj, chachatu, chachau, chachava, chaci, chacia, chaciado, chaciando, chaciano, chaciare, chaciargli, chaciarli, chaciarmi, chaciaro, chaciarono, chaciasse, chaciate, chaciati, chaciato, chaciatone, chacierai, chaci˛, chacioe, chacioro, chaciorono, chaš˛, chaš˛no, chaczati, chanciaronne, chazado, chazar, chazare, chazarolo, chazavalo, ghašado, ghašat, kašßigi, kacchatu, kacciar, kacciato.

0.2 Lat. parlato *captiare (DELI 2 s.v. cacciare).

0.3 Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.): 1.

0.4 In testi tosc.: Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.); Lett. sen., 1260; Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.); Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Stat. prat., 1295; Inghilfredi, XIII sm. (lucch.); Cronichetta lucchese (1164-1260), XIII/XIV; Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.); Stat. pist., 1313; Lett. sang., 1340; Doc. amiat., 1360.

1. In testi sett.: Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.); Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.); Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.); Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.); CaducitÓ , XIII (ver.); Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.); Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.); Gualpertino da Coderta, XIV in. (trevis.); Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311; Lio Mazor (ed. Elsheikh), 1312-14 (venez.); Stat. trent., c. 1340; Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.); Poes. an. padov., p. 1369; Doc. padov., c. 1379 (2); Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.).

2. In testi mediani e merid.: Elegia giudeo-it., XIII in. (it. mediano); St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.); Poes. an. urbin., XIII; Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.); Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.); Giostra virt¨ e vizi, XIII ex. (march.); Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.); Stat. assis., 1329; Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Simone Fidati, Ordine, c. 1333 (perug.); Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.); Stat. viterb., c. 1345; Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.); Stat. casert., XIV pm.; Stat. cass., XIV; Destr. de Troya, XIV (napol.); Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).

3. In testi sic.: Formula di confessione sic., XIII; Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.); Stat. palerm., 1343; Simone da Lentini, 1358 (sirac.).

0.5 Nota l'inf. con valore pass. in Poes. an. (ed. Panvini), XIII (tosc.), 52.50, pag. 578: źsý com cervo ch'Ŕ lasso di cacciare╗, 'di essere cacciato'.

4. Per cacciare il dente, i denti > dente; cacciare al dichino > dichino.

5. Locuz. e fras. cacciare con morte 3.1; cacciare della vita 3; cacciare di vita 3;cacciare fuoco 2.2.1; cacciare fuori 3; 3.5; 3.6.1; 3.6.2; cacciare il capo innanzi 2.2.4; cacciare in fuga 2; cacciare la mano 2.2.3; cacciare la vita 3; cacciare mano 2.2.3; cacciare via 3.1, 3.5, 3.6.1.

0.6 N Att. in doc. lat. scritti in Toscana nel sec. XII, a partire da un doc. volt. rogato tra la fine del sec. XI e l'inizio del sec. XII: vedi GDT, pp. 126-28.

0.7 1 [Con sogg. umano o animale:] inseguire un animale al fine di catturarlo. 1.1 Sost. 1.2 Inseguire e incalzare (una o pi¨ persone) con intento ostile (allo scopo di sconfiggere, catturare o uccidere il nemico). 1.3 [Rif. a contrasti reali e fig.:] opporre resistenza (a qno o qsa), respingere e mettere in fuga. 2 Cacciare a, in qsa: spingere con forza verso una specifica direzione (anche fig.). 2.1 Sollecitare (a qsa) in modo incalzante. 2.2 Introdurre, infilare, generalmente con forza (anche pron.). 3 Cacciare da, di qsa: spingere al di fuori di un luogo (anche fig.). 3.1 Locuz. verb. Cacciare via: allontanare da una precedente collocazione; fig. cancellare ogni presenza, annullare. 3.2 Estens. Allontanare o tener lontano da un luogo. 3.3 Allontanare dal domicilio, dal territorio o dall'istituzione di appartenenza e privare della fruizione dei diritti e privilegi fondamentali interconnessi; esiliare, bandire (anche fig.). 3.4 Allontanare dal contesto d'azione di una persona. 3.5 Espellere al di fuori dell'organismo. Locuz. verb. Cacciare fuori, via. 3.6 Estrarre da un luogo chiuso o da un punto d'appoggio che contiene e trattiene; togliere con forza, tirar fuori, strappare, cavare.

0.8 Mariafrancesca Giuliani 18.01.2006.

1 [Con sogg. umano o animale:] inseguire un animale al fine di catturarlo.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 431, pag. 541: La bolpe fai asai boqe a la tana o' conversa, / l'un'ampla, l'autra streta, šascuna fai deversa; / e quando lo can cašala e 'l cašaor l' apresa, / per una entra, per l'autra esse, cosý scampa de presa.

[2] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 2.45, pag. 892: cacciar so e prender volpac[c]hi / e far monete.

[3] Stefano Protonotaro, XIII m. (tosc.), canz. 3.24, pag. 138: per ch'eo mi dono a la sua volontate, / como cervo cacciato mante fiate...

[4] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 53.19: E non filavano nÚ operavano lana, ma giano a ccašare e a ffare vactalgie sý como li homini.

[5] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 8, cap. 4 bis, pag. 199.29: e trovavalise caciare e ucilare e pescare mirabilemente in ogne atto che se p˛ pensare.

[6] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Vulgare de elymosinis, 295, pag. 247: Oi De, quam bona levore me par ke quel hom caza, / Lo qual per far lemosina de l'arma se percaza.

[7] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 146, pag. 33: Ky ne la rena semena, non sa cšo ke sse facša, / Et de cacšar travaliase dove non trova cacša. / Cosa facta sensa ordene volio ke tte desplacša...

[8] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), son. 31.1, pag. 249: Come il castoro, quando egli Ŕ cacc[i]ato, / veg[g]endo che non pote pi¨ scampare, / lascia di quello che gli Ŕ pi¨ 'ncarnato, / e tutto il fa per pi¨ in vita regnare...

[9] Cronica deli imperadori, 1301 (venez.), pag. 227.4: e conz˛ fosse chossa che, per caxon de chazar, perseguando bestie, el descorresse per la selva...

[10] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), pag. 170.7: e tegnant a si le fiole, amagistrava quelle a cazar e a siytar...

[11] Folgˇre, Semana, c. 1309 (sang.), 20.5, pag. 379: Ed ogni venerdý gran caccia e forte: / veltri, bracchetti, mastin e stivori, / e bosco basso miglia di staiori, / lÓ 've si troven molte bestie accorte, / che possano veder, cacciando, scorte...

[12] Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 22, 118-132, pag. 546, col. 2.3: e dixe che a quello modo l'andra Ŕ cazata dal falcone...

[13] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 17, pag. 77.16: ma killu propriu iornu andausindi a cacha cum pocu agenti. [[...]] Vinni lu rimuri in audientia di Serloni, chi cachava et era sencza armi...

[14] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 6, pag. 90.35: uno iuorno de viennardý, de tiempo d'estate, plazeme de andare a cazare in compagna de multi cazaturi...

1.1 Sost.

[1] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), son. 31.6, pag. 249: lo cacc[i]ator, presente l'ha trovato, / immantenente lascia lo cacc[i]are...

[2] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 24, cap. 2, par. 8, pag. 383.19: che uopo il cacciare delle selve?

[3] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 28, pag. 35.11: Li Thebani, šente desfamada de homicidii e de luxuria e de dislieltade, par che atrovase l'arte del cašar...

[4] Cost. Egid., 1357 (umbro-romagn.), L. IV, cap. 50 rubr., pag. 677.1: De l'osellare e del cacciare. Robrica.

1.1.1 Tornare, rivenire, venire da cacciare: tornare da una battuta di caccia.

[1] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 73, pag. 138.29: E quando viene la notte e T. sý torna da ccacciare molto allegro e con grande conpangna di cavalieri...

