ECCELLENZA s.f.

0.1 acilenza, 'ccelenzia, eccelenza, eccelenzia, eccelenzie, eccellentia, eccellenza, eccellenze, eccellenzia, eccellenzie, ecciellanza, ecciellentia, ecciellenza, ecciellenzia, eccillensa, ecelenzia, ecellença, ecellentia, eciellenze, eciellenzia, escelenzia, escellenza, escellenzia, escielenzia, esciellentia, excelencia, excelentia, excelenzia, excellença, excellençe, excellencia, excellensa, excellentia, excellentie, excellenza, excellenzia, exciellenza, exelentia, exzelenza, scellenzia.

0.2 DELI 2 s.v. eccellenza (lat. excellentiam).

0.3 Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.): 1.3.

0.4 In testi tosc.: Panuccio del Bagno, XIII sm. (pis.); Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.); Zucchero, Sfera, 1313-14 (fior.); Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.); Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.).

In testi sett.: Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.); Elucidario, XIV in. (mil.); Paolino Minorita, 1313/15 (venez.); Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.); Sam Gregorio in vorgà , XIV sm. (lig.).

In testi mediani e merid.: Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.); Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.); Destr. de Troya, XIV (napol.); Anonimo Rom., Cronica, XIV.

In testi sic.: Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.); Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.).

0.5 Locuz. e fras. per eccellenza 1.1.1, 1.1.2.

0.7 1 Qualità di chi o di ciò che è al vertice di una scala di valori. 1.1 Chi o ciò che è al vertice di una scala di valori. 1.2 Locuz. avv. Per eccellenza: in sommo grado. 1.3 Locuz. avv. Per eccellenza: per antonomasia. 2 Massimo o grande grado di abilità (nell'esercitare un'arte). 3 Quantità o qualità che eccede il normale. 4 [Come titolo onorifico].

0.8 Rossella Gasparrini 30.03.2006.

1 Qualità di chi o di ciò che è al vertice di una scala di valori.

[1] Panuccio del Bagno, XIII sm. (pis.), 13b.39, pag. 91: Però [colui] en cui è poderoza [[...]] il qual senpre dezia / prosperità a om dare e valensa / e vòle e ppò per sua magna eccillensa.

[2] Giordano da Pisa, Pred. Genesi 2, 1308 (pis.), App. 1, pag. 174.8: E la ragione è questa, per l'excellenzia del cibo del Corpo di Cristo, però che dée andare innanzi a tutti li altri cibi.

[3] Elucidario, XIV in. (mil.), L. 1, quaestio 39, pag. 96.19: La excelentia de lui e la soa segnoria ge piaxé molto, pensando ke s'el avese complido lo so pensere illi seraveno metudi segnore e comandaor de li oltri remaninti, e posenti sovra loro.

[4] Giunte a Restoro, XIV in. (it.sett./fior./eugub.), [7], pag. 257.17: questa cosa, c'ha tutte le predette eccellenzie, è Idio sommo bene. Pon mente il cielo, che si volge: or chi 'l volge? Conviene di necessità che sia spirito questo.

[5] Dante, Commedia, a. 1321, Par. 12.110, vol. 3, pag. 200: Se tal fu l'una rota de la biga / in che la Santa Chiesa si difese / e vinse in campo la sua civil briga, / ben ti dovrebbe assai esser palese / l'eccellenza de l'altra, di cui Tomma / dinanzi al mio venir fu sì cortese.

[6] Buccio di Ranallo, S. Caterina, 1330 (aquil.), 444, pag. 380, col. 1: or tengo altra scientia / de majure excellentia, / la quale rechò Christu.

[7] Mazz. Bell., Storia (ed. Gorra), 1333 (pist.), pag. 520.5: Costui tutti i maggiori di Tesaglia e nobili per la virtù della sua eccellenzia con affetto di tenera dilezione amaveno, facciendogli riverenzia non meno che al re Pelleo.

[8] Ottimo, Par., a. 1334 (fior.), c. 1, pag. 11.9: Nota, che il disiderio dello intelletto si è la visione della divina essenzia, la quale è tanto alta, che lla memoria che s' afonda in organo corporale [[...]] non si puote ramemorare nè ridire cotale eccellenzia.

[9] Giovanni Campulu, 1302/37 (mess.), L. 1, cap. 5, pag. 17.28: «O sanctu Gregoriu, eu vorria sapiri chi humilitate appe intra la consciencia sua chistu sanctu patre, che da fore fo de tanta excellencia».

[10] Accurso di Cremona, 1321/37 (mess.), L. 4, cap. 3, vol. 1, pag. 170.6: Ca essendu vinutu Alexandru a vidiri Dyogenes sedendu a lu suli et pregandulu que issu li dicissi se vulia alcunu serviciu da issu, commu era collocatu in una grutta, homu di laydu nomu ma di grandi excellencia.

[11] Ciampolo di Meo Ugurgieri, a. 1340 (sen.), L. 7 argomento, pag. 217.3: L'Eneida di Virgilio si divide in due parti, [[...]] ma questi sei sequenti so più sorti e di maggiore eccellenza in opere, si come l'Autore medesimo dice.

[12] Boccaccio, Esposizioni, 1373-74, c. VII (i), par. 40, pag. 390.4: «Cardinali» [[...]] per ciò che questi per eccellenzia portano il cappello rosso e hanno a rapresentare nella Chiesa di Dio il sacro collegio de' settentadue discepoli...

[13] S. Caterina, Libro div. dottr., 1378 (sen.), cap. 96, pag. 192.5: Quale sarebbe quella lingua che potesse narrare l' eccellenzia di questo ultimo stato unitivo, e i frutti diversi e divariati che riceve essendo piene le tre potenzie dell' anima?

