FINGENTE agg.

0.1 fingente, fengente.

0.2 V. fingere.

0.3 St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.>tosc.): 1.

0.4 Att. solo nelle St. de Troia e de Roma.

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Che finge.

0.8 Luca Nobile 07.07.2008.

1 Che finge.

[1] St. de Troia e de Roma Laur., 1252/58 (rom.>tosc.), pag. 279.18: Et abbe granne scientia de lectera et bello parlamento ma fo de pessimo animo et infengease de sapere quello ke non volea. Ma pertanto onne cosa facea per consilio et ad quelli ke avea in odio, sė li mustrava de volere bene et avea meliore responsione e consilio, ke se esso lo pensasse. Et abbe per ingenio la sinioria da li senatori. Et con fengente animo nanti vedea le cose ke devea dicere ad le persone et per sapere vencea tutti li boni.

[2] St. de Troia e de Roma Ricc., XIV (rom.>tosc.), pag. 279.36: Et avea grande scientia di lectere e chiaro parlamento, ma fu di pessimo animo e infingeasi di volere quello che non volea, ma pertanto ogni cosa facea per consiglio. Et a quelli che aveva in odio sė lli mostrava di voler bene. Repentina responsione e consiglio avea migliore che se egli lo pensasse e per ingegno ebbe la signoria da' senatori. Et con fingente animo dinanįi vedea le cose che dovea dire a le persone. Et per sapere vincea tucti li buoni.