[2] Libro dei Sette Savi, XIII ex. (tosc.), pag. 44.25: Il marito rivenne da cacciare; e ella si lev˛ incontro e trasseli il mantello e volleli trarre gli sproni...

[3] Fr. Grioni, Santo Stady, a. 1321 (venez.), 191, pag. 54: E quando el vegnia da chašar, / ăasschun li corea ad inclinar...

[4] A. Pucci, Contrasto, a. 1388 (fior.), st. 5.2, pag. 44: Le moglie di Lameche, Ada e Sella, / Quando gli era tornato da cacciare...

1.2 Inseguire e incalzare (una o pi¨ persone) con intento ostile (allo scopo di sconfiggere, catturare o uccidere il nemico).

[1] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 4.27, pag. 908: paion sý ismarriti! / Meglio Ŕ kacciar ke fuggire: / meno ne sono ischerniti...

[2] Lett. sen., 1260, pag. 271.16: Ine sapemo ch' elino erano fugiti, (e)d andava[n]si via: noi rimandamo el popolo a Siena, (e) ' chavaieri lo trasero dietro, (e) andÓvali chaciando d'in pogio in pogio chome gativi...

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 62.52, pag. 255: źNon so messo per mucciare: 'nante, vengo per cacciare, / chÚ te voglio assidiare, e a le terre aio attendato╗.

[4] Libro dei Sette Savi, XIII ex. (tosc.), pag. 76.1: E quando que' di Roma gli vidono fuggire corsono loro adpresso e cacciaronli, e molti ne fedirono e uccisono...

[5] Anonimo Genovese (ed. Contini), a. 1311, 8.83, pag. 730: Contra noi re' stilo aveam, / dir mostrando con menaze: / źMester Ŕ c'omo li caze / e strenze sý che in si stean╗...

[6] Poes. an. tosc., XIII/XIV (2), 35, pag. 336.4: far˛ come uomo ch'Ŕ messo al fuggire e perde foga per veder chi 'l caccia...

[7] Storia San Gradale, XIV po.q. (fior.), cap. 127, pag. 122.16: e colui che ttutto giorno Ŕ stato fugitivo cacerÓ colui che ttuto giorno l'Ó caciato...

[8] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 1, cap. 6, pag. 69.2: Imper˛ che in quella battaglia furono tagliati XV milia de' Romani, VJ milia presi, XX milia caciati, et il corpo del console smozzicato...

[9] Cavalca, Esp. simbolo, a. 1342 (pis.), L. 2, cap. 2, vol. 2, pag. 147.2: E se non sono ubbiditi, hanno per niente di uccidere, e smembrare, cacciare, e condannare chi non li ubbidisce a punto.

- Sost.

[10] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. III, cap. 15: se tu li tuoi nimici Ói messi in fugga uvero spaventatili, inna(n)si che elli ve(n)gnano in tua bailia arditame(n)te (et) sensa indugio li caccia, [102] che qua(n)to tu piˇ indugierai lo cacciare, tanto la lor paura piˇ menimerÓ et la vert¨ di te (et) deli tuoi menimerÓ.

[11] Deca prima di Tito Livio, XIV pm. (fior.), L. 6, cap. 13, vol. 2, pag. 102.23: Li Romani gl'incalciaro; e, mentre ch'elli se n'andavano armati e congiunti insieme, la pena del cacciare fu de' pedoni... || Cfr. Liv., VI, 13, 4: źpeditum labor in persequendo fuit...╗.

[12] Guido da Pisa, Fatti di Enea, XIV pm. (pis.), cap. 51, pag. 96.11: I Troiani colli loro compagni Toscani ed Arcadi li seguitarono infino presso alle mura; ed ecco per lo fuggire dell'una parte e per lo cacciare dell'altra, levossi uno grande polverÝo che oscur˛ le porti e le mura della cittÓ.

- [Rif. a concetti astratti].

[13] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 4, cap. 7, pag. 304.21: la lussuria Ŕ cosa desiderevole, la quale, quando noi la fuggiamo, la cacciamo, e quando noi la seguitiamo, siemo cacciati malamente, e siemo vinti daĚllei.

[14] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio mensium, 38, pag. 4: De mi el fa pur beffe, ke debio ess so vesin; / El ß sp´ao e caza ke sont trop picenin...

[15] Memoriali bologn., 1279-1300, (1287) 16.9, pag. 32: E cum plu amore me caza e fere / [... -ire] / e no me vale altra merzÚ cherere.

[16] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. III, cap. 6: la luxuria Ŕ cosa acco(n)cia a ffarsi desiderare, la qual fuggendo vinciamo, et se noi cacciamo lei (et) seguitiamola caccia (et) vi(n)ce ella noi.

[17] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 90.144, pag. 372: Sý grande abisso non fo mai veduto: / tacendo parlo, fugo e so legato, / scendendo salgo, tengo e so tenuto, / de for so dentro, caccio e so cacciato.

[18] Monte Andrea (ed. Minetti), XIII sm. (fior.), son. 4.13, pag. 124: Per forza Amore m'Ó lo cor furato [[...]] ferendo il caccia - Amor, che l'Ó conquiso.

[19] Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.), 10, pag. 69.7: la morte ch'[a] ciascuno prende guerra, e ciascuno caccia, e, nŔ per dono, nŔ per preghiera, non vuole neuna cosa lassare, nŔ risparmerane nŔ povaro, nŔ ricco...

[20] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 26, pag. 428.14: Questo appetito mai altro non fa che cacciare e fuggire; e qualunque ora esso caccia quello che e quanto si conviene, e fugge quello che e quanto si conviene, l'uomo Ŕ nelli termini della sua perfezione.

[21] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), 82.12: se questa donna talor ti minaccia / e non ti parla con dolce ricetto, / ch'Amor la punge alora, Amor la caccia, / allor li se' scolpito in mezo 'l petto...

1.2.1 [Con sogg. rappresentato da una condizione mentale e spirituale neg.:] arrecare fastidio, perseguitare in maniera ossessiva.

[1] Patecchio, Splanamento, XIII pi.di. (crem.), 316, pag. 572: L'om qe l'autrui muier vol ni tol ni percaša, / pecato fai mortale, omecidio lo caša: / da qe l'omo n'Ó una, con quela se demore...

[2] Ugo di Perso, XIII pi.di. (crem.), 2.9, pag. 589: Pur 'sta noia me noia e me traša, / q'eu no trovo bontad qe s'afaša: / tant plen son de noia, e sý me caša, / qe šascun me cognos en la faša.

[3] Guido Cavalcanti (ed. Contini), 1270-1300 (fior.), 41.13, pag. 549: Se 'l presente sonetto spesso leggi, / lo spirito noioso che ti caccia / si partirÓ da l'anima invilita.

[4] Rustico Filippi, XIII sm. (fior.), son. 42.9, pag. 105: Cosý la pena ch'ho mi mena e caccia, / che mi fa soferir l'amore amaro...

1.3 [Rif. a contrasti reali e fig.:] opporre resistenza (a qno o qsa), respingere e mettere in fuga.

[1] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 57.20: E disse a li troiani: źGescamo tucti fore collo exercito. Oi cašemo li greci oi noi moramo con essi╗.

[2] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 19, pag. 63.8: quello k'era cum Deo e Deo era cum lui vincea, e li cento fugava, cašava et ocidia de dumilia e vintimilia.

[3] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 52.29, pag. 206: lo vero mustrar senza fallenza, / sconfissero e cacciaro onne falsa credenza...

[4] Giostra virt¨ e vizi, XIII ex. (march.), 43, pag. 324: con vigore adsalipsili et con l'arme ly broccha / polite et arrotate: / un de lor mille cacšane et abbacte e traboccha / cum ira desfidata.

[5] Bind. d. Scelto (ed. Gozzi), a. 1322 (sen.), cap. 373, pag. 396.35: Ellino si cacciavano sovente e sovente si ricoveravano, e s'asalgono l'uni gli altri e s'uccidono a cento e a mille.