[14] Enselmino da Montebelluna, XIV pm. (trevis.), 865, pag. 55: A zaschun lasi pur qualche exzelenza, / et a mi, dolorosa, niente lasi / vedendome qui star in toa presenza.

[15] Destr. de Troya, XIV (napol.), L. 1, pag. 49.25: Li cuonti et altri nuobili huomini de Thesalia intanto cariavano e monstravano de honorare chisto Iasone per la excellentia de soa virtute, che non era defferentia de lo honore che portavano a lo re Peleo loro signore de chello che avessero portato a lluy.

- [Con termine di confronto espresso].

[16] Paolino Minorita, 1313/15 (venez.), cap. 20, pag. 24.17: Et alguni, dise Aristotele, desmonta in questa extremitade per vanagloria, sì cho algun de Grecia, li qual per mostrarse stranii e de alguna excellencia plu de li oltri se vestiva plu despresiadamente che no se ge conveniva.

[17] Francesco da Buti, Purg., 1385/95 (pis.), c. 11, 91-102, pag. 261.6: imperò che, se l'omo cerca per la sua virtù eccellenzia sopra li altri, pecca per superbia.

- [Rif. ad un termine neg.].

[18] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 9, 52-66, pag. 212, col. 2.10: E però vogliendo mostrare l'A. l'ecellentia del peccado del ditto vescovo, dixe che mai 'non s'entrò in Malta' per simele; quasi dicat: 'mai non fo commesso un simel in crudeltà e senza pietà umana'.

1.1 Chi o ciò che è al vertice di una scala di valori.

[1] Bosone da Gubbio, Capit., c. 1328 (eugub.), 119, pag. 381: Perché ci sien le virtú piú dilecte, / e' viçî piú ci sieno abominanti / dinançi al ben purgar d' ognun di secte, / mostra come li par veder davanti / ( quale scolpito, qual udía, qual vedea / et qual sognando et qual parea per canti) / molte novelle di chi si sapea / ch' ebber l' orrate excellençe del mondo, / perché 'l contrar di quel viçio facea.

1.2 Locuz. avv. Per eccellenza: in sommo grado.

[1] Zucchero, Sfera, 1313-14 (fior.), cap. III, 2, pag. 125.11: Quello segno è detto che nasca cosmico nel quale e col quale si leva la mattina sopra l'orizonte il sole per eccellenzia...

[2] Boccaccio, Teseida, 1339-41 (?), L. 7, ott. 48.7, pag. 462: e sempre il nome tuo per eccellenza / più ch' altro iddio avrò in reverenza.

1.3 Locuz. avv. Per eccellenza: per antonomasia.

[1] Andrea da Grosseto (ed. Selmi), 1268 (tosc.), L. 3, cap. 3, pag. 187.17: Addunque, per excellenzia è uno veracie amico, cioè Dio: però che solo Dio può guardare l'animo tuo, e salvare l'anima tua, et neuna persona vuole che pera.

[2] Ottimo, Purg., a. 1334 (fior.), c. 16, pag. 292.8: Ed intendesi messer Guido da Castello, come quando uomo dice la Città, sanza dire più, per eccellenzia s' intende Roma.

[3] Boccaccio, Ameto, 1341-42, cap. 29, pag. 761.34: E già tutta Lazia mi chiamava per eccellenzia la formosa ligura.

2 Massimo o grande grado di abilità (nell'esercitare un'arte).

[1] Ottimo, Purg., a. 1334 (fior.), c. 11, pag. 188.30: qui tratta di loro [[...]] com' io dissi, che Giotto aveva tolta la fama della eccellenzia del dipignere a Cimabue.

[2] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 7, pag. 30.17: Lo capomastro de tutta l'opera abbe nome mastro Ballo de Colonna, escellentissimo falename, lo quale fu de tanta escellenzia, che sappe 'nanti dicere lo dìe, l'ora, lo ponto nello quale quello tetto fu in tutto fornito.

3 Quantità o qualità che eccede il normale.

[1] Giordano da Pisa, Prediche, 1309 (pis.), 15, pag. 123.16: Unde diceno i santi che la troppa excellentia dei vestimenti è peccato mortale, et àe in sé .viiij. peccati mortali.

[2] F Piero de' Crescenzi volg., XIV (fior.), L. 2, cap. 14: Ma l'acqua piovana advegnia che sia fredda inpertanto non ha excellentia di freddo... || Crescenzi, [p. 41].

[3] Sam Gregorio in vorgà , XIV sm. (lig.), Prologo, pag. 71.20: se recorda quar arcuna vota fu in lo stao monastico, como tute cosse li stavam sota li pee e como a tute le cosse volubile sovrastava, como nexunne cosse se non celestiae pansar solea e como eciamdé per excelencia de contemplacium era rapio for de l' abitatium de lo corpo...

4 [Come titolo onorifico].

[1] Matteo dei Libri, XIII sm. (bologn.), 39, pag. 112.2: Unde illi, intendendo soa demandaxone, e considerando la soa fedeltate e la soa devocione, e quella pura fede in la quale li soi antecessori èn stati, et ello cum loro, plaquili de volere ke miser N. et eo cum lui venissemo a li pedi de la vostra excellentia, per mandare a complimento tuto desiderio, tuta voluntate de lui.

[2] Fr. da Barberino, Regg., 1318-20 (tosc.), Proemio, cap. 1.65, pag. 5: Sarò davanti alla vostra Ecciellentia, / Colla risposta ch' allora convengnia».