DONNO s.m.

0.1 domni, domno, dompno, dompnu, doni, donn', donni, donno, dono, donpnj, donpno, donpnus, donpo, dopno, duonno.

0.2 Lat. domnus, forma sincopata di dominus (DELI 2 s.v. donno).

0.3 Doc. osim., 1151: 2.

0.4 In testi tosc.: Doc. fior., 1279-80; Doc. sen., 1277-82; Stat. pis., a. 1327; Doc. amiat., 1359.

In testi sett.: Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.); Cronaca di Venezia, 1350-61 (venez.); a Doc. ver., 1376 (7).

In testi mediani e merid.: Doc. osim., 1151; Doc. perug., 1322-38; Lett. napol., 1353; Stat. assis., Aggiunta 1361; Doc. castell., 1361-87; Anonimo Rom., Cronica, XIV.

In testi sic.: Senisio, Caternu, 1371-81 (sic.).

0.6 N Le att. in Jacopo Alighieri, Inf. (ed. Bellomo), 1321-22 (fior.) e Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.) sono cit. dantesche.

0.7 1 Signore, padrone di qsa. 2 Titolo onorifico anteposto al nome di ecclesiastici o di personaggi illustri.

0.8 Paola Picecchi 02.11.2006.

1 Signore, padrone di qsa.

[1] Parafr. Decalogo, XIII m. (?) (bergam.), 63, pag. 421: Novamente ala riv a una zitade, / li doni la vito andar per li contrade; / quella donzella fo prisa e vergoniata / e duramente ala fo lapidata.

[2] Laude cortonesi, XIII sm. (tosc.), 37.17, vol. 1, pag. 251: Tre ordine plantasti: / li minori in prima vocasti, / e puoi li donni reserasti, / li continenti a perfectione.

[3] Gl Jacopo Alighieri, Inf. (ed. Bellomo), 1321-22 (fior.), 22, pag. 175.13: Frate Gomita fu alcuno di Sardigna, vicario e fattore del giudice Nino di Galura, il quale, avendo di suo donno, cio di suo signore, alquanti nimici presi, per certa quantit di danari ricevuti da loro gli dimisse...

[4] Gl Jacopo della Lana, Inf., 1324-28 (bologn.), c. 22, 76-90, pag. 541, col. 2.2: Donno, si a dire Segnore, in lengua sarda, ed eziandeo ciciliana.

[5] a Doc. ver., 1376 (7), pag. 365.11: Suplica ala benig(n)a segno(r)ia vostra li in(fra)ss(crip)ti vostri citayni parochiani dela (con)tr de S. Ma(r)cho, p(er)ch mes(er) dop(no) [...] dela ditta vostra gexia s h fatto faro un muro sul te(r)ren e segr de Sa(n) Marcho [...]a e p(er) seraro el segr, az che algune bestie n alguno vitup(er)io possa fir fatto [...] [dit]to segr, la qual (con)sa e semp(ro) ser de grando honoro ala (con)tr.

2 Titolo onorifico che si antepone al nome di ecclesiastici o di personaggi illustri.

[1] Doc. osim., 1151, pag. 151.14: ta(n)tu(m) rep(ro)micto sup(er)scrito d(onn)o Crimaldo episcopus...

[2] Doc. fior., 1279-80, pag. 509.22: D(omi)no Papa de dare s. XIJ di ravg. d VJ sette[n]bre: paghai a maestro Kurrado da Cingholi qu'and per prochoratore de la Cortte <a Cita> a Civata Nuova dinanzi a donno Sali[n]bene per la quistione ch'e la Cortte cho Benvenuto d'Atto d'una condanascone di lb. mille dina[n]zi a Sali[n]bene detto.

[3] Doc. sen., 1277-82, pag. 178.11: Ancho VI lib. minus XXX den. martid ai sei d d' agosto da duonno Bernardino Picuolo a richoltti in f. dugetto sesata et cinque.

[4] Stat. pis., a. 1327, L. 2, cap. 43, pag. 106.2: Ordiniamo, che nessuna persona possa gittare n fari gittare alcuna bestia morta, overo sossura che scita sia dalla bestia, dall' abeveratojo verso Villa di Chiesa, n presso a l' abiviratojo a una balistrata, n de la Porta Maestra infine all' orto di donno Serci, ora di Sancta Maria di Valvirde, n in nessuna altra parte presso a Villa a una balestrata...

[5] Doc. perug., 1322-38, pag. 103.6: Matiolo de Magiolo co(n)par p(er) la dicta fraterneta da do(n)no Giacopo de Peroscio de porta (Santo) Angnolo, paropfia de (Santo) Fortenato, s co apare carta p(er) mano de Luca de Buonaspiene not., una casa posta ella dicta porta e paropfia apresso al dicto luoco, a Mcccxxiiij a d xxiiij de sete(n)bre, p(er) preo de lb. cc d.

[6] Lett. napol., 1353, pag. 123.18: Do(n)no Roberto vi se a(r)recoma(n)da (et) sta i(n) S(an)c(t)o Ia(n)ne Maiuri (et) mastro Tolmo sta (con) ip(s)o, (et) Fra(n)cischiello sta (con) Antuono de lo Doe...

[7] Doc. amiat., 1359, pag. 84.13: Ancho lassa a dono Andreia, rectore de la chiesa di s(an)c(t)a Crocie, p(er) messe chantare XV s.

[8] Cronaca di Venezia, 1350-61 (venez.), Intr., pag. 241.3: Anchora si da savere che un donp(nus) Elia grego, [fo] ellecto in lo patriarchal segio de Grado da tuti li chalonixi e da tuto lo povolo, e confermado da Pellagio papa de Roma...

[9] Stat. assis., Aggiunta 1361, pag. 53.20: ordenamo e reformamo che qualunqua persona della dicta fraternata recordasse e nomenasse ella dicta fraternata che donpnj Giovangnie de Giliuccio d'Asiscie retornasse ella dicta fraternata che quella persona che 'l dicto donpnj Giovangnie nomenasse che della nosstra fraternata sia sciuso e casso et non ce possa retornare ella dicta fraternata...

[10] Senisio, Caternu, 1371-81 (sic.), vol. 2, pag. 274.20: Et poi factuni ipsu alcuni servicii di muramma et pagatu, ni ristau ad dari tr. vj. Patri dompnu abbati, manduvi li ferri di frati Paulinu, li quali su ferri lxxxxv et di clova di firrari miglara v.

[11] Doc. castell., 1361-87, pag. 185.18: Receve(m)mo questi xviij fior. p(re)sente Antonio da Ma(r)o(n)e (e) Fe(n)ne da Boysciano (e) donn' A(n)gnilo, nel d(i)c(t)o d ve da noi Malaca(r)ne viij ancot(ani) dei xviij fior., che disse che volea (con)parare ij vanghe de questi (e) de quelli xij ancot(ani) (e) cmeo ch'esso anco rete(n)ne.

[12] Anonimo Rom., Cronica, XIV, cap. 11, pag. 68.12: Abbe nome donno Alfonzo, figlio dello re Duranno re de Castelle.

[u.r. 29.05.2018]