[6] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 123, pag. 413.25: che due maniere di cose sono, che ci tirano, e cacciano. Quelle, che ci tirano, sono ricchezze, diletti, bellezza, onore, e tutt'altre cose, morbide, e piacevoli. Quelle, che ci cacciano, sono fatica, dolore, vituperio, necessitÓ, e morte.

[7] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 213.12: et fuoro a la batalgla un die che per forša ne caciaro la dicta giente da la parte de sopre e tucte ei loro seguacie.

[8] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 4, cap. 3, vol. 1, pag. 168.13: E lu diffinsuri, z˛ Pirru, di la luxuriusa Tarantu pl¨ animusu ca efficaci, non sachu se con mayuri gloria sia statu cachatu da li custumi di la nostra citati.

[9] Fontana, Rima lombarda, 1343/46 (parm.), 119, pag. 23: Cosý continuato per molt'anni / se sum caciÓ e morti li visini, / mo l'un po' l'altro, citadin e villani...

[10] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 13, cap. 45, vol. 3, pag. 403.17: furono i detti della Volta e lloro seguaci nella terra sconfitti e rotti e cacciati, ov'ebbe assai di morti e fediti, e presi, impiccati per la gola.

[11] Gid. da Sommacamp., Tratt., XIV sm. (ver.), cap. 6, par. 38, comp. 60.2, pag. 147: Cossý per molte volte quel matino / li Rutuli e li Tusci se chašaro / con grande ardor e cum furor festino, / essendo alguna volta im poder paro...

- [Rif. ad astratti].

[12] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), Liber cons., cap. 41: p(er)chÚ p[eri]culo se(n)sa p[eri]culo no(n) si vince, et [a] aiqua(n)ti Ŕ co(n)sentito forsa co(n) forsa cacciare (et) fraude (con) fraude╗.

[13] Cavalca, Vite eremiti, 1321-30 (pis.>fior.), Vita di Paolo, cap. 2, pag. 90.17: vide una lupa appiŔ d'uno monte, che mostrava d'avere gran sete; alla quale Antonio movendosi per andare, e quella fuggendo in una spelunca [[...]] la caritÓ cacciando la paura, Antonio entr˛ pi¨ adentro...

[14] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 19, proemio, pag. 429.5: cosý si fa ciascuno nuovo uomo quando, spenti li peccati, si adorna di virtude. L'assoluzione de' peccati caccia le sozzure...

[15] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1376/77] lett. 88, pag. 355.16: con l'umiltÓ cacciare la superbia; le ricchezze e delitie e stati del mondo con la volontaria povertÓ. La pace cacci e sconfiggia la guerra dell' anima sua e del prossimo suo...

1.3.1 Fig. Sostituire in rapporto ad una specifica collocazione e funzione; subentrare (a qsa); alternarsi (con qsa).

[1] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 1, cap. 14, pag. 148.1: l'uno contrario caccia l'altro. Unde quando il tempo Ŕ freddo, esso caccia e respinge il caldo, che vuole escire fuori del corpo dell'uomo...

[2] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 7, cap. 50, vol. 3, pag. 415.4: Orazio dice: L'un giorno caccia l'altro...

[3] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 5, pag. 19.11: L'uno contrario non pu˛ stare coll'altro, e se sono insieme, qual pi¨ pu˛, quelli caccia l'altro: la luce caccia le tenebre, il caldo caccia il freddo, il diletto caccia la pena, e cosý degli altri.

[4] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 18, cap. 2, par. 13, pag. 309.12: e l'allegrezza cacci la tristizia... || Traduce il lat. źhilaritas tristitiam dissipet╗.

[5] Comm. Rim. Am. (B), a. 1313 (fior.), ch. 101, pag. 863.3: Allora Ŕ la pugna tra la natura e la 'nfertade e chi pi¨ puote caccia l'altro, o la 'nfertade caccia e spegne lo caldo naturale, o il calore e 'l vigore de la natura caccia la 'nfertade.

[6] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), 24, pag. 56.13: La state finisce nell'autunno, dopo l'autunno ne viene il verno, il quale Ŕ cacciato dalla primavera.

[7] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 15, vol. 3, pag. 238.20: E mentre ch'egli dubitano, e bruzoli cacciaro la tarda luce; e l'ombra della terra aveva recate le tenebre al mondo.

[8] Boccaccio, Filostrato, 1335-36 (?), pt. 4, ott. 49, pag. 123.4: il nuovo amor sempre caccia l'antico...

2 Cacciare a, in qsa: spingere con forza verso una specifica direzione (anche fig.).

[1] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Venus], pag. 37.23: QÚ lo anemo del'omo sý vene molto cašado en qua et en lÓ, domentre q'elo permane en pišolo perigolo.

[2] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 342, pag. 39: Olcixe lo fraello, tropo fÚ grande folia: / Elo fo maledegio da Deo omnipoente, / Cašao fo a l'inferno entro quelo fogo ardente.

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), Liber cons., cap. 1: Ma pur l'animo mio torbato in tanto mi caccia che no(n) so ch'io mi faccia╗.

[4] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 3, pt. 3, cap. 22, pag. 312.32: La terza si Ŕ, che quellino che si combattono in acqua debbono brigare sempre di mÚttare li loro legni nella pi¨ profonda cupezza ch'ellino possono, e quelli dei nemici di cacciare a porto e verso la terra.

[5] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. V, pt. 2, pag. 145.13: źSe la superbia salirÓ infine al cielo e 'l suo capo toccarÓ le nuvola, infino de l'abisso lo cacciar˛ne╗...

[6] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 15, pag. 266.4: similiter cetera membra, que noi poscam nostre vaisel salvament rendre al maistre, qui lo fis san e enter, nÚ qu'el no sia rot nÚ catzÓ a mal...

[7] Jacopone (ed. Contini), XIII ui.di. (tod.), 11.77, pag. 100: Alcun Ŕ che perde 'l mondo, / altri el larga como a sonno, / altri el caccia en profonno...

[8] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 18, pag. 37.17: e quando fue giunto all'isola e Tristano caccia la sua naviciella per mare.

[9] Conti morali (ed. Zambrini), XIII ex. (sen.), 9, pag. 65.7: e di tutto mio potere procaccio quello che a dannamento mi caccia, per fare a la carne il suo talento...

[10] Doc. prat., 1305, pag. 461.15: altre volte lo cacciarono su p(er) la strada p(er) me' lo luogo che fue del Baiulo.

[11] Preghiera alla Vergine, XIV in. (ver.), 13, pag. 86: li mei pecai tuti, / li qual speso en tal temor me caša / ke šÓ no so k' eo diga nŔ k' eo faša...

[12] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 2, quaestio 78, pag. 173.17: E tute queste pene in stimuli da cazare li eligi a vita eterna e li malvaxii a pena.

[13] Boccaccio, Filocolo, 1336-38, L. 5, cap. 39, pag. 598.9: acci˛ che passare possiamo questo fiumicello e di sopra quel terreno cacciare in perdizione la gente che vi vedete...

- Cacciare a, in, per terra: far cadere a terra (anche fig.).

[14] Questioni filosofiche, p. 1298 (tosc. sud-or.), L. II, pt. 3, cap. 3e, pag. 76.16: e fatto un picciolo forame uscio parte con tanto enpito che l'omo cchacci˛ in terra.

[15] Tristano Ricc., XIII ex. (tosc.), cap. 54, pag. 93.4: e T. fiedi a llui e ccaccialoa tterra del cavallo.

[16] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 37, pag. 193.27: Ma chi ha la mundizia del corpo e non quella de l'anima, Ŕ cacciato a terra, innodiato dalla gente e infamato ne' popoli...

[17] Poes. an. pis., XIV in. (?) (2), 255, pag. 81: quella colona e tuto lo 'deficio / caci˛ per terra, et pi¨ di quella giente / molti caci˛ all'infernale hospicio...

