FINGITIVO agg.

0.1 fingitivo, fingitivi.

0.2 Da fingere.

0.3 Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.): 1.

0.4 In testi sett.: Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.).

In testi sic.: Angelo di Capua, 1316/37 (mess.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Che rappresenta in modo figurato (rif. al parlare poetico o ispirato).

0.8 Luca Nobile 07.07.2008.

1 Che rappresenta in modo figurato (rif. al parlare poetico o ispirato).

[1] Jacopo della Lana, Par., 1324-28 (bologn.), c. 17, 121-132, pag. 400, col. 1.9: Che se la voce, o 'chi mastegar le toe parole tanto ch'elle vegnano ad essere digeste, elli s s'avedranno como lo to parlare poetico e com' fittivo e d'exempi fingitivo, s che non prenderanno ira alcuna, imper che ad esempificare non se prende fe' per exempio, ma acquistase scientia della cosa exempificada'.

[2] Angelo di Capua, 1316/37 (mess.), L. 6, pag. 101.12: Allura la indivina, audendu li prigeri di Eneas, dumandu la rraiusa bucca et li soy feri culuri et fingitivi paroli, et tuccandu li porti grandissimi di lu albergu, li quali eranu firmati, s si apersiru mantinenti per si midemmi; et zo factu, dedi risponsu ad Eneas in kistu modu...