SCHIAFFO s.m.

0.1schiaffo, schiafo, sclafi.

0.2 Etimo incerto: longob. *slaff (cfr. ted. Schlappe, ingl. slap)?

0.3 Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.): 1.

0.4 In testi sett.: Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342; Pass. e Risurrez. udinese, XIV (ven.).

0.6 N Doc. esaustiva.

0.7 1 Colpo dato sul viso o sulla testa col palmo della mano aperta.

0.8 Giovanna Lenzi-Sandusky 28.07.2008

1 Colpo dato sul viso o sulla testa col palmo della mano aperta.

[1] Bart. da San Concordio, 1302/08 (pis.>fior.), dist. 30, cap. 7, par. 5, pag. 459.14: Dicesi di Socrate, che avendo ricevuto uno grande schiaffo, non rispose altro, se non che disse: molesta cosa è che l' uomo non sappia…

[2] Parafr. pav. del Neminem laedi, 1342, cap. 22, pag. 108.22: Perqué portê-vu arme, che mae e' no dè schiafo né oregiaa a homo chi viva? Vu me poevi ben prender ogne dì al tempio …

[3]Pass. e Risurrez. udinese, XIV (ven.), 35, pag. 188: a Pilato çudese a zudegar fo dato. / Da falsi testimonij el fo forte acusato. / de sclafi e de galtade feramen l' à piato, / coverto de una coça da' servi fo befato...

[u.r. 31.10.2013]