[18] A. Pucci, Novello serm., p. 1333 (fior.), 385, pag. 38: Fra que' due poggi [sÝ forte] rinbalza / che molte case di mota rin[c]alza, / la maggior parte de' fondamenti scalza / e caccia in terra.

[19] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 12, pag. 413.15: Juturnia, mossa nel cuore per questa paura, caccia a terra del carro Metisco...

[20] S. Caterina, Epist., 1367-77 (sen.), [1375] lett. 33, pag. 138.28: la quale caccia a terra l'umana superbia e grandezza e stato del mondo...

- Locuz. verb. Cacciare in fuga.

[21] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 17, pag. 115.19: E poi che l'ebbero, rifecero battaglia, nella quale due de' detti tiranni pi¨ malvagi fuoro morti, e gli altri fuoro vinti, e in fuga cacciati.

[22] Sacchetti, Rime, XIV sm. (fior.), 57.14, pag. 48: Currio e le romane schiere denno / ne gli elefanti, e 'n fuga fu cacciato...

2.1 Sollecitare (a qsa) in modo incalzante.

[1] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 14.127, pag. 157: Sagramento Ŕ cossa sagraa / chi esser dÚ sý osservÔ / che mai l'omo no lo faza, / se caxon grande non lo caza...

[2] Dante, Commedia, a. 1321, Inf. 4.146, vol. 1, pag. 75: Io non posso ritrar di tutti a pieno, / per˛ che sý mi caccia il lungo tema, / che molte volte al fatto il dir vien meno.

[3] Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.), 126, pag. 381: mostra come li par veder davanti [[...]] molte novelle di chi si sapea / ch'ebber l'orrate excellenše del mondo, / perchÚ 'l contrar di quel višio facea. / Et questo mette, prima che nel fondo / salga del grembo, per forša che faccia / correr altrui nell'operar giocondo. / Poscia dirietro descrive la traccia / di quei che per quel višio rovinaro, / et questo infrena lui come quel caccia.

- [Con inf. retto da a].

[4] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 2, pag. 182.20: O misero marito, quale crudelezza di mente ti caccia a coprirti di coteste armi?

[5] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 9, cap. 1, pag. 606.6: acci˛ che sŔ medesima riconoscendo, possa essere cacciata a pentersi.

[6] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 9, cap. 9, pag. 649.9: E per questo errore fu cacciato il popolo a fare che la testa d' Elvio [[...]] fitta in su una lancia portasse...

[7] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 97.7, pag. 642: per poder devorar ci˛ che li Ŕ grato, / hame, per lo dolor ch' io n'ho, cacciato / a demorar de qua da Cantalupo.

2.2 Introdurre, infilare, generalmente con forza (anche pron.).

[1] Belcalzer (ed. Ghinassi), 1299/1309 (mant.), pag. 168.19: chÚ quand el furor del grandixem vent viazament se caza intre le nuvolie...

[2] Lio Mazor (ed. Elsheikh), 1312-14 (venez.), 1, pag. 17.20: en questa el mis man ad 1 cortel da pan (e) dis: źE' no so che no ve cašo sto cortel en lo corpo!╗.

[3] Armannino, Fiorita (04), 1325 (tosc.), pag. 392.8: in quella parte dove egli vedea e nimici pi¨ ferventi, si caccia con sua spada in mano.

[4] A. Pucci, Libro, 1362 (fior.), cap. 9, pag. 91.34: prestamente cacci˛ il veleno nella coppa...

[5] Gradenigo, Quatro Evangelii, 1399 (tosc.-ven.), c. 7.157, pag. 48: Tu, quando adori, fÓ che tu te cace / nel cubicullo tuo con l'usso chiuxo...

[6] Codice dei Servi, XIV sm. (ferr.), 7, pag. 226.32: Benedeto siÓ vuy, messer Iesu Cristo, che in l'ora de sexta ve piaque de lassarve šudigare in su la croxe e chašare quilli clodi durissimi in le mane e in li pei...

[7] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 98, pag. 219.33: La Benvegnuda avea subito fatta la suppa, come si fa, con le spezie e tutto; e caccia il manico del romaiolo nella pentola...

[8] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 78, pag. 198.17: et f(ac)ta la lavat(i)o(n)e quella co(n)cavitate della plaga se rempla de stuppa de lino cazata fine allu fundo...

- Cacciare dentro, entro, intra qsa.

[9] Restoro d'Arezzo, 1282 (aret.), L. II, dist. 5, cap. 7, pag. 125.21: ma lo grande peso de l'acqua amolata, la quale Ŕ pi¨ alta de la terra e del monte, preme e caccia l'una acqua l'altra entro per li forati...

[10] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 627, pag. 177, col. 1: E Rainald intro un bosceto se cašÓ ...

[11] Boccaccio, Ninfale, 1344/48 (?), st. 112.2, pag. 248: Il ferro era quadrato e affusolato, / e la forza fu grande, onde si caccia / entro la quercia, e tutt' oltre Ŕ passato...

[12] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. VI (ii), par. 28, pag. 372.10: il molto cibo vince le forze dello stomaco, in tanto che, non potendo cuocere ci˛ che dentro cacciato v'Ŕ per conforto del non ordinato appetito e dal diletto del gusto...

[13] Doc. padov., c. 1379 (2), pag. 70.15: SapiŔ che maistro Bortolamio se chašÓ entra la casa contra mio volere...

[14] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 164, pag. 406.27: Ed essendo una bigoncetta nella corte, prese partito d'empierla d'acqua; ed empiuta ch'ella fu, vi cacci˛entro la pianella...

- Fig. Cacciare l'orgoglio di qno entro le spalle: ridimensionare e abbattere la fierezza (del nemico).

[15] Francesco di Vannozzo, Rime, XIV sm. (tosc.-ven.), [1379] 79.49: El grano e 'loglio / te cacerÓ l'argoglio - entro le spale...

2.2.1 Locuz. verb. Cacciare fuoco in qsa: incendiare.

[1] Novellino, XIII u.v. (fior.), 84, pag. 322.4: chÚ tutti li mise in uno monte, e cacciovientro fuoco.

[2] Ottimo, Inf., a. 1334 (fior.), c. 26, pag. 447.24: fece fare una pira, cioŔ una cassetta di legname, e al modo antico amendue li figliuoli vi fece mettere, e cacci˛evientro fuoco (soleansi ardere i corpi de' morti...

[3] Valerio Massimo, prima red., a. 1338 (fior.), L. 6, cap. 5, pag. 444.10: Poi che costui conobbe et intese, che Temistocle volea che si cacciasse fuoco nel navilio de' Lacedemoniesi...

[4] Guido da Pisa, Fatti di Enea, XIV pm. (pis.), cap. 13, pag. 24.16: a me pare che di questo cavallo noi tegnamo una di queste tre vie, ovvero di gettarlo in mare, ovvero di cacciarvifuoco entro, ovvero di pertugiarlo e sapere che v' Ŕ dentro.

[5] Ranieri Sardo, 1354-99 (pis.), pag. 152.11: fe' rubare la chasa delle redi di ser Rinieri et poi vi chaccioron fuocho et in quante ve n' aveva di que' di Papa in quella villa, tucte furono arse e rubate...

[6] Esopo ven., XIV, cap. 14, pag. 16.5: ella trovoe assai stipule e legne seche e circond˛ tuto l'alboro e cacioli fuogo dentro, e lo fuogo e lo fumo li facea grande ingiuria ali aguiati.

2.2.2 [Con ogg. rappresentato da parti del corpo].

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De quinquaginta curialitatibus ad mensam, 142, pag. 320: Le die, ki 'l caza in boca, en brutament furbie. / Quel hom ke 's caza in boca le die imprastruiae, / Le die no en plu nete, anz en plu brutezae.

[2] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De vanitatibus, 103, pag. 190: El cazˇ 'l cˇ sot l'aqua e avrÝ la boca invan...

