ORSACCHINO s.m.

0.1 orsacchini, orsacchino.

0.2 Da orsacchio.

0.3 Simintendi, a. 1333 (tosc.): 1.

0.4 In testi tosc.: Simintendi, a. 1333 (tosc.); Boccaccio, Ninfale, 1344/48 (?); Francesco da Buti, Purg., 1385/95 (pis.).

0.7 1 [Dimin. di orsacchio:] cucciolo d'orso.

0.8 Elizabeth N. Simari 08.07.2008.

1 [Dimin. di orsacchio:] cucciolo d'orso.

[1] Simintendi, a. 1333 (tosc.), L. 13, vol. 3, pag. 134.3: Tu non averai piccole dilicatezze, n vigli doni: io ti dar i dani, e le lievri, e' cavriuoli, e 'l paio di pippioni, e 'l nido levato dal tetto: io trovai due orsacchini ne' sommi monti, co' quali tu ti potessi trastullare...

[2] Boccaccio, Ninfale, 1344/48 (?), st. 104.2, pag. 246: Se tu pur fuggi, tu se' pi crudele / che non l' orsa quand' ha gli orsacchini, / e se' pi amara che non il fiele, / e dura pi che sassi marmorini...

[3] Francesco da Buti, Purg., 1385/95 (pis.), c. 4, 58-75, pag. 87.24: E cos fingeno li poeti per mostrare che Giove era iddio che lo mutasse in orsacchino, e ponesseli in cielo; lo picciolo al corno, e lo grande al carro.