MARZACOTTO s.m.

0.1 maššacocti, marzacotto, mazzacotto.

0.2 Pellegrini, Arab., p. 122 (ar. mashaqunya).

0.3 Stat. sen., 1301-1303: 1.

0.4 In testi tosc.: Stat. sen., 1301-1303; Boccaccio, Corbaccio, 1354-55.

0.6 N Doc.: cit. tutti i testi.

0.7 1 Massa semilavorata preparata con quarzo e cenere vegetale, ricca in sali potassici e sodici, utilizzata nella preparazione di ceramica e vetro.

0.8 Giulio Vaccaro 19.02.2007.

1 Massa semilavorata preparata con quarzo e cenere vegetale, ricca in sali potassici e sodici, utilizzata nella preparazione di ceramica e vetro.

[1] Stat. sen., 1301-1303, cap. 28, pag. 21.23: La soma del mazzacotto, VJ denari kabella; et passagio IJ soldi, VJ denari.

[2] Doc. orviet.-umbr.merid., 1312, pag. 26.4: Per ciascuna soma de maššacocti, Octo s.

[3] Boccaccio, Corbaccio, 1354-55, parr. 311-20, pag. 94.26: senza che infino a' fornaciai a cuocer guscia d' uova, gromma di vino, marzacotto e altre mille cose nuove n' erano impacciati.