[3] Rainaldo e Lesengr. di Udine, XIII (ven.), 639, pag. 179, col. 1: Isigrin tost se 'n va, / lo dent a col sý li Ó cašÓ ...

[4] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 3, vol. 1, pag. 118.3: tutta la turba si raccoglie; cacciagli i denti nel corpo.

[5] Esopo ven., XIV, cap. 9, pag. 11.20: e in questa fiada la grua li caz˛ lo beco in la gola, e prese l'osso e traselo della gola...

2.2.3 Locuz. verb. Cacciare (la) mano (ad un'arma): afferrare, impugnare.

[1] Fiore, XIII u.q. (fior.), 209.6, pag. 420: Vergogna sý venne contra Pietate, / E molto fortemente la minaccia; / E quella, che dottava sua minaccia, / Sý s'aparec[c]hia a mostrar sua bontate, / ChÚ ben conosce sua diversitate. / Vergogna a una spada la man caccia...

[2] Lio Mazor (ed. Elsheikh), 1312-14 (venez.), 23, pag. 59.10: źSera (e) taia!╗; e uno de queli cašÓ ma(n) a la lanceta e taiÓ, mo no sa qual.

[3] Cronaca sen. (1202-1362), c. 1362, pag. 63.15: cominci˛ a pigliare quistione co' lui e chac[ci]˛mano alla sua dagha per dare a miser Roba...

[4] Bel Gherardino, a. 1375 (tosc.), I, st. 12.8, pag. 114: e cosý gli asaliron su la strada, / onde ciascuno cacci˛ mano alla spada.

2.2.4 Fras. Cacciare il capo innanzi: procedere diritto in maniera spedita.

[1] Sacchetti, Trecentonovelle, XIV sm. (fior.), 91, pag. 210.21: Subito si mette la via fra gambe, e cacciail capo innanzi [[...]] e passando con questo impeto dalla bottega di Caperozzolo [[...]] e davvi sý fatta entro, che 'l bariglione e 'l desco, con ci˛ che v'era, and˛ per terra; e va pur oltre a suo cammino...

2.2.5 Rifl. Cacciarsi a qsa: disporsi nella condizione di intraprendere (qsa).

[1] Ultime imprese di Tristano, a. 1375 (tosc.), st. 19.6, pag. 31: e risalý a ccavallo - allo ver dire -, / la lancia in mano, et al cammino si caccia / dietro a messer Astore, giostra chiedendo.

3 Cacciare da, di qsa: spingere al di fuori di un luogo (anche fig.).

[1] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 289, pag. 38: Sego el s'amigoe, quando era tropo bello, / E fo cašao del celo con essa in abisso.

[2] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 18: per˛ che dice Yh(es)¨ SirÓc: no(n) sii leone in casa tua cacciandone li tuoi dimestichi (et) facendo male ali tuoi sudditi.

[3] Bono Giamboni, Vizi e Virtudi, a. 1292 (fior.), cap. 6, pag. 15.20: come Dio form˛ Adamo ed Eva nel paradiso, e come peccaro contra lui, e come fur cacciati di quel luogo...

[4] CaducitÓ , XIII (ver.), 26, pag. 655: Fora del paraýs delic´al / tu fus<i> cašÓ per quel peccÓ mortal...

[5] Inghilfredi, XIII sm. (lucch.), 5.12, pag. 117: Vinc' e ho vinciuto e tuttor[a] perdo, / lÓ u' son riceputo ist˛ cacciato, / in isperanza amarisco mia spene...

[6] Serventese Lambertazzi, XIII u.v. (bologn.), 306, pag. 859: Adosso a li Germţ fono andati / e de la piaša tosto gli Ón cašati, / lÓ onde se vende 'l fem i n'Ón tagliati / ben sexanta.

[7] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 144.140, pag. 615: Questo Ŕ quelo pecao prumer / chi Lucifer cazß de cel...

[8] x Ceffi, St. guerra di Troia, 1324 (fior.), 1.15, p. 181: il percosso sý gravemente nel capo, che elli il caccioe morto da cavallo.

[9] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 4, cap. 54, pag. 179.21: 'Va e di' a lu piscopu ki illu diia cachare killi carni fitenti ki su suctirrati in la ecclesia mia...

[10] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 5, pag. 14.2: audendu chi quisti Normandi si havianu receptatu a Malfi [[...]] et illý foru congregati multi genti per fina a sessanta milia Grechi, per cachari quisti Normandi di loru paisi, oy auchidirili.

[11] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 3, cap. 4, pag. 163.27: e ancora gl'abitava e perš˛ romanea voa, respose e dise: źAvanti, perš˛ ge voglo e' abitar perchÚ lo maligno spirito l'Ó ocupÔ e cašaine li omi╗.

- Sost.

[12] Matteo Villani, Cronica, 1348-63 (fior.), L. 1, cap. 84, vol. 1, pag. 159.8: e il Comune di Perugia, che ssi sentia offeso per lo cacciare della sua gente d'Agobbio...

- Locuz. verb. Cacciare (di) fuori.

[13] Pietro da BescapŔ, 1274 (lomb.), 302, pag. 38: In paradiso illi erano e stevan cortexemente; / Illi fon cašai de fora molte villanamente.

[14] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 3, pt. 3, cap. 20, pag. 308.28: e tutti quelli che non sono buoni a difŔndare le castella, sieno cacciati fuore...

[15] Cronica fior., XIII ex., pag. 131.12: di notte tenpora, entraro del mese di giungno inn Arezzo, e cacciaro fuori tutti i Guelfi.

[16] Conti morali (ed. Segre), XIII ex. (sen.), 8, pag. 500.25: e per tua lussuria ti se' cacciatafuore dell'onore ove tu eri.

[17] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 200.13: con molte cavaliere e pedone e conbattiero la ditta citade e presserla, e cacciarne fuore messer Branchalione con certe suoie seguace per parte Ghelfa.

[18] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 33, pag. 162.16: e intr˛ in la fornaxa con quel devoto sancto Azaria e con hi conpagnon, e cašš˛ for la fama del meššo de la fornaxa e fŔ l'aere p¨ frescho...

[19] Palladio volg., XIV pm. (tosc.), L. 5, cap. 11, pag. 185.28: E se lo sciame Ŕ in spelunca, caccialefuori con fumo di letame...

[20] Simone da Lentini, 1358 (sirac.), cap. 6, pag. 19.11: per beni chi lu Papa li promettissi grandi statu et honuri et dinari, a czo chi illi lu difendissiru, illi lu cacharudi fora per la porta di la chitati...

- Fras. Cacciare di, della vita / la vita: provocare la morte di qno; pass. morire.

[21] Chiaro Davanzati, XIII sm. (fior.), canz. 23.54, pag. 87: Ŕ lo mal che me mosse, / come d'ugel che fosse / la sua vita cazzato...

[22] Pistole di Seneca, a. 1325? (fior.), Indice rubr., pag. XL.29: che 'l savio non Ŕ cacciatodella vita, anzi se n'esce.

[23] Boccaccio, Filocolo, 1336-38, L. 4, cap. 130, pag. 517.23: nella mia venuta nel tristo mondo, cacciaidi vita la dolente madre.

[24] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. XV, par. 62, pag. 677.36: voi non sareste ancora Dall'umana natura, la quale per eterna legge ci˛ che nasce fa morire, posto in bando, cioŔ di quella vita cacciato, anzi sareste ancora vivo...

3.1 Locuz. verb. Cacciare via: allontanare da una precedente collocazione; fig. cancellare ogni presenza, annullare.

[1] Pamphilus volg., c. 1250 (venez.), [Panfilo], pag. 83.19: E lo pessimo erore dela luxuria sý deruina e caša via la mea siencia...

[2] Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.), pag. 126.21: ma co la morte caccer˛ via la febre╗.

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. III, cap. 5: (et) cacciavia lo so(n)no et aopra lo co(r)po tuo...

[4] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 67.56, pag. 279: tollenno lo tuo albergo, cresice far soiorno; / albergastice 'l monno e me cacciasti via: / donqua fai villania, s' tu mormori d'amore.

[5] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 1, cap. 47, vol. 1, pag. 128.2: Egli cacci˛via in un giorno la fame grande ch'era in quel paese.

[6] Cronica fior., XIII ex., pag. 98.19: men˛ seco Innocenšio papa con molti vescovi e arcivescovi, e cacci˛via Pietro Leone per forša d'arme...

[7] Lio Mazor (ed. Elsheikh), 1312-14 (venez.), 24, pag. 73.6: (E) cosý li-lo tulý e šetÓ-l via (e) cašai-lo via.

[8] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 1, vol. 1, pag. 21.5: rimossi i nuvoli, e cacciatevia le piove dal vento Aquilone...

[9] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 11, pag. 48.21: giaseva chomo morto e no poeva scriar e caššar via hi can.

[10] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 3, cap. 31, pag. 203.17: Ma lo santissimo šovem [[...]] cum gram frevor dise monto vergogna a quelo vesco e sý lo cašÓ via...

- Fras. Cacciare con morte: uccidere.

[11] Jacopo Alighieri, Io son il capo, 1327 (fior.), 25, pag. 27: sý ch'ogni cittade / cacciacon morte ogni dý gente e muta, / (chŔ s'un ti chiede, l'altro ti rifiuta) / cosý facendo a l'alta maestade...

3.2 Estens. Allontanare o tener lontano da un luogo.

[1] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), Liber cons., cap. 3: tre cose sono le quale cacciano l'omo dala casa, cioŔ lo fu(m)mo, (et) la piova che ent(r)a i(n) casa, (et) la mala moglie...

[2] Bestiario toscano, XIII ex. (pis.), cap. 77, pag. 88.18: se grande fame nol cacciasse et nol fesse movere, mai da giacere non se moveria.

[3] <Zucchero, Esp. Pater, XIV in. (fior.)>, pag. 49.43: Tali lagrime sý cacciano il diavolo fuori del cuore, come l'acqua calda caccia il cane di cucina.

[4] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 3, cap. 6, pag. 171.9: manucha la ruta e, guernita dell'olore [e] dela virtude sua, siquramente asaliscie e ucide il basalischio. L'olore suo chaccia delli orti le rane e tutti animali velenosi.

[5] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 51, pag. 64.6: Alguni extima che la noxe del cipresso chaša via li cimexe, quando se fa sufumigation de quelle over de le cime del cipresso over de le foie.

3.3 Allontanare dal domicilio, dal territorio o dall'istituzione di appartenenza e privare della fruizione dei diritti e privilegi fondamentali interconnessi; esiliare, bandire (anche fig.).

[1] Elegia giudeo-it., XIII in. (it. mediano), 20, pag. 37: Li nostri patri male pinzaru, / ke contra Deo revillaru: / lu beni ke li fici no remembraro. / Pi quisto Deu li foi adirato, / e d'emperiu loro foi caczato, / ka lo Soo nome Óbbero scordatu.

[2] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 70.23: Amulius cašao Munitorem et occise Lavinio suo filio...

[3] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 7.11: la sua parte guelfa, la quale si tenea col papa e colla chiesa di Roma, fue cacciata e sbandita della terra.

[4] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 2, cap. 41, pag. 139.2: et cosý serebero cacciati da l'ufficio [cotai signori].

[5] Stat. fior., a. 1284, I, par. 6, pag. 35.28: che non volesse essere correcto, e penitentia non ne volesse portare humilemente, siano tenuti i capitani dela Compagnia di cacciarlo.

[6] Stat. prat., 1295, pag. 446.21: se no(n) si corregge, sý debbia ess(er)e cacciato di q(ue)sta Compagnia.

[7] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 24, pag. 191.23: anco che l'uno fue cacciato della reditÓ et l'altro l'ebbe.

[8] Cronichetta lucchese (1164-1260), XIII/XIV, pag. 251.5: Fue podestade di Lucca d.no Acerbo e fucci cacciato Ferrarino Chane di Papia...

[9] Stat. pist., 1313, cap. 33, pag. 196.1: quello cotale preite ke avesse altro beneficio, calonacato, overo prelatura, e no la rifiutasse, di cacciarlo della ditta cappella...

[10] Stat. assis., 1329, cap. 6, pag. 168.5: podestÓ de punire, amonire e corregere, de cacciare, etiamdio de sospendere e amovere gle homini della dicta fraterneta per gle loro defecti em pecunia o en qualunqua altra penetentia...

[11] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 1518, pag. 393, col. 1: fecela condempnare / della testa li tagliare. / La fameglia pilliarula, / della terra cacciarola...

[12] Annali e Cron. di Perugia, c. 1327-36 (perug.), pag. 151.4: Anco in quisto millessimo fuoro cacciate egl Ghelfe de Fiorenša e gl Ghebelline signoregiaro per pi¨ tenpo.

[13] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 2, cap. 5, vol. 1, pag. 93.20: Scipio lu cathava da li finayti di lu regnamu.

[14] Lett. sang., 1340, pag. 138.27: singnificandoci ad allegrešša come certi grandi volendo turbare lo stato e 'l popolo erano per loro cacciati fuore di Firenše...

[15] Stat. trent., c. 1340, cap. 16, pag. 22.12: E s'el fos alchun che recusasso de far la penitencia che ye volesso dar el nostro ministro, incontinento si deba chašarfora de la fradaya...

[16] Stat. palerm., 1343, cap. 13, pag. 24.9: canusendusi dignu di essiri rasu e cachatu, vulimu ki per li altri officiali, ki li virranu apressu, lu diianu cachari e radiri di la nostra cumpangna plupicamenti...

[17] Stat. venez., 1344, cap. 18, pag. 372.4: E quelli o quelle che non se volesse mendar, sia cašadi de la scuola senša altra inquisicion.

[18] Stat. viterb., c. 1345, pag. 157.7: E sse po' la terša fiata che fosse correcto no(n) s'amennasse, al postucto sia cacciato dela frate(r)nitade (e) rasu dela tavula.

[19] Stat. casert., XIV pm., pag. 64.19: et si no(n) se mendasse, fia caczato dalu loco.

[20] Doc. amiat., 1360, pag. 87.18: io detta mo(n)na Mina fue chacciata de la chasa i(n)de a II mesi che morý el detto maestro Fuccio, adimando iio mona Mina la mia retta dal dý i(n) q(u)a che maestro Fuccio morý, sicondo che di ragione si vuole...

[21] Poes. an. padov., p. 1369, 20, pag. 54: EĚle leše de quel Dino / non Ó tante rasone, / chomo a mi chasone / trovasti de chašarme / he de mia mason pararme...

[22] Tristano Veneto, XIV, cap. 271, pag. 244.17: Et per questo ello voleva ben trovar alguna casion inversso lui, per la qual elo lo podesse destrucier, over almen chašar-lo et bandeciar-lo fora dela soa tera.

[23] Stat. cass., XIV, pag. 69.31: Lu frate lu quale p(ro)p(ri)o vicio exerÓ <de lu monastero> voy s(er)Ó caczato de lu monastero...

[24] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 36, pag. 297.13: aveva cachato et exulato violentemente de lo ryamo de Thesalia lo decto re Peleo...

- Cacciare a confino / in bando, esilio.

[25] Brunetto Latini, Pro Ligario, a. 1294 (fior.), pag. 182.26: O tu riterrai tre Ligari in Roma, o tre ne distuggerai, se ti piace colui cacciare in bando...

[26] Dante, Convivio, 1304-7, IV, cap. 5, pag. 288.3: Chi dirÓ di Cammillo, bandeggiato e cacciatoin essilio, essere venuto a liberare Roma contra li suoi nimici...

[27] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 12, cap. 107, vol. 3, pag. 217.8: e i tiranni che quelli popoli non poterono uccidere cacciarono inn esilio.

[28] Deca prima di Tito Livio, XIV pm. (fior.), L. 5, cap. 30, vol. 2, pag. 43.13: E ch'elli non cacciasseroin esilio il popolo di Roma...

[29] Cronaca sen. (1202-1362), c. 1362, pag. 69.33: E per questo la parte ghuelfa otenne la vetoria e fune chac[i]ati a confino e fatti ribeli molti e' quali avevano dato alchuno aiuto a Torino o a misere Ufredi.

3.3.1 [Rif. ad un'istituzione o un indirizzo politico:] privare di autoritÓ, sopprimere, abolire.

[1] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 4, pag. 74.10: E' Romani quanti mali avieno patiti, stando sotto la segnoria de' re, per dugento e quattordici anni, non solamente il cacciamento d'uno re, ma la iura fatta di cacciare il nome e la segnoria de' re apertamente il manifesta...

[2] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 5, cap. 6, vol. 2, pag. 49.15: per˛ que duy soy filgi vulianu riturniari la segnuria di Torquinu Superbu, li quali issu avia cachata, ficili pilyari et atakari ad unu palu et ficili aucidiri con una mannara.

3.4 Allontanare dal contesto d'azione di una persona.

[1] Ruggieri Apugliese (ed. Contini), XIII m. (sen.), 2.170, pag. 898: el cattivo uom non vale un uovo, / et eo da me 'l caccio e rimuovo / cun malezone.

[2] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 18: no(n) sii leone in casa tua cacciandone li tuoi dimestichi (et) facendo male ali tuoi sudditi.

[3] Sermoni subalpini, XIII (franco-piem.), 9, pag. 249.23: e Ó tal vert¨ qu'el catza los demonis del cors deil homes e tol ira a cels qui son iros.

[4] Poes. an. urbin., XIII, 15.45, pag. 573: cacša lo mi' Adverseri, ke sta sempre davante, / e ffa'li gran vergongna, Vergen victor´osa.

[5] Proverbia pseudoiacop., XIII (abruzz.), 157, pag. 34: Homo ke spisu voltase da teu consiliu cacša...

[6] Gualpertino da Coderta, XIV in. (trevis.), 1.1, pag. 339: O padre meo, pognam che me cazassi / e vaginassi ver' de mi el coltello, / tego far˛ eo come fa 'l catello / quando 'l segnore gli ha dato de' sassi, / ch'a piŔ gli torna cum zachiti passi...

[7] Doc. venez., 1315 (06), pag. 137.20: che dona Chatarina mia muiier lo possa chašar da si e debia dar alo dito Nicoleto mio fiio tuti li soi drapi da vestir...

[8] Boccaccio, Filostrato, 1335-36 (?), pt. 8, ott. 16.1, pag. 220: Tu m'hai cacciato a torto della mente...

[9] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 6, cap. 9, vol. 2, pag. 100.23: se eu consideru so patri qui lu cachau da sý, oy la matri la quali per suzzura di so filyu fu constricta di inpendirisi per la gula...

[10] Detto dei tre morti, XIV pm. (camp.), 38, pag. 410: źEo ten´a sparvere, bracchi et livreri, / cavaleri con vallecte iostrante e gintile distrere [[...]] so tornatu lurdura, li vermi me so segnore, / li parenti me cazcano, l'amichi me so dure...

[11] Tratao peccai mortali, XIII ex.-XIV m. (gen.), De lo discreto odire, vol. 1, pag. 216.12: eciandÚ furzir o chazar da lÚ li maldixanti.

3.4.1 [Rif. ad astratti, virt¨, vizi, passioni].

[1] Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.), pag. 177.17: Ma tu, Filosofia, commessa in me cacciavi del mio animo ogne desiderio delle mortali cose...

[2] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 4, cap. 16, pag. 330.8: E certo, pi¨ de' curare di cacciare li vizii, che acquistare le virt¨.

[3] Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.), De amore, L. II, cap. 10: Chi caccia la be(n)vogliensa dala vita d(e)l'omo tollesi via d'ongna letitia.

[4] Poes. an. urbin., XIII, 24.42, pag. 592: L'ore mie n'aio perdute / per le cogi[ta]tion' c'˛ avute, / ke nno me sonno desplašute / nÚ ll'˛ cašate dal mio core.

[5] Formula di confessione sic., XIII, pag. 301.18: ed onni guardia di silentziu haggiu kacchatu da me, a ggiudikari e dditrajiri e mmurmurari aggiu la lingua insinnata...

[6] <Tesoro volg. (ed. Gaiter), XIII ex. (fior.)>, L. 7, cap. 8, vol. 3, pag. 236.13: Lucano dice: Caccia tutti gl'indugii, chŔ sempre fa male l'attendere a colui che Ŕ apparecchiato.

[7] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 3, pag. 10.19: la ignoranzia la quale Ŕ venuta per malizia o per negligenzia, la quale tu potevi schifare e cacciarla da te...

[8] Nicol˛ de' Rossi, Rime, XIV pi.di. (tosc.-ven.), son. 229.11, pag. 148: la symonya cašasti di tua corte.

[9] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 2, cap. 3, pag. 41.16: la pirsune de sanctu Benedictu, quasi chaczati li spinj de la temptationi, comu terra bem coltivata, accommenzau a darj fructu de virtuti...

[10] Neri Moscoli, Rime, XIV pm. (castell.), 70.14, pag. 615: per cui servo ve so, / ch' ogne martir per ci˛ cacci˛ da me.

[11] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 60, pag. 288.15: Dee non receive nostra oferta ný nostra pregera se inprima la discordia no se caša da lo cor.

3.4.2 [Rif. a moglie, concubina:] ripudiare.

[1] St. de Troia e de Roma Amb., 1252/58 (rom.), pag. 275.15: E cašao Scribonia molge soa prima e Libia molge de Nerone essa concedente si la tolše e tenne...

[2] Fatti di Cesare, XIII ex. (sen.), [Svet.] L. 7, cap. 69, pag. 306.14: e vense Antonio re d'Egitto, perchŔ elli aveva cacciata la suo' sorocchia ch'era suo' moglie, et aveva tolta per moglie la reina Cleopatra...

[3] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 6, cap. 3, vol. 2, pag. 75.15: Ný altramenti sentiu Quintu Antistiu lu vechu, cachandu da sý sua mulyeri.

[4] Stat. perug., 1342, L. 2, cap. 4, par. 1, vol. 1, pag. 360.22: AciochÚ gl marite materia non aggiano de cacciare da sÚ senša cagione le suoie moglle...

[5] Giovanni Villani (ed. Porta), a. 1348 (fior.), L. 3, cap. 8, vol. 1, pag. 116.1: quale uomo caccerÓ la moglie, o apponendole avoltero e noĚllo provasse, ch'un altro la si possa prendere...

[6] Sam Gregorio in vorgÓ , XIV sm. (lig.), L. 4, cap. 11, pag. 233.3: poa ch'elo fu faito preve, una femena la qua inprima avea tegnua cašÓ da sý, a lo tuto se partý da ogni sua familiaritÓ, sý ch'elo l'amava como sor e fušiala como enemigo.

3.5 Espellere al di fuori dell'organismo. Locuz. verb. Cacciare fuori, via.

[1] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 2, pt. 1, cap. 16, pag. 150.21: mira quale umore corrompe e pecca nel corpo, acci˛ ch'elli il posse purgare e cacciarevia.

[2] <Egidio Romano volg., 1288 (sen.)>, L. 3, pt. 3, cap. 22, pag. 313.35: E siccome per trar sangue e per medicine l'uomo caccia fuore ei malvagi umori del corpo...

[3] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 2, cap. 7, pag. 133.31: nel feghato onde li omori s'ingienerano, sý Óe una superfluitade che lla natura chaciafuori per le reni...

[4] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. 8, pag. 13.14: E šoa al brusore de la urina, el quale ven per mordicacion de la collera in la vesiga e in le rene. E caša fura li verme de li intestini...

[5] Serapiom volg., p. 1390 (padov.), Erbario, cap. [35.7], pag. 50.5: Quando la femena se mete in la mare questa rayxe, [ge] caša fura el fecto.

[6] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 71, pag. 187.9: un(de) tucta la humiditate dellu capo quasi lu c. la caša p(er) li na(r)i...

- Estens. [Rif. ad astratti:] locuz. verb. Cacciare fuori (dal cuore, dall'anima, dalla mente).

[7] Anonimo Genovese (ed. Cocito), a. 1311, 145.203, pag. 630: javao in croxe con so ser, / cazandofor li re' penser...

[8] Simintendi, a. 1333 (prat.), L. 3, vol. 1, pag. 112.3: non vive pi¨ lungamente di lui, e cacciafuori la vita la quale pur aguale avea ricevuta...

[9] Boccaccio, Filocolo, 1336-38, L. 5, cap. 8, pag. 566.24: mostra del mio dolore gran parte: che esso, lagrimando, caccia fuori quello che dentro non pu˛ capere...

3.6 Estrarre da un luogo chiuso o da un punto d'appoggio che contiene e trattiene; togliere con forza, tirar fuori, strappare, cavare.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), De falsis excusationibus, 267, pag. 186: Trop Ŕ quel bon danÚ del qual se tra guadhanio [[...]] Ma quel ke tra descavedho, ke caza l'om de scagno, / Ki quel tenir se sforza, trop Ŕ quel mat e zanio.

[2] Bestiario moralizz., XIII (tosc./aret.-castell.), 52.6, pag. 844: └ lo Nemico simile mainera, / ke de lo core vivo sangue caccia / a ki Ó facta penitenša intera...

[3] Torrigiano (ed. Catenazzi), XIII sm. (fior.), V 487.5, pag. 268: s'eo lo tacesse, lo velen non caccio / della buscýa che tanto si favella, / e ci˛ Ŕ mag[g]ior danno e men procaccio...

[4] Boccaccio, Ameto, 1341-42, cap. 38, pag. 805.28: Dove a Polifemo cacciato l'occhio, frettolosi il mare ricercarono...

[5] Boccaccio, Decameron, c. 1370, II, 3, pag. 89.24: e prestamente di dosso una camiscia, ch'avea, cacciatasi, presa la mano d'Allessandro, e quella sopra il petto si pose...

[6] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 25, pag. 212.13: vedendo Deyphebo cossý mortalmente feruto con grande fatica lo cazao dalle battagly...

[7] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 37, pag. 312.8: percotese la facze colle pugna in multe lacrime, et cachase li soy blondi capilli de la testa...

[8] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 176.15: tre modii de anella d'oro remand˛ ad Cartagine, le quale anella haveva cacciate de le deta alli dicti Romani che nella dicta bactaglia perero.

- [Rif. a informazioni scritte:] attingere, estrapolare.

[9] Cronaca volg. isidoriana, XIV ex. (abruzz.), pag. 113.2: Comensa la Coronica de sancto Isidoro menore con alcuni aditioni cacciate del texto et istorie de la Bibia e del libro de Paulo Orosio e de le passioni de li sancti.

- [Rif. a lacrime, sudore:] cancellare detergendo ed asciugando.

[10] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 2, pag. 184.34: O diletto marito, caccia le lagrime di Creusa...

[11] Boccaccio, Ameto, 1341-42, cap. 3, pag. 684.35: alle soavi aure aperse il ruvido seno; e, cacciatisi dal viso i sucidi sudori con la rozza mano...

3.6.1 Estirpare da un corpo malato una manifestazione del male o qsa che lo provoca; eliminare (un sintomo, una sostanza di rifiuto, un fattore nocivo), curare, guarire (una malattia). Locuz. verb. Cacciare via.

[1] Bonvesin, Volgari, XIII tu.d. (mil.), Disputatio rose cum viola, 115, pag. 81: Anchora caz li morbi da l'infirmiza pelle...

[2] Giordano da Pisa, Quar. fior., 1306 (pis.>fior.), 79, pag. 381.2: L'altra si Ŕ che dopo la dieta si piglia la medicina, la quale purga e caccia via ogne malo omore e superfluitÓ.

[3] Zucchero, SantÓ , 1310 (fior.), Pt. 1, cap. 12, pag. 101.14: per lo corpo lavare e per le soperfluitadi che lla medicina Óe chaciate purghare.

[4] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 18, pag. 86.17: Et chomo lo bon meho chi ama l'infermo persegue e cašša via lo mal de la freva perchÚ 'l vol ben a l'omo...

[5] Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.), cap. 17, pag. 282.4: Lo suo grasso, ad ungere le reni, caccia via ongne dolore.

[6] Piero Ubertino da Brescia, p. 1361 (tosc.), pag. 55, col. 1.27: R(ecipe) asenšio verde pesto con albume d'uovo e super poni la sera, el sangue chaccia e llo rossore tolle di qualunque homore sia.

[7] Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.),7cap. 232, pag. 105.19: Item bivendu la brictonica cum acqua, caccha la febri et lu duluri di la ventri.

[8] x Arte del vetro, XIV ex. (fior.), cap. 37, pag. 27: beuta a digiuno caccia la parlasia de' vembri degli uomini...

[9] Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.), cap. 64, pag. 181.2: tam(en) ap(er)ta la boccha dellu cavallu infi(r)mo artificialm(en)te, cosý como par(e) da fare; cazotone lo sangue, agi lo sale in bona q(u)antitate...

- Fig. Locuz. verb. Cacciare fuori.

[10] Jacopone (ed. Ageno), XIII ui.di. (tod.), 13.24, pag. 45: L'Ira n'ha cacciata fore e mansueto ha fatto el core...

[11] Stat. cass., XIV, pag. 32.1: tutte quiste grade de la hu(m)ilitate, incontene(n)te p(er)vene ad quella p(er)f(e)c(t)a caritate, la quale cacza fore lu timore...

3.6.2 Rendere visibile una cosa nascosta. Locuz. verb. Cacciar fuori.

[1] Proverbia que dicuntur, XII u.q. (venez.), 155, pag. 529: en testa li fe' ponere en la šambra un cortino, / e cašÓ fora lo druo q'er'ascos sot'un tino.

[2] Bono Giamboni, Orosio, a. 1292 (fior.), L. 2, cap. 14, pag. 102.16: Mongiubello medesimo, che a quella stagione spesse fiamme cacciava fuori con disolamento di cittadi e di campi, ora sanza danno fa fummo in memoria delle cose passate.

[3] Cronaca sen. (1202-1362), c. 1362, pag. 114.31: E misere lo potestÓ, sabato vegniente chaci˛ fuore la bandiera e fece legiare la chondana...

[4] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 127, pag. 25: Lo capitaneo per tempo cacci˛ lo confalone; / Fa mettere lo banno, a ppena de traditione...

[5] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 3, pag. 61.26: Allora Medea aperze li suoy thesauri e cazaofore una cona de auro, laborata e penta...

3.6.2.1 Fig. Mettere qsa a disposizione degli altri.

[1] Lancia, Eneide volg., 1316 (fior.), L. 4, pag. 238.24: Andate, portate tosto le fiamme, date delle lance e cacciate li remi. || Cfr. Aen. IV, 593-594: źite, / ferte citi flammas, date tela, impellite remos!╗.

[2] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 330, pag. 72: La gente stava male, chÚ grano non trovavano; / Dicevano che li ricchi lo grano non cacciavano...

3.7.2.2 [Rif. al denaro:] ricavare a proprio vantaggio, guadagnare.

[1] Buccio di Ranallo, Cronaca, c. 1362 (aquil.), quart. 562, pag. 126: Fa essequire li statuti in Aquila et in contato: / Denari assai trarranne, come agio ymaginato╗. / Missere Bonajonta quillo consillio prese; / Plu de vinti once d'oro ne cacciava lo mese...

[u.r. 01.03.2022; doc. parzialm. aggiorn.]